Umilmente al servizio di Cristo come suo servo inutile (e adesso processateci tutti…)

 Sabato, 18 marzo / 2016   

di Danilo Quinto

 Redazione Quieuropa, Danilo Quinto, Partito Radicale, denuncia dei Radicali, processo per diffamazione, Pannella 

Umilmente al servizio di Cristo

come suo servo inutile

(e adesso processateci tutti…)

 

di Danilo Quinto

Danilo Quinto - Caso giudiziario

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Processo per diffamazione!?                                   

Roma - Lunedì 20 marzo, torno in Tribunale per una denuncia di diffamazione di cui sono stato oggetto da parte dei radicali. Nel mio primo libro Da servo di Pannella a figlio libero di Dio avevo scritto servo sciocco in corsivo. Quasi una metafora, come scrisse Gianluca Veneziani su L’Intraprendente di qualche mese fa (l’articolo lo troverete in calce), che è il solo ad essersene occupato. La vicenda è ignota a molti, perché tanti hanno preferito non occuparsene, non scriverne e non divulgarla. Fumus persecutionis? Ma andiamo! Io non sono mica Minzolini, o Lotti.

                              Avrei potuto diventare parlamentare,

                             ma vi ho rinunciato per seguire Cristo.

E non mi lamento. Di che cosa dovrei lamentarmi, d’altra parte? Di essere per un minimo accanto a Cristo e di partecipare alle Sue sofferenze?

 Su Marco Pannella…                                                 

Anni fa, quando Emma Bonino stava per diventare Presidente della Repubblica, Costanza Miriano scrisse sul suo blog che Cristo era morto in Croce anche per Emma Bonino, senza aggiungere che la grande italiana – come l’ha definita il papa e i cattolici che abortiscono sono di certo d’accordo con lui – non si salverà mai se non si pentirà pubblicamente di quello che ha realizzato con la sua ideologia. Il buon ladrone si salva solo perchè si pente dei suoi peccati. Lo scritto della Miriano mi colpì molto allora. Povero ingenuo che sono. Fu un esempio di quel cosiddetto mondo cattolico che ho conosciuto negli anni seguenti. Quello che edulcora e annacqua tutto, pronto a fare compromessi e a coltivare il male minore. Quello di Eugenio Roccella – ad esempio – che insieme a decine e decine di parlamentari cattolici firma appelli a favore dei 10 milioni di euro che lo Stato elargisce ogni anno a Radio Radicale e mi dice

          «Me l’ha chiesto un amico al quale non potevo dire di no».

Quello di Gaetano Quagliariello, che in occasione del ricordo di Marco Pannella al Senato, afferma: «Oggi di luoghi di formazione, in fondo gratuiti e generosi, come quello che il Partito Radicale di Pannella ha incarnato, non ne esistono più. E questa è una perdita secca che condiziona la qualità della classe politica e quindi la ricchezza stessa della nazione». Quello di Massimo Gandolfini, che il 20 maggio scorso, così diceva di Pannella, a Radio Radicale: «Ho un ricordo sul piano umano molto buono e molto bello». Quello di Mario Adinolfi, che nel corso dell'Assemblea del Popolo della Famiglia, che si è tenuta a Roma nel gennaio scorso, ringraziava Radio Radicale della registrazione che effettuava.

  Non cerco solidarietà da questi personaggi          

Non cerco solidarietà da questi personaggi e da molti altri simili a loro.

                                          Con i loro comportamenti,

          sono complici dell’ideologia che proclamano di combattere.

Cerco di fare il mio dovere. Umilmente. Nelle cose che dico, in quelle che scrivo, in quelle che Dio ritiene di farmi affrontare. E se lo ritiene Dio non posso che abbandonarmi alla Sua volontà. Da Suo servo inutile. A questo proposito, ho sempre in mente quello che insegnava Don Divo Barsotti nelle Meditazioni sulle Lettere Pastorali: «San Paolo raccomanda a Timoteo di non invitare alcuno a insegnare dottrine diverse. Vi sono delle persone che Paolo teme possano insegnare delle dottrine che non sono precisamente delle dottrine cristiane. Una delle preoccupazioni fondamentali dell’apostolo è per l’integrità della fede. La Chiesa cristiana ha già un suo corpo di dottrina ben definito, ha come un deposito che si deve conservare con cura gelosa. E’ l’impegno dei discepoli ai quali Paolo si rivolge. Tale è la preoccupazione di Paolo di salvaguardare la fede, che può anche lasciare Timoteo ad Efeso e andare solo, lontano da lui. Paolo ama Timoteo, ma il suo affetto per lui, il discepolo prediletto, non può superare il suo amore per Cristo. Egli vive per il servizio che gli è stato chiesto da Cristo».

Danilo Quinto

 

 Se dai del «servo sciocco» a qualcuno,

ora finisci a processo

di Gianluca Veneziani

Danilo Quinto - Caso giudiziario

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 "Servo sciocco"!? Ora finisci a processo               

                Se dai del «servo sciocco» a qualcuno, ora finisci a processo

                                              di Gianluca Veneziani 

                      (tratto da ”L’Intraprendente”, del 1° ottobre 2016)

Strano Paese davvero, l’Italia. Un Paese in cui si può tranquillamente umiliare qualcuno pubblicamente, magari postando video hard privati e offendendo la vittima sui social a suon di epiteti irripetibili senza pagarne le conseguenze, e non si può invece in un libro esprimere un giudizio, un’opinione peraltro pacata e non aggressiva, verso un gruppo di persone, senza passare sotto la gogna della giustizia, col cappio al collo dell’accusa di diffamazioneIn questo tritacarne giudiziario è finito suo malgrado il giornalista ed ex tesoriere del Partito Radicale Danilo Quinto, che verrà processato per diffamazione per aver scritto in un suo libro pubblicato quattro anni fa, Da servo di Pannella a figlio libero di Dio (Fede & Cultura), che il gruppo dirigente radicale di cui aveva fatto parte era «acefalo», e che un membro di quel gruppo dirigente veniva definito «servo sciocco». Entrambe le espressioni erano peraltro scritte in corsivo, quasi a indicare la loro valenza metaforica. Ma ciò che più colpisce è che non si tratta certo di insulti ingiuriosi, al più di pareri che attengono la libertà di opinione del singolo e non possono essere sottoposti a censura né tanto meno a condanna. Se è per questo, lo stesso Quinto, sin dal titolo del libro, si definisce «servo». Dovrebbe allora scattare per questo un processo per auto-diffamazione? Suvvia, siamo seri. Quante volte su questo giornale abbiamo definito il premier Renzi «incapace» e «inadeguato», quante volte abbiamo chiamato la Boldrini «nemica delle donne», quante volte abbiamo detto di Papa Francesco che sta rottamando il cristianesimo?

                      Dovremmo finire allora tutti a processo per questo?

Dovremmo allora incorrere tutti nella scure della giustizia illiberale e censoria? In ballo, in questa storia, non c’è solo la vicenda personale di un uomo e la sue persecuzione giudiziaria. Qui in ballo c’è la sacrosanta libertà di un giornalista di poter esprimere la propria opinione a proposito di chicchessia su un quotidiano o su un libro, di poter dare dell’inetto o del sottomesso a chi vuole senza rischiare di perdere la propria libertà; e c’è l’invadenza di un potere, come quello giudiziario, che pretende di processarci e condannarci non solo per quello che facciamo (se lo facciamo) ma anche per quello che diciamo, a prescindere che ciò sia passibile o meno di nuocere all’altrui reputazione. È la stessa battaglia, in fin dei conti, per cui ci parve doveroso difendere il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti da quell’assurdo processo che rischiava di portarlo in carcere per omesso controllo su un articolo scritto da una firma del suo quotidiano. È lo stesso spauracchio che torna ogni volta che un giornalista, per aver fatto semplicemente il suo mestiere, rischia di finire in carcere, l’esercizio della sua professione di diventare ragione della sua condanna, e uno dei fondamenti dello Stato di diritto in cui viviamo di essere abolito e reinterpretato a uso e consumo dei giudici. 

 E adesso processateci tutti!                                    

È una vergogna, diciamocelo, per la quale occorrerebbe portare avanti una campagna di opinione e una battaglia civile senza titubanze di sorta. Una battaglia che prescinde da chi sono i contendenti, visto che, come racconta Danilo Quinto in un articolo pubblicato su Radio Spada, «non è il primo processo che subisco per una denuncia dei radicali. Ne fecero un’altra, subito dopo l’apertura della causa di lavoro nei loro confronti – che poi naturalmente persi, senza vedermi riconosciuti i miei diritti. In quell’occasione, fui condannato a 10 mesi, con pena sospesa e non menzione, per appropriazione indebita. L’accusa era quella di aver sottratto le somme dei miei stipendi, sulle quali ho pagato le tasse, rispetto alle quali chi le ha erogate non aveva mai fatto nessun rilievo negli anni in cui ero Tesoriere». Ed è una battaglia che prescinde anche da chi ne è vittima, ossia un uomo che, per aver esercitato la sua libertà di opinione, già in passato ha dovuto rinunciare a una collaborazione con un organo di stampa sostenuto dalla Cei. Ma è una battaglia che ci riguarda tutti, come categoria di giornalisti, e più in generale, se permettete, come liberi cittadini di uno Stato libero.

                       Qui ne va della nostra libertà di parola e di giudizio, lettori.

Qui ne va del nostro diritto di dare a qualcuno dell’ “acefalo”, del “servo” e perfino dello “sciocco”, come e quanto ci pare. Qui ne va del nostro diritto di non essere succubi dello strapotere dei magistrati. E adesso processateci tutti.

Gianluca Veneziani 

http://daniloquinto.tumblr.com/post/158543700458/umilmente-al-servizio-di-cristo-come-suo-servo

partecipa al dibattito – infounicz.europa@gmail.com

_________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                    

Che strano… Il curioso e doloroso caso di Danilo Quinto, ex Tesoriere del Partito Radicale

Che strano… Il curioso e doloroso caso di Danilo Quinto, ex Tesoriere del Partito Radicale

Venerdì, 7 Ottobre/ 2016    di Danilo Quinto  Redazione Quieuropa, Danilo Quinto, Partito Radicale, denuncia dei Radicali, processo per diffamazione, che strano   Che strano… di Danilo Quinto Il curioso e doloroso caso di Danilo Quinto, ex Tesoriere del Partito Radicale, autore di "Da servo di Pannella a figlio libero di Dio"   di Danilo Quinto     [...]

Lettera d’amore a Marco Pannella – di Danilo Quinto

Lettera d’amore a Marco Pannella – di Danilo Quinto

Sabato, 7 Maggio/ 2016     - di Danilo Quinto - Redazione quieuropa, Danilo Quinto, Lettera d'amore a Marco Pannella, Cristo ci aspetta, casa del Padre, ideologie erronee, la mia famiglia, l'unico che ti ha abbandonato, cuore colmo di orrore se non piegherai le tue ginocchia e il tuo brillante cervello a Dio, cara la tua anima, guardare la luce della morte, incontro con Cristo, Caro Marco, [...]

L’apostasia delle nazioni: le unioni civili

L’apostasia delle nazioni: le unioni civili

Martedì, 4 Ottobre/ 2016    di Don Francesco Ricossa  Redazione Quieuropa, Don Francesco Ricossa, Apostasia delle Nazioni, unioni civili, Bergoglio   L'apostasia delle nazioni: le unioni civili Perversione legis: instaurazione del regno sociale di satana   di Don Francesco Ricossa                        Unioni Civili: l'apostasia delle nazioni   [...]

Il Nuovo Ordine Mondiale del Cardinal Scola

Il Nuovo Ordine Mondiale del Cardinal Scola

Venerdì, 3 Giugno/ 2016 - di Danilo Quinto e Redazione Qui Europa  -  Redazione Quieuropa, Danilo Quinto, Nuovo Dis-Ordine Mondiale, Denunce di Benedetto XVI e Leone XIIIm cardinale Scola, nuovo umanesimo,  governo globalizzato dell'economia, ideologia omosessualista,  islamizzazione della società occidentale, Gruppo Bildeberg, Trilaterale, organizzazioni massoniche, sette segrete  Il Nuovo Ordine Mondiale del Cardinal Scola Scola: "L'Onu ha fallito e l'Europa è smarrita: serve un nuovo ordine mondiale e [...]

Verità e menzogne – La realtà fotografata da Danilo Quinto, ex-tesoriere di Pannella

Verità e menzogne – La realtà fotografata da Danilo Quinto, ex-tesoriere di Pannella

Mercoledì, 1 Giugno/ 2016     - di Sergio Basile - Redazione quieuropa, Sergio Basile, Danilo Quinto, Marco Pannella, Verità e Menzogne, radicali, islamizzazione programmata del paese, influenza dei gruppi di potere internazionalisti, massoneria, deriva europeista, schiavitù monetaria, mercificazione del sesso, omosessualizzazione indotta della società; stranezze post-conciliari, Chiesa, due papi, foibe, Patto del Nazareno, Silvio Berlusconi, Giulio Andreotti ,  George Soros, Vasco Rossi, Giorgio Gaber, Emma Bonino, Erri De Luca, Totò Riina, Pier Paolo Pasolini, Massimo D’Alema, triade dei governi [...]

Tre riflessioni sull’errore liberale e modernista a margine della morte di Marco Pannella

Tre riflessioni sull’errore liberale e modernista a margine della morte di Marco Pannella

Sabato, 28 Maggio / 2016 - di Corrado Gnerre  -  Redazione Quieuropa, Corrado Gnerre, Confederazione Civiltà Cristiana, Errore liberale, Padre lombardo, Marco Pannella, errore della Chiesa modernista, liberalismo, liberismo   Tre riflessioni sull'errore liberale e modernista a margine della morte di Marco Pannella L'errore liberale e le gravissime responsabilità della chiesa modernista: il caso Pannella/Padre Lombardi   di Corrado Gnerre [...]

Il defunto Pannella – Il Giudizio, la croce e il compasso

Il defunto Pannella – Il Giudizio, la croce e il compasso

Martedì, 24 Maggio / 2016 - di Patrizia Stella  -  Redazione Quieuropa,  Patrizia Stella, Marco Pannella, Padre Lombardi, Croce e compasso, neomalthusianesimo, contraccezione, legge sul divorzio, legge sull'aborto, legge sulla liberalizzazione delle droghe, il giudizio di Dio   Il defunto Pannella – Il Giudizio, la croce e il compasso Dagli onori e lodi tributati al defunto Pannella sia da parte civile [...]

Pannella & Bonino spa, una holding con bilanci da decine di miliardi

Pannella & Bonino spa, una holding con bilanci da decine di miliardi

Lunedì, 23 Maggio/ 2016    – di Mauro Suttora - Capitolo conclusivo del libro «Pannella & Bonino Spa», ed. Kaos, 2001 Redazione Quieuropa, Marco Pannella, sionismo, massoneria, Marketing radicale, campagne di marketing, Torre Argentina, “Nessuno tocchi Caino”, “Non c’è pace senza giustizia” e l’Associazione politica nazionale Lista Pannella, Radioradicale, Sergio Stanzani,  Emilio Gnutti, Roberto Colaninno  Pannella & Bonino spa, una holding con bilanci da decine di [...]

In morte di Marco Pannella: coerente Mefistofele vicino al potere

In morte di Marco Pannella: coerente Mefistofele vicino al potere

Sabato, 21 Maggio/ 2016    – di Roberto Pecchioli - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Marco Pannella, Mefistofele, massoneria, Englaro, Partito Radicale, Sergio Mattarella, Emma Bonino, Vasco Rossi, Welby, diffusione della droga, aborto, finto pacifismo di Marco Pannella  In morte di Marco Pannella: coerente Mefistofele vicino al potere Le strategie, il finto pacifismo e lo stile del gran sacerdote [...]

Dinanzi a Sorella Morte – Giacinto (Marco) Pannella vs Giacinto Auriti

Dinanzi a Sorella Morte – Giacinto (Marco) Pannella vs Giacinto Auriti

Venerdì, 20 Maggio/ 2016    – di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Marco Pannella, Giacinto Auriti, moneta-debito, divorzio e aborto, Teoria del Valore indotto della Moneta, due personaggi agli antipodi, Stefano Bisi,  Sacramento del Matrimonio, Papa Leone XIII, sionismo, massoneria  Dinanzi a Sorella Morte - Giacinto (Marco) Pannella vs Giacinto Auriti  Giacinto Pannella: paladino delle false libertà, osannato dai "poteri forti" Giacinto [...]

Oltre il matrimonio sodomitico – Porte aperte alle adozioni gay

Oltre il matrimonio sodomitico – Porte aperte alle adozioni gay

Lunedì,  Febbraio 29th/ 2016 - di Danilo Quinto - Redazione Quieuropa, Danilo Quinto, Cirinnà, Matrimonio sodomitico, porte aperte alle adozioni gay, Alfano, Renzi, Corte Europea, Corte Costituzionale, Festival di San Remo   Oltre il matrimonio sodomitico – Porte aperte alle adozioni gay  Verso le adozioni gay?  Un esito quasi inevitabile, viste le  preesistenti pronunce di Corte europea e Corte Costituzionale…   di Danilo [...]

Francesco loda Emma – Ci può essere menzogna nella verità?

Francesco loda Emma – Ci può essere menzogna nella verità?

Mercoledì,  Febbraio 17th/ 2016 - di Danilo Quinto - Redazione Quieuropa, Danilo Quinto, Emma Bonino, Papa Francesco, Partito Radicale, George Soros, Primavere Arabe, Eutanasia, Famiglia Sodomitica, Aborto, Femminismo, ideologia gender, dibattito sulla legge sull'aborto   Francesco loda Emma – Ci può essere menzogna nella verità? Quando la legittimazione pubblica di un personaggio equivale alla legittimazione pubblica di una [...]

 
DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa