Comunione sulla mano? Attuazione di un piano massonico

Venerdì, 29 giugno / 2018

di Don Luigi Villa -

tratto da "Comunione sulla mano? No! E' sacrilegio!" / Civiltà Ed., Brescia

 Redazione Quieuropa, Gesù Cristo, Don Luigi Villa, Paolo VI, comunione sulla mamo,  Massoneria 

Comunione sulla mano? Attuazione di un piano

massonico / 2

Solo i sacerdoti possono toccare direttamente il Corpo di Cristo:

perché allora la nuova prassi, "permessa" a partire dal 1969?

L'attuazione di un piano massonico: il sogno di Lutero

 

       Furono solo gli Ariani (eretici) a comunicarsi con la mano e stando in piedi!

                Ma costoro negavano la Divinità di Gesù Cristo e, nell’Eucarestia,

                             non vedevano che un semplice simbolo di unione,

                            e, quindi, da prendersi e manipolarsi a piacimento!

                                                       ( Don Luigi Villa )

 

di Don Luigi Villa

tratto da "Comunione sulla mano? No! E' sacrilegio!" / Civiltà Ed., Brescia

il sogno di lutero - comunione sulla mano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Perché la nuova prassi eucaristica?                       

Roma di Don Luigi Villa (continua dalla prima parte: Comunione sulla mano? Assolutamente No!) In Italia la pratica della SS. Comunione sulla mano entrò in vigore ufficialmente la prima domenica d’Avvento, (3 dicembre 1989), in base ad un  Decreto del card. Ugo Poletti, allora Presidente della C.E.I. Ma ne aveva già dato “notizia” l’Osservatore Romano del 5 ottobre, sotto il titolo: “Il cammino della Chiesa in Italia. Promulgata la delibera della CEI sulla distribuzione della Comunione”.

                  Per gli storici risultò subito chiaro che questa “concessione”

                                    era piuttosto ambigua e discutibile,

            anche perché la “nuova prassi” era già stata introdotta, qua e là,

                                         senza alcuna autorizzazione.

Paolo VI stesso aveva dovuto dire che c’era stato un “inizio abusivo”! Comunque, la “Conferenza Episcopale Italiana”, ancora nel 1974 aveva saggiamente deciso che si doveva mantenere l’uso “tradizionale” nella distribuzione della Santa “Comunione in bocca”. Infatti, sul “Rito della Comunione”, al n. 21, si legge:

                        «Nel distribuire la Santa Comunione “si conservi”

          la consuetudine di deporre la Particola sulla lingua dei comunicandi;

               consuetudine che poggia su una tradizione plurisecolare…».

  La ferma opposizione della Santa Sede                     

La “mens” della Santa Sede, quindi, non era mai stata per questo “nuovo corso”. Roma aveva resistito sempre con “ferma opposizione”. Per esempio: il 12 ottobre 1965, una lettera del “Consilium”, l’Organo addetto all’esecuzione della “Costituzione” conciliare sulla Liturgia, “prega vivamente” la Conferenza Episcopale Olandese

        «perché si torni dappertutto al modo tradizionale di comunicarsi».

Ma le pressioni per la “nuova prassi liturgica” si facevano sempre più pressanti. Venivano, soprattutto, dalla Germania, dall’Olanda, dal Belgio e dalla Francia. E purtroppo Paolo VI, il 3 giugno 1968, cedette e diede il “via” alle “Conferenze Episcopali” che ne facessero richiesta, limitandosi a ricordare «ai vescovi la loro responsabilità, affinché vogliano, con opportune norme, prevenire gli inconvenienti e moderare la diffusione indiscriminata di quest’uso, per sé non contrario alla dottrina (e invece sì, come vedremo più avanti!), ma alla pratica molto discutibile e pericoloso».

 1968: la prima "concessione" di Paolo VI                  

Per l’Olanda, il “Consilium” aveva scritto al card. Alfrink: «Sia conservato il modo tradizionale di distribuire la santa Comunione». Questo avvenne il 12 ottobre 1965. Più tardi, il “Consilium” riferiva che il Papa «non ritiene opportuno che la Sacra Particola sia distribuita sulla mano e assunta, poi, dai fedeli in vario modo loro proprio; e prega, pertanto, vivamente, la Conferenza che dia le opportune disposizioni perché si torni, dappertutto, al modo tradizionale di comunicarsi». Invece, il 27 giugno e il 3 luglio 1968, venne data la “concessione” anche alla Germania (16 luglio 1968) e al Belgio (12 luglio 1968). Però, dopo vivaci “proteste” di non pochi Vescovi e fedeli, Paolo VI comunicò alle suddette Conferenze Episcopali di «sospendere, temporaneamente, la pubblicazione e l’applicazione dell’indulto». Giusto il tempo per consultare l’episcopato universale, il cui esito fu chiaramente significativo: 1.233 “no”, contro 567 “sì”, (e, anche di questi, ben 315 con riserva!).

 Maggiorparte dei vescovi contrari alla nuova prassi 

Così, lo stesso “Concilium” dovette riconoscere che c’era “una larga maggioranza assoluta contraria alla nuova prassi”!Subito dopo, Paolo VI volle lui stesso, deliberatamente, «moderare la diffusione indiscriminata di quest’uso». Il “Consilium” (per l’attuazione della Costituzione liturgica), preparò allora una lettera per la consultazione delle Conferenze episcopali, inviata alla Segreteria di Stato il 18.10.1968. In questo testo, alle parole: «per  mandato esplicito del Santo Padre», Paolo VI aggiunse di suo pugno, tra parentesi, la seguente decisiva limitazione: «che non può esimersi dal considerare l’eventuale innovazione con ovvia apprensione»!

                      Nella votazione che ne seguì, più della metà dei Vescovi

               – come abbiamo già detto – si dichiarò contro la nuova prassi.

Comunione sulla mano - retaggio massonico protestante

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Paolo VI e l'istruzione "Memoriale Domini"       

(vedi sopra in foto: Gesù distribuisce le particole di pane consacrato agli apostoli, sulla lingua, nella prima Eucaristia della storia. Essi, in fila, si genuflettono prima di comunicarsi e non toccano la particola con le mani: miniatura del Codex Purpureus Rossanensis, il primo Vangelo miniato della storia, custodito presso il Museo del Codex in Calabria / Rossano – CS – Ndr). Di conseguenza, il 29 maggio 1969, l’Istruzione “Memoriale Domini” della Sacra Congregazione del Culto, approvata da Paolo VI, riconosceva che la maggioranza dei vescovi non voleva che si toccasse l’antica disciplina: («… Episcopus longe plurimos censere hodiernam disciplinam haudquaquam esse immutandam; quae immo, si immutetur, id tum sensui tum spirituali cultui eorundem Episcoporum plurimorumque fidelium offensioni fore»), e richiamava che il modo tradizionale della Comunione doveva essere conservato e che era la legge tuttora in vigore… perché rispondeva al bene comune della Chiesa. Vi diceva, infatti:

   «Vescovi, sacerdoti e fedeli sono vivamente esortati ad attenersi all’uso tradizionale

                      e, in ossequio al giudizio della maggior parte dei vescovi,

per rispetto all’attuale legislazione liturgica e per riguardo al bene comune della Chiesa».

                                                              ( Paolo VI )

Anche la “Institutio generalis” dell’ultima edizione del “Nuovo Messale Romano”, promulgata il 26 marzo 1970, ristabiliva espressamente la pratica della Comunione tradizionale con due precisazioni che figurano agli articoli 80 e 117. Nell’articolo 80, infatti, tra gli oggetti che si devono preparare per la celebrazione della Messa, c’è il “piattello”, (“patina pro communione fidelium”) e, all’articolo 117 vi si descrive il modo con cui si deve compiere la Comunione; e cioè: il sacerdote presenta l’Ostia al fedele, dicendo: “Il Corpo di Cristo” (Corpus Christi), e il fedele risponde: “amen!”; e,

                 «tenendo il piattello sotto il suo volto, egli riceve il Sacramento»

                           («et tenens patinam sub ore, Sacramentum accipit»).

  Dalla disobbedienza alla "concessione"                   

Ora, qui, ci si può chiedere: perché mai si era “consultato” l’episcopato della Chiesa universale quando, poi, non se ne tenne conto? Anzi, perché anche in Italia, che fino agli anni 70 aveva sempre respinto questa “nuova prassi” di distribuire la “Comunione sulla mano”, ora, quasi d’improvviso, raggiunse i due terzi, così da arrivare alla concessione di questo “nuovo” uso di comunicare? Il noto canonista e storico della Chiesa, prof. Georg May, ha espresso il seguente giudizio:

                            «L’introduzione della “Comunione sulla mano”

            è dovuta a una catena di atti di disubbidienza e violazioni di diritto,

                                   nonché all’esercizio di forti pressioni…».

                                          (dott. prof. mons. Georg May)

In un primo momento, il Papa si oppose assai fortemente a una prassi introdotta contro la legge della Chiesa; ma poi, come in parecchi altri casi, cedette alle pressioni e diede alla “Comunione sulla mano” un permesso, soggetto a condizioni e limitazioni, sanzionandone così l’esercizio generatosi nella disubbidienza»! Comunque, anche qui possiamo dire che questa, purtroppo, era la tattica abituale di Paolo VI: imporre la “sua” riforma liturgica “progressiva mente”! Lo confessa lo stesso Bugnini nel suo succitato libro.

 Un complotto massonico ben condotto                     

Inoltre, per lo storico, questa “concessione”, oltre che oscura e ambigua, è anche “stentata”. La Santa Sede, cioè, fu come spinta a questa concessione, a questa accondiscendenza sul filo della “liceità”. Vediamone un risvolto storico: «Si era nel 1969; si era ancora nel vortice delle contestazioni episcopali contro l’enciclica “Humanae vitae”, e le Conferenze Episcopali che chiedevano la legittimazione di quell’abuso (i.e. “Comunione sulla mano”) erano proprio quelle che più avevano recalcitrato contro l’enciclica. E a Roma si sapeva che erano in corso quelle pressioni e ricatti!..». E così, anche l’Italia, centro del mondo cattolico, culla della fede cristiana in Occidente e sede del successore di Pietro, Vicario di Cristo, si mise in linea con le altre nazioni, quasi su di un piano… da “Terzo Mondo”! È evidente, dunque, che anche

                       questa sacrilega innovazione eucaristica fu una “operazione”

                dovuta alla mano maestra di un complotto massonico ben condotto,

servendosi, come al solito, di incoscienti e di ignoranti (anche nell’episcopato e nel clero!)

             sulla solita linea che arrivò dopo e attraverso altre “riforme innovatrici”

quale, ad esempio, la soppressione di tutti i segni esteriori di adorazione al Sacramento, come l’inginocchiarsi, in segno di venerazione e di adorazione alla presenza del Divin Corpo di Cristo! Ma il profeta Isaia aveva pur detto: «Davanti a Me ogni ginocchio si deve piegare!» (Is. XLV, 23); e S. Paolo aveva affermato, ancor più forte: «nel nome di Gesù, ogni ginocchio si pieghi, nei cieli, sulla terra e nell’inferno!» (Fil. II, 10). Tale complotto a tappe, può ricondursi invero già ai primi del Novecento (Ndr):

       «Negli anni 1928 e 1929 scoprii alcuni “documenti” massonici interessanti,

che ebbi agio di esaminare. Erano delle corrispondenze tra Guaita, Encuse e Roca.

                           Un “passo” di quell’eminenza grigia delle Logge,

                          qual era Roca, membro del 33°grado, suona così:

                                       “Dobbiamo lavorare attivamente

          affinché i fedeli della Chiesa cattolica ricevano la ‘Comunione in piedi’.

          Il giorno in cui l’avremo ottenuto, il nostro trionfo sarà completo”»!

                     ( Pablo Maria de la Porcion, in “El Caso”, aprile 1976 )

  Attuazione del complotto (il sogno di Lutero)         

Ma ormai il “piano massonico” (1) di far ricevere la Comunione in piedi; (2) di far dare l’Ostia in mano ai comunicandi (per far sparire lentamente la Fede e la devozione all’Eucaristia); (3) di far credere che l’Eucaristia è solo un pezzo di pane, un simbolo della Cena, ossia un simbolo della “comune fratellanza mondiale", si è interamente attuato! Era anche questo il sogno di Lutero! Infatti, già nel Natale del 1521, Carlostadio aveva celebrato, con una comunità, la “Messa tedesca”: aveva letto il racconto dell’istituzione dell’Eucaristia, in tedesco, e aveva tralasciato il resto del Canone con l’elevazione. Durante quella celebrazione, inoltre, indossò vesti secolari e  amministrò la comunione sotto le due specie, mettendo nelle mani dei comunicandi l’ostia e il calice! A noi, ora, non resta che sperare, da parte del Santo Padre e di tutta la Gerarchia cattolica, una umile ritrattazione di quella loro “concessione”, sia pure non imposta né “comandata”, ma solo “permessa”, che costituisce, comunque, un vero “sacrilegio”, come dimostreremo più avanti con “ragioni” teologiche evidenti (fine della seconda parte / continua nella terza parte).

       «Già al principio del nostro secolo, i modernisti avevano pregato Pio X

                               di permettere la “Comunione sulla mano”,

      argomentando che gli Apostoli avevano ricevuto la Comunione in piedi.

        (Ma questo nessun Vangelo lo dice!). Ed ecco la risposta di S. Pio X:

                           «Si può ricevere, in piedi, i simboli e i presagi,

             ma la “Realtà” deve essere ricevuta con amore e in ginocchio!»

 

Don Luigi Villa

tratto da "Comunione sulla mano? No! E' sacrilegio!" / Civiltà Ed., Brescia

partecipa al dibattito: infounicz.europa@gmail.com 

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

_____________________________________________________________________________________________________________

 Prima parte                                                               

Don Villa – Comunione sulla mano? Assolutamente No!

Don Villa – Comunione sulla mano? Assolutamente No!

Giovedì, 28 giugno / 2018 - di Don Luigi Villa – tratto da "Comunione sulla mano? No! E' sacrilegio!" / Civiltà Ed., Brescia  Redazione Quieuropa, Gesù Cristo, Don Luigi Villa, comunione sulla mamo, sacrilegio,  dottrina  Comunione sulla mano? Assolutamente No! Solo i sacerdoti possono toccare direttamente il Corpo di Cristo: la Santa Comunione sulla mano è [...]

_____________________________________________________________________________________________________________

 Video correlati                                                          

► No alla comunione sulla mano

Non ricevere la Santa Comunione sulla mano

A CHI NON RICEVE LA COMUNIONE SULLA MANO

Non ricevere la Santa Comunione sulla mano

No Comunione in mano ecco il vero motivo

Maria Simma e la santa Eucaristia (no alla comunione in mano!)

Perché i Cattolici non possono ricevere la comunione sulla mano

Anime Purgatorio a Simma Via le mani dalla Comunione

_____________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                       

Piano Massonico del 1995 – Eliminazione del Sacrificio Eucaristico

Piano Massonico del 1995 – Eliminazione del Sacrificio Eucaristico

Mercoledì,  Marzo 30th/ 2016  - Redazione Qui Europa  - Traduzione della rivista spagnola Roca viva, Febbraio 1997, José Abascal, Madrid Redazione Qui Europa, direttiva massonica, lotta costante e metodica per far scomparire la Chiesa cattolica, presenza reale di Cristo nell’Eucaristia, vergintà di Maria, Stato di scisma e di apostasia, Contestazione del Papa e della sua dottrina; Controllo delle edizioni [...]

Direttive del Gran Maestro della Massoneria ai Vescovi cattolici massoni, per distruggere la chiesa cattolica

Direttive del Gran Maestro della Massoneria ai Vescovi cattolici massoni, per distruggere la chiesa cattolica

Giovedì,  Aprile 23rd/ 2015       – Don Luigi Villa - Tratto da "La Massoneria e la Chiesa Cattolica" - Redazione Quieuropa, Din Luigi Villa, Massoneria, Chiesa Cattolica, Piano massonico, Satana, Direttive del Gran Maestro ai vescovi cattolici massoni, Ecumenismo e dissacrazione dell'Eucarestia, Divieto per liturgia latine e velo per le donne, Liturgia: vietate di inginocchiarsi e introducete chitarre, tamburi, Desacralizzazione dei canti [...]

22 aprile 2015Commenti disabilitatiRead More

Vescovi tedeschi: si all’intercomunione sacrilega. L’opposizione di Sarah e Ejik

Vescovi tedeschi: si all’intercomunione sacrilega. L’opposizione di Sarah e Ejik

Mercoledì, 9 maggio / 2018  - di Patrizia Stella -  Redazione Quieuropa, Patrizia Stella, intercomunione sacrilega, Eucaristia, card. Sarah  La Conferenza episcopale tedesca dice si all'intercomunione sacrilega. "No" dei card. Sarah ed Ejik La Conferenza: si alla possibilità di dare la Comunione  anche ai coniugi protestanti sposati con cattolici Card. Robert Sarah: “Il più insidioso attacco diabolico consiste nel cercare di spegnere la [...]

9 maggio 2018Commenti disabilitatiRead More

Divina Potenza della Santa Messa Cattolica

Divina Potenza della Santa Messa Cattolica

Domenica, 19 novembre/ 2017  – di Patrizia Stella -   Redazione Quieuropa,  Patrizia Stella, Santa Messa Cattolica, Eucaristia, transustanziazione, Sacramenti   Divina Potenza della Santa Messa Cattolica La S. Messa Cattolica, unica ed esclusiva: sacrificio di Gesù, prima che banchetto. Ecco perché con i Sacramenti non si scherza                       “il [...]

19 novembre 2017Commenti disabilitatiRead More

La consegna di Dio nell’Eucaristia: il sigillo massimo della Nuova Alleanza

La consegna di Dio nell’Eucaristia: il sigillo massimo della Nuova Alleanza

Domenica, Giugno 7th, 2015 – di Rev. Antoni Carol i Hostench –  Redazione Quieuropa,  Antoni Carol i Hostench, Festa del Corpus Domini, Sigillo della Nuova Alleanza, Io sono, Mosè, manna dal cielo, Gesù Eucaristia, moltiplicazione dei pesci e dei pani, Presenza reale di Gesù Cristo, Nuovo Israele, San Giovanni Paolo II  Cristianesimo - Festa del Corpus Domini La [...]

Importanza dell’Adorazione Eucaristica per il Cristiano: impariamo da Bauceville

Importanza dell’Adorazione Eucaristica per il Cristiano: impariamo da Bauceville

Venerdì,  Aprile 3rd/ 2015 – di S. Guarnieri  - Redazione Quieuropa, Pasqua, Resurrezione, Settimana Santa, Adorazione Eucaristica, Venerdì Santo, Parrocchia di Bauceville, Canada, Tabernacolo, Adorazione Eucaristica, Adoratori del Dio Vero, Orto degli Ulivi, la via maestra per vincere l'egoismo, Adorazione Eucaristica Perpetua  Venerdì Santo - Un dialogo specialissimo con Dio nell'Adorazione Importanza dell'Adorazione Eucaristica per il Cristiano: impariamo da [...]

San Tommaso d’Aquino e San Francesco d’Assisi: l’Eucaristia va toccata solo dai sacerdoti

San Tommaso d’Aquino e San Francesco d’Assisi:  l’Eucaristia va toccata solo dai sacerdoti

Sabato, 8 Ottobre/ 2016    di Don Leonardo Maria Pompei  Redazione Quieuropa, Don Leonardo Maria Pompei, Eucaristia, San Tommaso d'Aquino, San Francesco d'Assisi  San Tommaso d'Aquino e San Francesco d'Assisi: l'Eucaristia va toccata solo dai sacerdoti Solo i sacerdoti devono toccare e amministrare la Santa Eucaristia: il Corpo del Signore non può e non deve  essere toccato da tutti i [...]

Cambiata la Messa, cambiato il Cristianesimo?

Cambiata la Messa, cambiato il Cristianesimo?

Domeni, 20 agosto / 2017   – Il Cammino dei Tre Sentieri –  Redazione Quieuropa,  Corrado Gnerre, Il Cammino dei Tre Sentieri, Messa,  San Pio, Don Alberto Secci  Cambiata la Messa, cambiato il Cristianesimo? Omelia di don Alberto Secci, sacerdote del clero di Novara che celebra in Rito Romano Antico   Omelia di Don Alberto [...]

Eucaristia: come riceverla correttamente, seguendo gli insegnamenti di Cristo, dei mistici, dei papi e della Chiesa

Eucaristia: come riceverla correttamente, seguendo gli insegnamenti di Cristo, dei mistici, dei papi e della Chiesa

Domenica, 29 Maggio / 2016 – Festa del Corpus Domini – di Claudio Prandini  -  – integrazioni e note a cura della Redazione di "Qui Europa" – Redazione Quieuropa, Redazione Parrocchie.it, Claudio Prandini, Gesù Cristo, Sacrificio Eucaristico, Festa del Corpus Domini, Comunione nelle mani, importanza del Corpo e Sangue di Cristo, Comunione in bocca, protestantizzazione dell'Eucaristia, insegnamento dei [...]

La Messa è finita? Strategia modernista per destabilizzare la Chiesa

La Messa è finita? Strategia modernista per destabilizzare la Chiesa

Martedì, 31 ottobre/ 2017  – di Roberto Pecchioli -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Ius soli, propaganda in Chiesa, Martin Lutero, modernismo   La Messa è finita? La strategia del club modernista per destabilizzare la Chiesa Cattolica La ONLUS modernista di Galantino e "fratelli"   di Roberto Pecchioli                         [...]

Messe in comune e sacramenti coi luterani? Preghiamo per il ritorno alla fede dei vescovi sbandati

Messe in comune e sacramenti coi luterani? Preghiamo per il ritorno alla fede dei vescovi sbandati

Sabato, 4 novembre/ 2017  – di Don Floriano Pellegrini –   Redazione Quieuropa, Don Floriano Pellegrini, Messa ecumenica, sperimentazione, Lutero  Messe in comune e sacramenti coi luterani? Preghiamo per il ritorno alla fede dei vescovi sbandati Domani 5 Novembre previsto esperimanto di messa in comune coi luterani   di Don Floriano Pellegrini               [...]

4 novembre 2017Commenti disabilitatiRead More

Riforma “un evento dello Spirito” ? 11 domande a Mons. Galantino

Riforma “un evento dello Spirito” ? 11 domande a Mons. Galantino

Domenica, 29 ottobre/ 2017  – di Corrado Gnerre – Il Cammino dei tre sentieri –  Redazione Quieuropa, Il cammino dei tre sentieri, Corrado Gnerre, Galantino, Lutero, eretico  11 domande a Mons. Galantino, per capire in che senso la Riforma è stata “un evento dello Spirito” Immaginiamo di rivolgerci a Mons. Galantino, che ha definito la Riforma dell'eretico Lutero, "un [...]

29 ottobre 2017Commenti disabilitatiRead More

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa