Il BAR: un buono al servizio del bene comune

Giovedì, 22 giugno/ 2017  

Movimento Distributista Italiano / Sete di Giustizia

 Redazione Quieuropa, B.A.R., Matteo Mazzariol, Sergio Basile, Nicola Arena, Sete di Giustizia,  sistema banario,  Gela,  Buono  Comunale di  Agevolazione  Reddituale, Movimento Distributista, rarefazione monetaria, crisi truffa, moneta 

Il BAR: un buono al servizio del bene comune

Il buono comunale non intende sostituirsi all'euro ma,

nel rispetto della normativa monetaria e fiscale,

intende offrire una soluzione all'attuale rarità

monetaria, rilanciando l’economia, sulla scia

dell'esperienza auritiana

 

Movimento Distributista Italiano / Sete di Giustizia

BAR - BUONO COMUNALE DI AGEVOLAZIONE REDDITUALE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Nasce il BAR: buono al servizio del bene comune 

Gela (Caltanissetta) di Movimento Distributista / Sete di Giustizia - Moneta e bene comune. Di questo si è discusso lo scorso sabato 17 giugno a Ragusa, alle ore 17.00, presso la sede del Consorzio “La Città Solidale”. L’incontro è stato organizzato dal gruppo “Giustizia e Carità”, recentemente costituitosi a Ragusa e composto da laici cattolici interessati ai temi economici-sociali, e dal Movimento Distributista Italiano (distributismomovimento.blogspot.com), sezione di Ragusa. Dopo l’introduzione del Dott. Matteo Mazzariol, presidente nazionale del Movimento Distributista Italiano, che ha esposto in estrema sintesi il pensiero distributista e le sue possibilità applicative nel mondo d’oggi, hanno preso la parola i due relatori, Sergio Basile e Nicola Arena, rispettivamente Presidente e Vice-presidente dell’associazione nazionale Sete di Giustizia, che si occupa di temi monetari, con particolare riferimento alle teorie del Prof. Giacinto Auriti. I due relatori hanno cominciato il loro intervento riflettendo sul fatto che tutto ciò che riguarda la moneta oggi è spesso avvolto da un’aurea di mistero ed apparente complessità, per cui si tende a demandare ai cosiddetti “esperti” queste tematiche, mentre – hanno sottolineato –

                                            è di fondamentale importanza

                 che tutti i cittadini acquisiscano almeno le conoscenze basilari

  circa il meccanismo con cui oggi il denaro viene creato ed immesso in circolazione.

Contrariamente a quanto si pensa infatti – hanno continuato – oggi la moneta non è più collegata ad alcuna riserva aurea ma viene prodotta “ex nihilo”, cioè dal nulla, esclusivamente dal sistema bancario, in regime di monopolio assoluto, come “fiat money” e come debito di Stati e cittadini. Ciò ovviamente ha enormi implicazioni sulla vita economica-sociale della collettività, generando un perpetuo ed ineluttabile indebitamento di tutto il corpo sociale verso il sistema bancario stesso.

  Buono Comunale di Agevolazione Reddituale 

Entrando nel vivo dell’argomento, i relatori hanno poi presentato al pubblico il loro progetto, chiamato “Buono comunale di Agevolazione Reddituale” , spiegando che esso rappresenta un tentativo di ovviare alla carenza di denaro da parte dei cittadini e delle casse comunali, attraverso appunto l’emissione di un buono, da parte del comune, dotato di un valore nominale convenzionale e di proprietà del portatore. Tale buono potrà essere utilizzato da chi lo detiene per scambiare beni e servizi all’interno di una rete costituita da piccoli produttori locali, artigiani, esercizi commerciali e professionali, che si dovranno impegnare ad accettare tale buono per una quota pari almeno al 20% dei beni e dei servizi che offrono. E’ previsto che tali buoni siano emessi con tagli di valore diverso (1, 2, 5, 10, 20 BAR) e, per semplicità di calcolo, 1 BAR corrisponderà ad 1 euro, pur rimanendo il buono stesso non convertibile in euro. Il progetto prevede una serie di fasi, che dovrebbero portare alla progressiva espansione dell’utilizzo del buono all’interno della cittadinanza. Il primo passo sarebbe costituito dall’avvio di una sperimentazione con 100 famiglie con reddito disagiato, alle quali verrebbe corrisposta una quota di 100 BAR al mese per un anno. Successivamente il comune potrebbe decidere di utilizzare il BAR per finanziare l’avvio di servizi che al momento non possono attivati per la scarsità di euro, colmando così quel vuoto apparentemente incolmabile tra la richiesta di servizi da parte di chi ne ha bisogno e la disponibilità di offerta professionale e di manodopera da parte di chi invece è disoccupato.

                                                               Il BAR

                                    – hanno voluto sottolineare i relatori –

non si vuole sostituire all’euro ma, nel pieno rispetto della normativa monetaria e fiscale,

       intende offrire la possibilità di trovare una soluzione alla attuale rarità monetaria,

                              rivitalizzando e rilanciando l’economia locale.

In questo senso – hanno ancora voluto evidenziare Basile ed Arena – il successo di iniziative del genere non dipende tanto dalla loro fattibilità in termini generali ma dal grado di adesione che esse riscontrano nella popolazione. Più larga sarà la rete dei produttori, commercianti e professionisti che aderiranno, più ampie saranno le possibilità che il BAR venga accettato e riconosciuto da tutti come un valido strumento in grado di facilitare gli scambi e quindi possa contribuire al benessere della comunità.

 Presentato al Comune di Gela                               

L’incontro è poi proseguito con un animato dibattito, in cui i relatori hanno avuto occasione di rispondere alle tante domande fatte dal pubblico. Tra le altre cose i relatori hanno voluto segnalare che proprio nei giorni scorsi il BAR è stato presentato alla giunta comunale di Gela, che ha dato un forte segnale di apertura all’iniziativa, e che, su queste basi, si è costituito anche a Ragusa un comitato promotore, che intende portare avanti la proposta, farla conoscere al più ampio numero possibile di ragusani, raccogliendone l’adesione per poi confrontarsi con la giunta comunale. Pensiamo che iniziative di questo genere, basate sulla competenza e sull’amore per il bene comune, non possano altro che essere interpretate come un segnale positivo per la società civile, uno stimolo ad acquisire sempre più consapevolezza e conoscenza rispetto ad un argomento delicato e spinoso – il denaro – che, da strumento al servizio della collettività, si è purtroppo trasformato in mezzo di controllo e di asservimento di una minoranza – i banchieri – sul resto della popolazione.

Movimento Distributista Italiano / Sete di Giustizia (Copyright © 2017 Qui Europa)

distributismomovimento.blogspot.com

partecipa al dibattito – infounicz.europa@gmail.com

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

____________________________________________________________________________________________

 Sete di Giustizia – Seguici su Facebook               

NOI  SIAMO  PER LA PROPRIETÀ  POPOLARE DELLA   MONETA.

Oggi la moneta nasce di proprietà della banca che la emette prestandola ai cittadini.

Noi vogliamo che nasca di proprietà dei cittadini e che sia accreditata 

ad ognuno come " REDDITO di CITTADINANZA ".

DISEGNO DI LEGGE N°1282 SENATO XII LEGISLATURA 

DIS. LEGGE N°1889 SENATO XIII LEGISLATURA

Disegno di Legge proposto dal Sindacato Anti USura 

Segretario Generale  avv. prof. Giacinto Auriti

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

Vedi anche  www.simec.org e Sete di Giustizia

____________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                         

Il messaggio di Fatima e la rivoluzione monetaria di Giacinto Auriti

Il messaggio di Fatima e la rivoluzione monetaria di Giacinto Auriti

- di Sergio Basile, Presidente "Sete di Giustizia" - Redazione Quieuropa,  Sergio Basile, Madonna di Fatima, 13 Maggio, Guardiagrele, Giacinto Auriti, Supplica alla Madonna di Fatima, Approvazione eclesiastica, Sete di Giustizia, Guardiagrele, Padre Colombano, Codice Civile Greco, Nuovo Testamento, scontro finale tra bene e male di cui parla l'Apocalisse, citazione di Gesù, San Bernardino da Siena, usurai medievali ebrei, Sant’Eusanio del Sangro, testimonianza di [...]

Giacinto Auriti: l’uomo che surclassò liberismo e socialismo

Giacinto Auriti: l’uomo che surclassò liberismo e socialismo

Venerdì, 22 Aprile/ 2016    – di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Giacinto Auriti, Nuovo Ordine Mondiale, Benedetto XVI, Cardinal Ratzinger, Nuovo Disordine Mondiale", social-comunismo, liberal-capitalismo, contrapposizioni fittizie, Giudeo-Massoneria e Socialismo anglo-americano,  Bretton Woods, Masters of Wisdom, Round Table, John Maynard Keynes, deficit spending, debito pubblico, moltiplicatore economico della ricchezza nazionale, moneta-debito,Von Mises e Von Hayek, privatizzazioni e libero mercato, Patto di Bilancio, credito pubblico, moneta-credito, inutile contrapposizione tra profeti del liberismo [...]

Il Liberalismo: l’anello di congiunzione tra Capitalismo, statalismo (Marxismo) e permissivismo morale

Il Liberalismo: l’anello di congiunzione tra Capitalismo, statalismo (Marxismo) e permissivismo morale

Giovedì, 17 Novembre/ 2016    di Sergio Basile e Matteo Mazzariol  Redazione Quieuropa, Movimento Distributista, Chesterton, Sergio Basile, Matteo Mazzariol, Liberalismo, Capitalismo, Marxismo, permissivismo morale, Karl Marx, Lenin, Rivoluzione Bolscevica, sistema bancario  Il Liberalismo: l'anello di congiunzione tra Capitalismo, statalismo (Marxismo) e permissivismo morale I figli di Hegel in tv: un imbarazzante e ingannevole monologo che dura da [...]

La falsa Democrazia e i cattivi profeti del nostro tempo, marxisti, liberisti & Co

La falsa Democrazia e i cattivi profeti del nostro tempo, marxisti, liberisti & Co

Lunedì, 7 Novembre/ 2016    – di Sergio Basile e Matteo Mazzariol -   Redazione Quieuropa, Sete di Giustizai, Movimento Distributista, Matteo Mazzariol, Sergio Basile, Moneta Debito, Socialismo, Gilbert Keith Chesterton, Giacinto Auriti, Ezra Pound, Social comunismo, socialismo, liberismo, sistema bancario internazionale, falsa democrazia, dittatura  La falsa Democrazia e i cattivi profeti del nostro tempo: marxisti, liberisti & Co.  L'alternativa auritiana e quella distributista [...]

Giacinto Auriti: l’inganno monetario, la trappola del mercato dei cambi e della borsa valori

Giacinto Auriti: l’inganno monetario, la trappola del mercato dei cambi e della borsa valori

Venerdì, 6 Gennaio/ 2016    di Nicola Arena e Sergio Basile / Sete di Giustizia  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, sistema bancario, Nicola Arena, Sergio Basile, Sete di Giustizia, moneta, schiavitù monetaria, sistema dei cambi, controllo   Giacinto Auriti: l'inganno monetario, la trappola del mercato dei cambi e della borsa valori Le variazioni della domanda e dell'offerta di valuta estera possono portare a delle oscillazioni dei [...]

 

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa