Siria, né guerra, né pace: da Aleppo il racconto dei Maristi Blu

Sabato, 30 settembre / 2017   

- Lettera dalla Siria di Nabil Antaki – Maristi Blu -

 Redazione Quieuropa, Siria, Aleppo, Nabil Antaki, Maristi Blu, Guerra, accordi di de-escalation 

Siria, né guerra, né pace: da Aleppo il racconto

dei Maristi Blu

Aleppo: 6oo mila persone ritornate alle loro case 

 

Lettera dalla Siria di Nabil Antaki – Maristi Blu / Aleppo

qui europa - Aleppo, 6oo mila persone ritornate alle loro case

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 A sei anni dal conflitto e 350 mila morti          

Aleppo - Lettera di Nabil Antaki, Maristi Blu - Né Guerra né Pace. È così che posso definire la situazione attuale in Siria in questo settembre 2017, sei anni e mezzo dopo gli

            eventi che hanno causato la morte di più di 350.000 persone,

                              distrutto gran parte del Paese,

                          sfollato un terzo della popolazione,

                     spinto all'esilio oltre 3 milioni di persone e

        distrutto i sogni e il futuro dei giovani e di più generazioni di Siriani.

Attualmente, tutte le parti sembrano avere un solo obiettivo: sradicare Daech in Siria dopo averlo sconfitto in Iraq. Gli ultimi bastioni di Daech sono due città a Est: Raqqa, la capitale del sedicente Stato Islamico in Siria e Deir El Zor dove metà della città, la sua gente e la sua guarnigione furono circondati dai jihadisti per oltre 3 anni e riforniti dell'essenziale con ponti aerei. La prima è stata per metà liberata dalle truppe kurde sostenute dagli Stati Uniti. La seconda è sul punto di esserlo; l'esercito siriano, nonostante le pesanti perdite, è riuscito a liberare la città e villaggi nella provincia di Deir El Zor e ha rotto l'assedio della città raggiungendo gli abitanti circondati. I Siriani delle altre città siriane hanno prematuramente manifestato la loro gioia per la liberazione di Deir El Zor, che però non lo è ancora del tutto. Tuttavia, quando Daech sarà definitivamente battuto in queste due città e nei villaggi circostanti, sarà la sua fine in Siria.

 Gli accordi di de-escalation                                

Nel resto della Siria, non è "né guerra né pace". Sotto l'egida della Russia e della Turchia e dell'Iran, ad Astana dove si sono svolti negoziati per molti mesi, sono stati conclusi diversi accordi per l'evacuazione dei ribelli dalle enclaves da loro occupate in varie regioni e permesso il loro trasporto nella provincia di Idlib, bastione di Al Nosra. Inoltre,

                            diversi accordi di de-escalation

                   hanno consentito di fermare i combattimenti

     e congelare la situazione in varie regioni: Damasco, Homs, Idlib…

I Siriani, pur felicitandosi per la cessazione dei combattimenti qua e là, prendono atto che il congelamento della situazione non durerà e porterà a un caos prolungato, alla divisione o alla suddivisione in aree di influenza, se il congelamento non è accompagnato da importanti progressi nei negoziati per raggiungere un accordo politico definitivo del conflitto. Quello che ci rende un po' ottimisti è che la maggior parte dei governi arabi, occidentali e turco, che fin dall'inizio hanno sostenuto, finanziato e addirittura armato i ribelli, per la maggior parte terroristi, finalmente hanno capito che il governo siriano non sarà rovesciato dalle armi come pensavano e desideravano, e che una soluzione politica può esistere solo confermando al potere il presidente, largamente sostenuto dalla popolazione, dall'esercito siriano e dall'alleato russo. Da qui (pare – Ndr) le mutate dichiarazioni di alcuni leaders del mondo occidentale indicanti la loro priorità a combattere Daech e il terrorismo (cosa sempre ripetuta dal governo siriano da 6 anni a questa parte) e non la caduta del regime.

 Aleppo: 6oo mila persone ritornate alle loro case 

Ad Aleppo, dalla fine del 2016 (data dell'evacuazione degli ultimi terroristi verso Idlib e della liberazione della città), la situazione a tutti i livelli è notevolmente migliorata. Come prima del luglio 2012, non esistono più una Aleppo Est e una Aleppo Ovest, ma una sola città: l'Aleppo multimillenaria. Alcune parti di Aleppo, quelle più occidentali, continuano purtroppo a ricevere proiettili di mortaio quotidianamente lanciati dai ribelli installati a 10 km dalla città sul lato di Idlib. Ma la stragrande maggioranza dei quartieri è sicura e gli Aleppini possono circolare e vivere senza la paura di un obice o del proiettile di un cecchino. Uno straniero che avesse seguito gli avvenimenti e il martirio di Aleppo, se venisse a trovarci adesso, sarebbe stupito dalla densità del traffico, dall'illuminazione degli incroci, dai bar affollati, dalle strade prima chiuse e ora riaperte al traffico, dai giardini pubblici pieni di bambini che giocano, dagli autobus per il trasporto scolastico in funzione, dai marciapiedi liberati delle migliaia di bancarelle che funzionavano come negozi e per la riapertura di molti negozi chiusi durante la guerra. L'acqua corrente ci viene nuovamente fornita almeno due giorni alla settimana e l'elettricità è fornita 12 o 15 ore al giornoTuttavia, il quadro non è poi così roseo. Questa situazione "né di guerra né di pace" non incoraggia le centinaia di migliaia di Aleppini, rifugiati o sfollati, a tornare. L'Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM) ha affermato di recente che

            600.000 persone, la maggior parte della provincia di Aleppo,

                              sono tornate nelle loro case.

Questo numero deve essere un po' sfumato perché la maggior parte di queste persone erano sfollati interni che si erano trasferiti in un'altra zona della città o in un'altra città siriana. Questa situazione non aiuta nemmeno la ricostruzione -perché ricostruire se non c'è pace?- nè la ripresa economica, perchè gli investitori restano in attesa. Il costo della vita e la disoccupazione sono ancora molto alti e perciò la povertà. La maggioranza delle famiglie degli Aleppini ha ancora bisogno di aiuto per sopravvivere.

 Lavorare per la ricostruzione                              

Di fronte a questa situazione e a questi nuovi sviluppi, noi Maristi Blu vogliamo favorire la ricostruzione, concentrarci sullo sviluppo umano e lavorare per ricostruire il futuro dei Siriani e della Siria. Dall'inizio del conflitto, nei momenti peggiori della guerra di Aleppo, quando i programmi di soccorso assorbivano le nostre risorse umane e materiali, abbiamo mantenuto i nostri progetti educativi e ne abbiamo iniziato di nuovi. E ora, pur continuando i nostri progetti di soccorso, abbiamo deciso di rafforzare i nostri programmi di sviluppo umano. Crediamo fermamente che far crescere l'umano contribuisca ad implementare la pace e a preparare il futuro. Tuttavia, non intendiamo fermare i nostri programmi di soccorso, la gente ne ha ancora bisogno. In quest'ottica abbiamo iniziato un nuovo progetto che abbiamo chiamato JOB, Job per lavoro in inglese e Job (Giobbe) per il profeta famoso per la sua pazienza, qualità necessaria per il successo del nostro progetto. Esso implica l'individuazione di posti di lavoro per i nostri giovani, favorire la creazione di piccoli progetti e incoraggiare la formazione professionale; ciò per rendere le famiglie finanziariamente indipendenti dagli aiuti ricevuti ormai da più di 5 anni e che un giorno dovranno naturalmente finire, per incoraggiare i giovani a rimanere nel paese e, infine, per partecipare alla ricostruzione della Siria. Un team di volontari è responsabile del progetto. Redige gli elenchi delle offerte e delle richieste di impiego e fa in modo che offerta e richiesta s'incontrino. Aiuta i giovani a immaginare e a realizzare i propri progetti di lavoro e li supporta finanziariamente. Forma altri giovani ai mestieri, inviandoli a nostre spese a centri di apprendistato e infine crea dei workshop di produzione per creare posti di lavoro garantendo la redditività dell'impresa. In questa ottica inizieremo presto una bottega di riciclaggio di abiti usati che fornirà lavoro a una dozzina di donne.
 

 La ripresa dei progetti dei Maristi Blu                  

Il nostro centro di istruzione per adulti, M.I.T., inaugurato alla fine del 2013, ha celebrato i suoi 4 anni di esistenza due settimane fa con un incontro a cui abbiamo invitato tutti i responsabili delle associazioni caritative e per lo sviluppo di Aleppo. In 4 anni abbiamo organizzato 77 workshop di 3 giorni ciascuno con 1404 persone guidate da 28 istruttori. Inoltre, abbiamo organizzato due sessioni di 100 ore per insegnare a 35 giovani adulti "come avviare il tuo progetto". Abbiamo sostenuto finanziariamente i 6 migliori progetti in termini di fattibilità e creazione di posti di lavoro. Continueremo queste lunghe sessioni sullo stesso tema per dare al maggior numero possibile di giovani la possibilità di imparare a creare la propria attività e, quando necessario, li finanzieremo… Tutti gli altri progetti educativi continuano. I due progetti per i bambini dai 3 ai 6 anni "Imparare a crescere" e "Voglio imparare" riprendono le loro attività con i bambini il 2 ottobre, dopo che le 24 insegnanti hanno trascorso tutta l'estate creando i nostri programmi educativi. La squadra di "Skill School" per gli adolescenti ha lavorato duramente per preparare il programma per l'anno. "Taglio e cucito" continua con le mogli, le madri e le figlie, "Lotta contro l'analfabetismo", "Speranza" e "Douroub" riprenderanno presto le loro attività. Stiamo provando con tutti questi programmi ad emancipare le persone, preparare il loro futuro e dare loro strumenti per avere un'attività professionale che permetterà loro di vivere. I nostri programmi di soccorso continuano.

 Molte famiglie ancora senza risorse                       

Riteniamo, dopo una profonda riflessione e un dialogo all'interno del nostro team, che sia sempre necessaria l'assistenza alla popolazione e che il momento per ridurre il volume del nostro aiuto o per fermarlo non sia ancora arrivato. Soprattutto perché

             molte delle nostre famiglie sono di nuovo senza risorse,

    perchè il marito è stato richiamato a servire la patria come riservista. 

Continuiamo a distribuire pacchi alimentari e sanitari ogni mese a circa 1000 famiglie. Aiutiamo le famiglie sfollate a pagare l'affitto delle loro case, distribuiamo l'acqua a chi ne ha bisogno. All'inizio dell'anno scolastico, abbiamo dato a tutti i bambini delle nostre famiglie buoni per l'acquisto di materiale scolastico. Il nostro programma "Goccia di latte" è al suo 29°mese di distribuzione del latte ai bambini di età inferiore ai 10 anni.

 Adattamento costante alle nuove esigenze              

 Per quanto riguarda i nostri due programmi medici, siamo lieti di annunciare che il progetto "Civili Feriti di Guerra" è, grazie a Dio, rallentato per la diminuzione dei feriti dopo la liberazione di Aleppo.  Viceversa, il nostro programma medico per aiutare i malati finanziariamente incapaci di prendersi cura di se stessi o di farsi operare si amplia moltissimo, visto il numero delle persone in grande difficoltà. In estate abbiamo organizzato nel nostro Centro un club estivo dove le famiglie e i loro figli sono venuti nei pomeriggi per rilassarsi, giocare e trascorrere momenti piacevoli sorseggiando un caffè o una bibita con i loro amici. Negli ultimi 6 anni abbiamo attraversato periodi diversi che abbiamo dovuto gestire con mezzi differenti. La situazione attuale di "Né guerra né pace" è una delle più difficili, perché le nostre risposte alla situazione non sono scontate. E' un momento che richiede a noi riflessione e adattamento costante alle nuove esigenze, e alle famiglie beneficiarie una rieducazione alla pace tanto desiderata. Vogliamo seminare la Speranza tra le persone e vederla espandersi nella fiducia, nella serenità e nell'amoreI Fratelli Maristi, nostri partner in seno ai Maristi Blu, il cui carisma e spiritualità condividiamo, in Colombia stanno tenendo attualmente il loro 22° Capitolo Generale, durante il quale i fratelli partecipanti definiranno gli orientamenti della congregazione per gli anni a venire ed eleggeranno la nuova dirigenza. La scelta di tenere il Capitolo in Colombia, al posto di tenerlo presso la casa generalizia di Roma dove si è sempre fatto, è significativa della volontà della congregazione di aprirsi verso "nuovi orizzonti" e di sottolineare la pace che si sta preparando in quel Paese, vittima di una guerra che dura da decenni. Anche noi, i Maristi Blu, sogniamo di andare verso nuovi orizzonti, verso un nuovo inizio di un tempo da costruire, da realizzare nella convivenza, la concordia, la cittadinanza responsabile e la Pace.

                                 "Né guerra né pace" 

                 era il titolo di questa lettera da Aleppo n. 31.

  Che la n. 32 tra 3 mesi vi possa dire: Nessuna guerra ma una pace vera.

 

Nabil Antaki – Maristi Blu

partecipa al dibattito – infounicz.europa@gmail.com

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

____________________________________________________________________________________________

 Video correlato                                                

 Mons Abou Kazen descrive le menzogne della guerra di Siria

_____________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                               

Siria – Lettera di Padre Daniel Maes: un nuovo coraggio, come mai prima

Siria – Lettera di Padre Daniel Maes: un nuovo coraggio, come mai prima

Lunedì, 25 settembre / 2017    Lettera di Padre Daniel Maes, Siria  Redazione Quieuropa, Siria, Aleppo, falsità, Lettera di Padre Daniel Maes, coraggio, guerra  Siria – Lettera di Padre Daniel Maes: un nuovo coraggio, come mai prima La lotta quotidiana per la sopravvivenza nell'esperieza di Padre Daniel: testimone oculare dell'aggressione terroristica in Siria   Lettera di Padre Daniel Maes, Siria [...]

Siria – Padre Daniel: abiteranno sicuri. Egli stesso sarà la pace!

Siria – Padre Daniel: abiteranno sicuri. Egli stesso sarà la pace!

Mercoledì,  Gennaio 6th/ 2016 - di Padre Daniel Maes, Siria - Redazione Quieuropa, Gesù Cristo, Cristianesimo, Padre Daniel Maes, Siria, persecuzione dei cristiani, Qara, terrorismo internazionale, sionismo, wahabismo  Siria – Padre Daniel: abiteranno sicuri. Egli stesso sarà la pace! La perseveranza dei testimoni della verità avrà la meglio!   Testimonianza di Padre Daniel Maes, Siria  Algeria – masse di musulmani tornano [...]

Speciale – Così il sionismo creò l’integralismo islamico – Prima Parte

Speciale – Così il sionismo creò l’integralismo islamico – Prima Parte

Lunedì,  Agosto 11st/ 2014  - di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Siria, Iraq, sionismo, integralismo islamico, NATO, Gaza, impero britannico, Bretton Woods, Arabia Saudita, Corona inglese  Speciale – Così il sionismo creò l'integralismo islamico – Prima Parte Esiste un progetto di dominio mondiale preciso e nascosto tra le pieghe della storia   di Sergio Basile  Premessa       [...]

Speciale – Così il sionismo creò l’integralismo islamico – Seconda Parte

Speciale – Così il sionismo creò l’integralismo islamico – Seconda Parte

Giovedì,  Agosto 14th/ 2014  - di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Siria, Iraq, sionismo, integralismo islamico, NATO, Gaza, impero britannico, Bretton Woods, Arabia Saudita, Corona inglese, Dichiarazione balfour, Mister Hempher, setta wahhabita, Illuminati di Baviera, Walter Rothschild, Ayyub Sabri Pasha  Speciale – Così il sionismo creò l'integralismo islamico – Seconda Parte Sionismo ebraico e radici del Wahhabismo: Mister Hempher il sionismo e la missione [...]

Speciale – Così il sionismo creò l’integralismo islamico – Terza Parte

Speciale – Così il sionismo creò l’integralismo islamico – Terza Parte

Sabato,  Agosto 16th/ 2014   - di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Siria, Iraq, sionismo, integralismo islamico, NATO, Gaza, impero britannico, Bretton Woods, Arabia Saudita, Corona inglese, Balfour, Mister Hempher, setta wahhabita, Illuminati di Baviera, Walter Rothschild, Ayyub Sabri Pasha, ataturk, stato d'israele, Varg Vikernes, Giovani Turchi, Prima Guerra Mondiale, Kemal Ataturk, Libia post-Gheddafin Nathan Mayer Rothschild, Illuminati di Baviera, 1861 unità massonico-sionista dell'italia   Speciale – Così il sionismo creò [...]

A un anno dalla morte di Monsignor Giuseppe Nazzaro, una testimonianza dalla sua Siria

A un anno dalla morte di Monsignor Giuseppe Nazzaro, una testimonianza dalla sua Siria

 Mercoledì, 26 Ottobre/ 2016    A cura delle Sorelle Trappiste di Aleppo  Redazione Quieuropa, Siria, Aleppo, Mons. Giuseppe Nazzaro, Sorelle Trappiste di Aleppo  A un anno dalla morte di Monsignor Giuseppe Nazzaro, una testimonianza dalla sua Siria Per la Siria ha messo tutto il suo cuore… ►Video in allegato: Mons. Giuseppe Nazzaro   A cura delle Sorelle Trappiste [...]

Siria – Le Carmelitane di Aleppo e l’altro versante della sofferenza

Siria – Le Carmelitane di Aleppo e l’altro versante della sofferenza

Venerdì, 14 Ottobre/ 2016    delle Suore Carmelitane di Aleppo / Siria  Redazione Quieuropa, Siria, Aleppo, falsità, Suore Carmelitane, fine dei combattimenti, Verità  Siria – Le Carmelitane di Aleppo e l'altro versante della sofferenza  "Non ne possiamo più e chiediamo incessantemente la fine dei combattimenti nella città e dovunque, insieme a una maggiore obiettività nelle notizie…"   delle Suore Carmelitane di [...]

Aleppo – L’accorato appello dell’Arcivescovo cattolico greco-melkita di Aleppo, Mons. Jeanbart

Aleppo – L’accorato appello dell’Arcivescovo cattolico greco-melkita di Aleppo, Mons. Jeanbart

Martedì, 11 Ottobre/ 2016    di Mons. Jean-Clément Jeanbart,  Arcivescovo di Aleppo  Redazione Quieuropa, Siria, Aleppo, falsità, Mons. Fean Clement Jeanbart, arcivescovo di Aleppo  L'accorato appello dell'Arcivescovo cattolico greco-melkita di Aleppo, Mons. Jeanbart Questo è ciò che accade ad Aleppo! "Ponete fine alle pretese ingiuste dei vostri alleati!"   di Mons. Jean-Clément Jeanbart,  Arcivescovo di Aleppo         [...]

Aleppo, Siria – “Qui siamo chiusi fuori dal mondo e presto senza risorse per sopravvivere”

Aleppo, Siria – “Qui siamo chiusi fuori dal mondo  e presto senza risorse per sopravvivere”

Mercoledì, Marzo 9th, 2016 - di S.E. Mons. Abou Khazen, Vescovo di Aleppo – Redazione Quieuropa,  Siria, Vescovo di Aleppo, Mons. Abou Khazen, parrocchia di Imola, tagliata fuori dai rifornimenti, taglio dell'acqua  Aleppo, Siria – "Qui siamo chiusi fuori dal mondo e presto senza risorse per sopravvivere" Nuovo appello del vescovo di Aleppo, Mons. Abou Khazen [...]

Siria – Appello per Aleppo dal Vicario Apostolico Mons. Abou Khazen

Siria – Appello per Aleppo dal Vicario Apostolico Mons. Abou Khazen

Domenica, Febbraio 14th, 2016 – di Georges Abou Khazen, Vicario Apostolico di Aleppo - Redazione Quieuropa,  Siria, Aleppo, bombardamenti, Vicario Apostolico di aleppo, Monsignor Abou Khazen, Jihadisti, intensificazione dei bombardamenti sui civili, opposizione moderata   Siria – Appello per Aleppo dal Vicario Apostolico Mons. Abou Khazen Siamo da giorni sotto continui bombardamenti: la cosiddetta "opposizione moderata" ha avuto il semaforo verde [...]

Padre Jacques Mourad – “La miracolosa fuga dall’Isis”

Padre Jacques Mourad – “La miracolosa fuga dall’Isis”

Giovedì,  Gennaio 14th/ 2016 - di Gian Micalessin  - Redazione Quieuropa, Padre Jacques Mourad, Gesù Cristo, Samaan, Cristianesimo, Gian Micalessin, Siria, persecuzione dei cristiani, sionismo, wahabismo, Isis, Al Baghdadi, miracolosa fuga dall'Isis, Gli occhi della guerra  Siria – Padre Jacques Murad - “La miracolosa   fuga dall’Isis” Padre Jacques Mourad ripercorre la sua esperienza: "Lui mi guardò rammaricato. Sa… dovremo ucciderla!"    di [...]

Aleppo – I bambini siriani si mobilitano per svegliare l’ONU dal sonno mondialista

Aleppo – I bambini siriani si mobilitano per svegliare l’ONU dal sonno mondialista

Domenica, 9 Ottobre/ 2016    di Sergio Basile  Redazione Quieuropa, Siria, Aleppo, bambini per la Pace, contro la guerra in Siria, mondialismo  Aleppo – I bambini siriani si mobilitano per svegliare l'ONU dal sonno mondialista Sarebbe auspicabile che anche nelle parrocchie italiane i sacerdoti potessero seguire l'esempio di  Mons. Khazen    di Sergio Basile               [...]

Indignati per tutto quello che stiamo subendo, che vediamo, sentiamo: noi di Aleppo

Indignati per tutto quello che stiamo subendo, che vediamo, sentiamo: noi di Aleppo

Mercoledì, 21 Settembre/ 2016    di Nabil Antaki / Maristi Blu, Aleppo  Redazione Quieuropa, Aleppo, Siria, Nabil Antaki, Russia, Usa, Turchia, Al-Nusra, Mahmoud, bombe, gas e chiodi  Indignati per tutto quello che stiamo subendo, che vediamo, sentiamo: noi di Aleppo  Rivolta e Compassione - Lettera da Aleppo N. 27   di Nabil Antaki / Maristi Blu, Aleppo     [...]

Pace per Aleppo, nella Giustizia e nella Verità

Pace per Aleppo, nella Giustizia e nella Verità

Venerdì, 7 Ottobre/ 2016    di Gb. P. Oraprosiria  Redazione Quieuropa, Aleppo, Siria, Russia, Usa,  Osservatorio per i diritti umani siriano  Pace per Aleppo, nella Giustizia e nella Verità Gli inganni del fantomatico "Osservatorio per i diritti umani siriano"   di Gb. P. Oraprosiria                        "Osservatorio per i diritti [...]

Siria – La guerra della disinformazione: false petizioni e altre menzogne mediatiche

Siria – La guerra della disinformazione: false petizioni e altre menzogne mediatiche

Martedì, 23 Agosto/ 2016     - di Nabil Antaki e Redazione Qui Europa  Redazione Quieuropa, Aleppo, Siria, Nabil Antaki, bugie mediatiche, Obama, False flag, falsa petizione, Amnesty International, Osservatorio siriano per i diritti dell'uomo  Siria – La guerra della disinformazione: false petizioni e altre menzogne mediatiche Le nuove diaboliche trovate  mediatiche dei poteri mondialisti per disinformare   di Nabil [...]

Aleppo – Quando la verità è la prima cosa a Morire

Aleppo – Quando la verità è la prima cosa a Morire

Venerdì, 19 Agosto/ 2016    -di Gb.P / Ora Pro Siriad -i    Redazione Quieuropa,Ora Pro Siria, Aleppo, Siria, Distruzione, Crimini contro l'umanità,  disinformazione, video, menzogne dei media   Aleppo – Quando la verità è la prima cosa a Morire Di video "indignati", bombe su Aleppo e dolore dei bambini ►Video in allegato   di Gb.P / [...]

L’Anima immortale della Siria Cristiana: Nostra Signora Fonte della Pace

L’Anima immortale della Siria Cristiana: Nostra Signora Fonte della Pace

Mercoledì, 17 Agosto/ 2016    Sorelle trappiste del Monastero 'Adhzra yanbu'a-s-salam', Azeir, Siria ,   Redazione Quieuropa, Sorelle trappiste, Vergine Maria, Anima della Siria, Nostra Signora Fonte della Pace, Siria, Azeir  L'Anima immortale della Siria Cristiana: Nostra Signora Fonte della Pace Come acqua che lava e risana   Sorelle trappiste del Monastero 'Adhzra yanbu'a-s-salam', Azeir, Siria     [...]

Aleppo: sembra la fine del mondo – Crimini contro l’umanità

Aleppo: sembra la fine del mondo – Crimini contro l’umanità

Giovedì, 11 Agosto/ 2016     - di  Redazione Qui Europa / Nabil Antaki  Redazione Quieuropa, Aleppo, Siria, Nabil Antaki, acqua, crimini contro l'umanità   Aleppo: sembra la fine del mondo   Aleppini senza acqua da quattro giorni  e senza beni di prima necessità.   Bombardamenti incessanti.  Che fa l'ONU?    Redazione Qui Europa / Nabil Antaki         [...]

Aleppo: storie di quotidiana disinformazione

Aleppo: storie di quotidiana disinformazione

   Lunedì, 8 Agosto/ 2016     - di  Redazione Qui Europa / Nabil Antaki  Redazione Quieuropa, Aleppo, Siria, Nabil Antaki, Disinformazione mediatica, terrorismo    Aleppo: storie di quotidiana disinformazione   I terribili giorni di Aleppo    Redazione Qui Europa / Nabil Antaki                      Premessa - Terribili giorni ad Aleppo     [...]

La petizione, l’appello – Basta sanzioni alla Siria

La petizione, l’appello – Basta sanzioni alla Siria

Mercoledì 18 Maggio / 2016  - Comitato italiano contro le sanzioni alla Siria  - Siria, Redazione Qui Europa, Aleppo, Crimini contro l'Umanità, Aleppo, guerra dell'acqua, sanzioni, Unione europea,  Suore trappiste, testimonianza, Sanzioni, annientamento della Siria, sanzioni inique, genocidio del popolo siriano, sanzioni internazionali  La petizione, l'appello – Basta sanzioni alla Siria In questi cinque anni le sanzioni alla Siria hanno [...]

Frans, dì al giovane uomo vestito di bianco accanto a te…

Frans, dì al giovane uomo vestito di bianco accanto a te…

Domenica, 10 Aprile/ 2016    – Testimonianza di  padre Nouras Sammour -  Redazione Qui Europa / Redazione Ora Pro Siria - Redazione Quieuropa, Redazione Ora Pro Siria, Gesù di Nazareth, Testimonianza di  padre Nouras Sammour, Ya Rabb, padre Frans van der Lugt, era il pastore, oggi la sua presenza continua  Frans, dì al giovane uomo vestito di bianco accanto a te…           [...]

Testimonianza/Appello delle suore trappiste siriane – contro le sanzioni che annientano il popolo

Testimonianza/Appello delle suore trappiste siriane – contro le sanzioni che annientano il popolo

Sabato, Luglio 18th, 2015 - Testimonianza/Appello delle suore trappiste siriane - Redazione Quieuropa,  Siria, Suore trappiste, testimonianza, Sanzioni, annientamento della Siria, sanzioni inique, genocidio del popolo siriano, sanzioni internazionali  Genocidio del popolo siriano – attacco al cuore del Cristianesimo Testimonianza/Appello delle suore trappiste siriane – contro le sanzioni che annientano il popolo Le Monache siriane: "vi chiediamo di operare per [...]

Aleppo – Testimonianza di Fra Ibrahim: una comunione meravigliosa, malgrado la morte

Aleppo – Testimonianza di Fra Ibrahim: una comunione meravigliosa, malgrado la morte

Martedì,  Maggio 5th/ 2015       - Redazione Qui Europa - Testimonianza di Fra Ibrahim Sabbagh, parroco latino di Aleppo Redazione Quieuropa, Siria, Aleppo, Terrorismo, Fra Ibrahim Sabbagh, Testimonianza Cristiana, Terrasanta, Persecuzioni contro i Cristiani, martiri, famiglie in fuga, meravigliosa comunione  Aleppo – Testimonianza di Fra Ibrahim: una comunione meravigliosa, malgrado la morte Prima dell'inizio della persecuzione, vivevano ad [...]

Siria – Le Politiche Occidentali incoraggiano l’esodo dei Cristiani

Siria – Le Politiche Occidentali incoraggiano l’esodo dei Cristiani

Martedì, Ottobre 22nd/ 2013 – Redazione Qui Europa - Redazione Qui Europa, Siria, Cristiani, Esodo, Arcivescovo Marayati, Comunità Internazionale, Profughi Siriani, 17 Paesi, Europa, Esodo forzato e indotto, Genocidio di un popolo, Libano, Damasco, Aleppo, Derrate alimentari carissime, Responsabilità e doveri dellì'Occidente, Assad ripristina l'arteria stradale Aleppo-Homs  Siria – Le Politiche Occidentali incoraggiano l'esodo dei Cristiani La [...]

Gli angeli di Homs e la nostra Sete di Giustizia

Gli angeli di Homs e la nostra Sete di Giustizia

Venerdì,  Ottobre 3rd/ 2014  – di Sergio Basile - Presidente Sete di Giustizia - Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Homs, strage di bambini, fondamentalismo islamico, nuova consapevolezza, Giacinto Auriti, finanziamenti occulti agli squadroni della morte, moneta-debito, sistema bancario internazionale, rivoluzioni e primavere, progresso, coscienza Sete di Giustizia  Gli angeli di Homs e la nostra Sete di Giustizia Dedicato [...]

Testimonianza di Samaan Daoud – Dal Cuore della Siria Inerme

Testimonianza di Samaan Daoud – Dal Cuore della Siria Inerme

Sabato, Maggio 23rd, 2015 - Testimonianza di Samaan Daoud – Contributo della Redazione di "Piccole Note" Redazione Quieuropa,  Siria, Isis, redazione piccole note, Samaan Daoud, Simbolismo satanico, logge sataniche, genocidio del popolo siriano, Giordania, Turchia, Israele e Libano fermi, Isis & soci  Genocidio del popolo siriano – attacco al cuore del Cristianesimo Testimonianza di Samaan Daoud – [...]

Banalizzazione dell’orrore: lettera dai Maristi di Aleppo

Banalizzazione dell’orrore: lettera dai Maristi di Aleppo

Domenica, Settembre 20th, 2015 – di Nabil Antaki - Redazione Quieuropa,  Siria, Suore trappiste, testimonianza, annientamento della Siria, sanzioni inique, genocidio del popolo siriano, Banalizzazione dell'orrore, problema idrico, problema elettrico, Gli sgozzamenti che non fanno più notizia,  La questione dei "veri profughi"  Genocidio del popolo siriano – La Verità che l'Occidente tace Banalizzazione dell'orrore: lettera dai Maristi di Aleppo  Siria – Le [...]

Assuefatti al male e alla menzogna, viviamo convinti del nulla dietro un branco di illusi

Assuefatti al male e alla menzogna, viviamo convinti del nulla dietro un branco di illusi

Lunedì,  Marzo 16th/ 2015 – di Giuseppe Nazzaro, Vescovo emerito di Aleppo - Redazione Quieuropa, Sergio Basile, ISIS, Vescovo di Aleppo, strategie mondialiste, Attacco degli Usa e delle forze alleate, Padre Georges Abou Khazen, schizofrenia di Obama e soci, Isis, tagliagole, presepe, rimozione della croce dagli edifici pubblici  Riflessioni su un anniversario - di Mons. Nazzaro, Vescovo Emerito di [...]

Sira – Il dramma dei profughi nella testimonianza di Yousef, cristiano detenuto in Turchia

Sira – Il dramma dei profughi nella testimonianza di Yousef, cristiano detenuto in Turchia

Sabato, Ottobre 10th, 2015 – Testimonianza di Yousef, giovane cristiano siriano -  Redazione Quieuropa,  Siria, Turchia, testimonianza, Yousef, Istanbul, Damasco, imprigionati in un campo profughi, nel campo di detenzione  Siria – Il calvario di un popolo colpevole di essere cristiano Sira – Il dramma dei profughi nella testimonianza di Yousef, cristiano detenuto in Turchia Testimonianza di Yousef, [...]

Commedia ONU – Raid congiunti Usa-Russia anti Isis?

Commedia ONU – Raid congiunti Usa-Russia anti Isis?

Martedì, Settembre 29th, 2015 – di Sergio Basile  -  Redazione Quieuropa,  Damasco, New York, Siria, ONU, Sergio Basile, Vladimir Putin, Barack Obama, Papa Bergoglio, viaggio negli Usa, assemblea generale, genocidio dei cristiani in Siria, Ban Ki-moon  Assemblea generale dell'ONU – il confronto Putin-Obama Commedia ONU – Raid congiunti Usa-Russia anti Isis? Il paradosso: quando l'amico del mio nemico diventa mio [...]

Oggi gli angeli della morte volavano sopra il cielo di Damasco

Oggi gli angeli della morte volavano sopra il cielo di Damasco

Martedì, Febbraio 24th / 2015     – Redazione Qui Europa -  Redazione Quieuropa, Siria, Testimonianza da Damasco, Jihadisti, governi massonici occidentali, ribelli siriani  Testimonianza dalla Siria Oggi gli angeli della morte volavano sopra il cielo di Damasco Una telefonata da Damasco, in una normale giornata di inferno   Redazione Qui Europa  Siria – Ogni giorno come se [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa