Spread e debiti perenni: andare oltre la cartolarizzazione, verso la proprietà popolare della moneta

Domenica, 7 ottobre / 2018

di Roberto Pecchioli e Sergio Basile -

 Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Sergio Basile, Giacinto Auriti, Proprietà Popolare  

Spread e debiti perenni: andare oltre la

cartolarizzazione, verso la proprietà

popolare della moneta

I titoli di Stato non sono il mezzo per ottenere la democrazia integrale:

urge il reddito di cittadinanza auritiano (a credito).

► L'FMI e l'esempio emblematico del "disastro giapponese"

 

di Roberto Pecchioli  / con il contributo di Sergio Basile

spread e titoli di stato - debito perenne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 La tecnocrazia e il debito perenne                         

Roma, Bruxelles, Tokyo di Roberto Pecchioli e Sergio Basile Come visto in più sedi la truffa dell'emissione monetaria a debito è un qualcosa che va avanti dal 1694/1717, cioè dalla fondazione e istituzionalizzazione della privata "Banca d'inghilterra".

                     Ma diversi sono stati nel tempo gli stadi progressivi

           che hanno ancor di più blindato ed incancrenito questa truffa:

           tra di essi un cenno particolare lo meritano la cartolarizzazione

        e contestuale iper-emissione dei titoli di stato del debito pubblico

e la successiva trovata "usurocratica" della diabolica accoppiata rating/spread.

Riecco lo spread. Tornano sul palcoscenico le statue di cera dell’UE, il franco-romeno-israelita massone Moscovici e l’ineffabile Juncker gran contribuente delle accise sugli spiriti, si materializzano nuovamente i fantasmi dei decimali nel bilancio dello Stato, risuonano gli ordini imperiali di sconosciuti funzionari stranieri presso i governi eletti. L’occasione è la polemica sulla legge di bilancio, assai sgradita agli gnomi di Bruxelles e ai loro domines della cupola finanziaria. Non è inutile una rinfrescata alla memoria dei connazionali, alla ricerca di bugie tutt’altro che innocenti per una visione dei fatti alternativa alla vulgata corrente della stampa e delle accademie di luminari a contratto. Una controstoria per nerd, lontana dai grafici, dagli istogrammi, dalle formule incomprensibili degli esperti, esposta senza utilizzare la lingua di legno anglotecnocratica. Partiamo da lontano, poiché il cappio che ci strangola da tre secoli a questa parte (cioé dalla nascita ed istituzionalizzazione delle banche centrali e della moneta-debito: 1717) ce lo siamo stretti al collo con rinnovata forza, ancora una volta nel 1981, allorché un ministro della sinistra DC, Beniamino Andreatta, con una semplice lettera concordata con i vertici della Banca d’Italia (Carlo Azeglio Ciampi), decretò il cosiddetto divorzio tra Tesoro e banca centrale. Venne cioè rimosso l’obbligo per l’istituto di emissione di acquistare i titoli invenduti alle aste mensili, calmierandone il tasso. Liberati gli istinti animali della finanza, pur in una situazione in cui il sistema bancario era in mano allo Stato, il debito pubblico dell’epoca, 142 miliardi di euro, il 58 per cento del PIL, triplicò in soli quattro anni, per quintuplicare nel 1994. Il divorzio più caro della storia: mille miliardi in quindici anni.

                                  Ovviamente già prima del divorzio

                     l'Italia era vittima degli strozzini internazionalisti,

anche se il debito era targato "Italia" e il nodo attorno alla gola era più dolce

                                         (per usare un eufemismo)

 Gli internazionalizzatori                                            

Basta comunque questo dato per destituire di fondamento la narrazione che descrive gli italiani spreconi intenti a vivere allegramente a spese altrui. Andreatta e Ciampi, da brillanti funzionari della cupola bancaria che stava rialzando la testa con rinnovato slancio, ma da nemici del popolo che dovevano servire, perseguivano un doppio obiettivo, internazionalizzare il debito pubblico,  all’epoca detenuto dalle famiglie italiane risparmiatrici (sia pur sempre indebitate verso la mangiatoia statale); gettare le basi per l'ancor più selvaggia espropriazione della sovranità monetaria (avviata con l'euro)  e per la privatizzazione del sistema bancario nazionale, che realizzarono, sempre loro, undici anni dopo, al crollo provocato della prima repubblica e immediatamente dopo la "presunta" fine (sicura metamorfosi) del comunismo sovietico, con gli accordi di spartizione del panfilo Britannia, presente tra gli altri un funzionario in carriera di nome Mario Draghi.

 Il vincolo esterno                                                         

Ci scuserà il paziente lettore se introduciamo un concetto che ci viene propinato in tutte le salse dal sistema di comunicazione, ma mai spiegato: il vincolo esterno. Si tratta del principio per cui non possiamo spendere se prima non guadagniamo o non ci facciamo prestare soldi. Se una comunità, uno Stato non possiede mezzi di pagamento legale propri, non può fare altro che correre con il cappello in mano da chi detiene (o meglio si è appropriato) il mezzo monetario, nel nostro caso l’euro della Banca Centrale Europea. Poiché ci siamo spogliati sempre più di due enormi strumenti di sovranità, cioè di libertà, la sovranità monetaria e la determinazione del tasso di sconto, sono i banchieri a stabilire insindacabilmente se prestarci denaro, in quale quantità e determinare l’interesse (ovviamente – e lo ricordiamo specialmente ai nostalgici illusi – non va dimenticato come anche la lira fosse una distruttiva moneta-debito).

              Se a ciò aggiungiamo che il denaro prestato non esisteva

  perché creato dal nulla, ex nihilo, e diventa reale solo perché lo accettiamo

                         e circola come il sangue per il nostro lavoro,

                          risulta chiaro chi comanda e chi obbedisce.

            Si rivela azzeccata la frase simbolo di un blog economico:

       "è strano come una discesa vista dal basso somigli a una salita".

Parole non di un saggio o di un filosofo, ma di un personaggio dei fumetti, Pippo, l’amico di Topolino. Abbiamo il vincolo esterno che impone di vendere il frutto del lavoro collettivo del nostro popolo e abbiamo una "moneta-debito" esterofila e di proprietà degli usurai di turno, rigorosamente non di proprietà del popolo. Lo Stato prima del divorzio si finanziava – sia pur sempre a debito dei cittadini -  nei tempi in cui possedeva la banca centrale e controllava le banche commerciali, emettendo prevalentemente BOT, buoni del tesoro ordinari a breve termine, acquistati attraverso i canali postali e creditizi dalle famiglie italiane come risparmio garantito e sufficientemente remunerato. Differenti sono i CCT, certificati di credito del Tesoro, il cui valore reale è variabile in base al mercato, investimenti di medio termine. Oggi BOT per almeno 400 miliardi sono in mano alle banche commerciali che li depositano a tassi negativi presso la Banca Centrale, un’immensa ricchezza ferma da cui trae profitto solo la cupola finanziaria, pagata per custodire gli impulsi elettronici che hanno sostituito i titoli di proprietà cartacei.

 Il trucco della cartolarizzazione (titoli di Stato)      

Ovvio che i risparmiatori italiani non li acquistino nella certezza di rimetterci, ponendo sul mercato la notevole ricchezza privata italiana, pari ad almeno 4.200 miliardi, due volte e mezzo il PIL. Lentamente, ma costantemente, essa passa di mano trasferendosi ai signori del rischio altrui.

                  Da anni, nel mercato dei titoli pubblici prevale il BTP,

   buono del tesoro poliennale con scadenza anche a lunghissimo termine,

                        che impegna chi lo emette fino a trent’anni,

alimenta un vorticoso giro speculativo e lascia il Tesoro alla mercé dei mercati.

Lo spread che tanto eccita i commentatori è la differenza di rendimento, a parità di scadenza, tra il buono considerato più sicuro, tedesco, dai tassi più bassi, e quello degli altri Stati. Perché l’eurosistema non preveda l’emissione di buoni propri, gli Eurobond inutilmente chiesti da Giulio Tremonti, non è un mistero:

come non è un mistero per chi ha compreso il trucco del signoraggio bancario,

           e della cartolarizzazione (finanziamento tramite titoli di stato)

   il fatto che anche i bond sono strumenti – sia pur nelle mani dello Stato - 

                    destinati ad indebitare e dunque ad infelicitare

           e controllare le masse ignoranti e accondiscendenti (Ndr).

 L'ingerenza dell'FMI sull'Iva del Giappone               

 L'altissimo debito interno del Giappone (paese a cosiddetto "debito sovrano")

       e gli interventi impositivi sull'IVA del Fondo Monetario Internazionale

                                                     delle ultime ore

                   sono in merito un esempio davvero emblematico e chiaro,

                               sulla truffa assoluta dei titoli di Stato.

"La managing director dell'Fmi, Christine Lagarde, ha invitato il governo a ravvivare e rendere più incisive le politiche dell'«Abenomics» , in particolare sul fronte delle riforme finalizzate a aumentare la produttività, comprese quelle del lavoro. «Per ridurre le incertezze di politica economica, affrontare le sfide demografiche e ridurre i rischi sulla sostenibilità del debito è necessaria una cornice fiscale credibile per il medio e lungo termine – recita il rapporto dell'Fmi riguardante il Paese che ha il rapporto peggiore tra debito e Pil in area Ocse – Al fine di finanziare crescenti costi della sicurezza sociale e ridurre i rischi sulla sostenibilità dell'indebitamento, il consolidamento (fiscale) dovrebbe incentrarsi su un graduale aumento dell'imposta sui consumi finché raggiunga almeno il 15% con aumenti graduali e continui (rispetto al livello attuale dell'8%)" (1).

(1) Fonte "Il Sole24 Ore"6 ottobre 2018 / «Dovete raddoppiare l'Iva sul medio termine». I compiti dell'Fmi al Giappone

 I derivati: l'altra faccia del casino finanziario             

Il casinò finanziario (ma si può omettere l’accento per chi trae denaro dal denaro) ha inoltre inventato ulteriori meccanismi, i cosiddetti derivati. I più comuni sono i CDS (Credit Default Swaps), strumenti di copertura destinati a trasferire ad altri il rischio. Si può scommettere indefinitamente al rialzo o al ribasso sui dei conti pubblici, cioè sulla capacità o meno di rimborsare i BTP a scadenza da parte degli Stati.

        Basta un’oscillazione più elevata di quella normalmente accettata

                           dai modelli matematici degli operatori,

      o una voce, magari diffusa ad arte, per scatenare ondate di vendite

                                  seguendo l’effetto gregge.

Le aste odierne sono dette marginali, poiché il BTP va a chi offre il tasso più elevato, cui sono costretti ad adeguarsi l’offerente e gli altri compratori. Ma, qui sta il punto, chi sono i partecipanti all’asta, i cosiddetti investitori istituzionali? Un gruppo ristretto, un cartello di pochi giganti della finanza comprendente il gotha affaristico del mondo, Citygroup, Goldman Sachs, Morgan Stanley eccetera. Gli unici italiani sono Unicredit e Intesa San Paolo, massimi partecipanti di Bankitalia, di cui conosciamo la prevalente composizione azionaria estera. Non ci toglieremo il cappio dal collo se continueremo a riservare il controllo della moneta a un cartello di speculatori internazionali che agiscono in sintonia e possiedono direttamente almeno 700 miliardi di nostri titoli, e molti altri attraverso partecipazioni e incroci azionari. La prima mossa sarebbe – secondo gli economisti – quella di imporre alla Banca d’Italia, che resta un soggetto di diritto pubblico, di comportarsi come la sua omologa tedesca, la Bundesbank, che, in caso di aste nelle quali il collocamento non è totale, non accetta vendite a tassi più elevati, ma trattiene i bond invenduti per piazzarli al momento più favorevole. Nonostante il Trattato di Maastricht, la Buba agisce come elemento di equilibrio del sistema tedesco. Ma al di là di questi palliativi debitocratici, bisogna agire sul "cancro del debito" in maniera netta e decisa.

 Di chi deve essere la proprietà della moneta?          

Bisogna comprendere una volta per tutte che la cartolarizzazione è un inganno, poiché la pratica dell'acquisto dei titoli di Stato per finanziare l'economia di un Paese, in definitiva non permette agli stati di finanziarsi, ma produce solo debito e quindi schiavitù e malessere, povertà, disperazione e morte:

                                        la principale prerogativa di uno Stato

             – come ci insegnano Lincoln, Kennedy, Ezra Pound e Giacinto Auriti –

                                 consta nel creare la propria moneta-credito

                 per far fronte  al proprio fabbisogno finanziario ed economico.

                                               Tutto il resto è aria fritta!

Tale moneta, poi, per liberare davvero l'umanità dai ceppi del debito deve essere creata ed emessa a credito dei cittadini ed attribuita al popolo in proprietà (reddito di cittadinanza a credito o "auritiano") cioé non deve assere accantonata tra le voci di debito del bilancio degli stati. In caso contrario, infatti, interessi e tasse annullerebbero ed inficierebbero gli sforzi economici e lavorativi dei cittadini. La conclusione è che la situazione è molto difficile, agire è complicato ma non impossibile, a patto che vengano assunte decisioni condivise da un popolo unito. Sappiamo che la tradizione di divisione intestina, il preferire lo straniero all’avversario interno è antica quanto la nostra nazione. Tuttavia, se intendiamo conservare non solo sovranità e indipendenza, ma la concreta proprietà del nostro denaro, frutto del sudore nostro e dei padri, da trasmettere ai figli, non vi sono alternative. La strada è stretta ma non del tutto impraticabile. Quel giorno i popoli torneranno a respirare. Sino ad allora, dovremo accettare un destino da servi o, al massimo, difenderci con meccanismi del tipo di quelli esposti, elaborati da studiosi estranei al potere dei signori del denaro. La Cartagine finanziaria non può essere riformata, ma sconfitta attraverso la volontà popolare e la proprietà popolare di meri valori convenzionali chiamati "moneta".

L'unica strada percorribile per liberare l'umanità dai lacci del debito onnipresente

è quella tracciata dal grande Prof. Giacinto Auriti. Tutto il resto è noia! E' debito!

 

Roberto Pecchioli /  Sergio Basile (Copyright © 2018 Qui Europa)

partecipa al dibattito: infounicz.europa@gmail.com 

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

Allegato

__________________________________________________________________________________________________________________

 B.A.R.: risposta odierna all'usura legalizzata        

Oggi, in tempo di rarefazione monetaria indotta ed usura legalizzata, in tempo di spread e moneta-debito creata dal nulla (e senza riserva), la storia si ripete. I veri cattolici non possono stare a guardare e devono riscoprire il nobile ed antico esempio della Chiesa Cattolica, orientato sulla resistenza non violenta e sulla proposta attiva ed alternativa, ricalcando le orme dei loro avi. Oggi urge trasformare le comunità sociali (a partire dai comuni) in cooperative di credito solidali e orientate al mutuo soccorso, proprio com'era al tempo di Mosé (mille e duecento anni prima dell'Incarnazione di Cristo) ed al tempo dei santi francescani (Mille e Duecento / Mille e Quattrocento), durante il "bistrattato" Medioevo. La Dottrina Sociale della Chiesa attende giustizia e vuol ririvere sia nell'anima dei credenti che nelle loro opere. Il grande Professor Giacinto Auriti, padre della Teoria del Valore Indotto della Moneta e del SIMEC, lo aveva capito realizzando tale "Dottrina" attraverso l'immissione nel circuito economico-sociale di valori monetari convenzionali a credito e di proprietà del portatore (e non degli usurai). Egli ideando e promuovendo il SIMEC realizzò un vero e proprio miracolo economico-sociale nel comune di Guardiagrele, fino ad allora tra i centri italiani più colpiti dalla piaga del suicidio da insolvenza. Oggi si può e si deve agire con convinzione e determinazione: le armi di mutuo soccorso esistono, basta utilizzarle.

         Non farlo vorrebbe dire rientrare nella categoria degli stupidi e degli sprovveduti;

                non rendere giustizia al nostro glorioso passato, alla nostra Fede e a Dio,

            alla storica battaglia contro l'usura ebraica posta in essere dai santi medievali

                                                      e dalla Chiesa Cattolica.

A tal fine è stato creato il B.A.R. – Buono Comunale di Agevolazione Reddituale, uno strumento capace di dare ai sindaci la possibilità di prendere in mano il destino dei propri cittadini. Un'arma non violenta capace di mettere in moto la macchina economica della propria comunità sociale con efficienza e semplicità. Che ciascuno torni ad essere proprietario dei propri valori monetari, altrimenti l'usura indotta farà piazza pulita dei nostri cari, delle nostre famiglie e della nostra civiltà, costringendoci al suicidio, all'espatrio o alla disperazione. Non facciamoci complici dei grandi usurai e storici padroni oscuri della moneta-debito, nemici di Cristo e dell'umanità: l'immobilismo è un suicidio annunziato! L'immobilismo, una volta compreso il male e trovata la panacea, è un crimine ancor più grande!

Sergio Basile 

__________________________________________________________________________________________________________________

 Video correlato – B.A.R. e sovranità monetaria   

Intervista B.A.R. Sergio Basile e Nicola Arena – YouTube

_________________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlato                                                         

Spread, il nuovo terrorismo: come funziona e come condiziona l’Italia

Spread, il nuovo terrorismo: come funziona e come condiziona l’Italia

Spread a 300 | Il post di Di Maio | Salvini: "Chiedete a Mattarella" „ Giovedì, 31 maggio/ 2018 - di Sergio Basile  –  Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Spread, Crisi di  governo, italia, Mattarella, Salvini  Come funziona lo spread e come condiziona l'Italia: il terrorismo del nuovo millennio C0s'è davvero lo spread e come ci uccide [...]

_________________________________________________________________________________________________________________

 Altri articoli correlati                                                 

Moneta, Lavoro, Schiavitù: inganni della prospettiva lavorista

Moneta, Lavoro, Schiavitù: inganni della prospettiva lavorista

Domenica, 22 luglio / 2018  - di Sergio Basile / Presidente Sete di Giustizia -   Redazione Quieuropa, Sergio Basile,  marxismo, liberismo, moneta-debito,  schivitù, costituzione          Moneta, Lavoro, Schiavitù: inganni della prospettiva lavorista In una società fondata sull'usura, il lavoro è un subdolo e potente strumento di schiavitù. L'arcano svelato nel documento segreto della Banca [...]

Moro, Kissinger e l’usura: nuove ricostruzioni e ipotesi

Moro, Kissinger e l’usura: nuove ricostruzioni e ipotesi

Martedì, 25 settembre / 2018 - di Sergio Basile –  Redazione Quieuropa, Sergio  Basile, Henry Kissinger, Aldo  Moro,  Cinquecento  Lire,  Usura              Moro, Kissinger e l'usura: nuove ricostruzioni e ipotesi Nuovi spunti di riflessione sul caso più scottante della politica italiana a 44 anni dalla minaccia di Henry Kissinger, durante la [...]

Privato: Truffa da Moneta-Debito – Oltre il Dualismo Lira-Euro

Privato: Truffa da Moneta-Debito – Oltre il Dualismo Lira-Euro

Lunedì, 10 settembre/ 2018 – di Sergio Basile –        Sergio Basile, Sete di Giustizia, Anziana rapina banca, Moneta Bedito, Oltre il dualismo lira-euro  Truffa da Moneta-Debito – Oltre il Dualismo Lira-Euro La soluzione passa per la Proprietà Popolare della Moneta e per la fine dell'iniquo regime del signoraggio bancario esercitato dai banchieri privati attraverso le Banche Centrali   [...]

La grande opera medievale della Chiesa Cattolica contro l’usura ebraica

La grande opera medievale della Chiesa Cattolica contro l’usura ebraica

Domenica, 2 settembre / 2018 - di Sergio Basile –  Redazione Quieuropa, Sergio  Basile, Medioevo, usura ebraica, Chiesa Cattolica, Monti  di Pietà  La grande opera medievale della Chiesa Cattolica contro l'usura ebraica Il francescanesimo e la mirabile opera dei Monti di Pietà   di Sergio Basile Tratto da: Sergio Basile, "Il Prezzo della Libertà. La Grande [...]

Genova e la tragedia del Ponte Morandi: aveva ragione Ezra Pound

Genova e la tragedia del Ponte Morandi: aveva ragione Ezra Pound

Martedì, 14 agosto / 2018 - di Roberto Pecchioli –  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli,  Genova,  Ponte Morandi,  Crollo, tragedia, usura, Pound   Genova e la tragedia del Ponte Morandi: aveva ragione Ezra Pound Un'opera così non può crollare dopo soli 50 anni… Senza sovranità  monetaria assistiamo, ogni giorno che passa, alla demolizione programmata della Nazione   [...]

Siamo ostaggi della grande finanza speculativa e nessuno lo dice

Siamo ostaggi della grande finanza speculativa e nessuno lo dice

Lunedì, 4 giugno / 2018  - di Matteo Mazzariol / Presidente Movimento Distributista Italiano -   Redazione Quieuropa, Matteo Mazzariol, schiavità finanziaria, sistema politico, distributismo  Siamo ostaggi della grande finanza speculativa e nessuno lo dice Un mondo virtuale retto sull'usura e sulla speculazione, che sommerge quello reale    di Matteo Mazzariol / Presidente Movimento Distributista Italiano     [...]

L’uomo sottomesso all’oggetto moneta

L’uomo sottomesso all’oggetto moneta

Mercoledì, 23 agosto/ 2017  di Nicola Arena, Sete di Giustizia  Redazione Quieuropa, Sete di Giustizia, Giacinto  Auriti,  Nicola Arena, Moneta  Debito, creazione del valore, criptovalute   L'uomo sottomesso all'oggetto moneta Il grande paradosso della mancanza di danaro nell'odierna società e la grandissima balla delle criptovalute   di Nicola Arena, Sete di Giustizia       [...]

23 agosto 2017Commenti disabilitatiRead Mor

Principali tappe storiche del Nuovo Ordine Mondiale

Principali tappe storiche del Nuovo Ordine Mondiale

Lunedì, 20 agosto / 2018 – di Michael Journal – Traduzione dell'originale inglese a cura di Paolo Baroni / Centro San Giorgio integrazioni e note a cura di Sergio Basile / Redazione Qui Europa  Redazione Quieuropa, Centro San Giorgio, Storia, Nuovo  Ordine  Mondiale,  Baroni, Basile          Principali tappe storiche del Nuovo Ordine Mondiale [...]

Moneta-debito, strategie bancarie, crisi: tutto nei Protocolli di Sion

Moneta-debito, strategie bancarie, crisi: tutto nei Protocolli di Sion

 

 

 

 

 

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa