Pretesto Brexit e accelerazione del processo europeista: il grande male dell’ora presente

Mercoledì,  29 Giugno/ 2016

 - di Sergio Basile -

Redazione quieuropa, Unione europea, Sergio Basile, Rensi, Hollande, Merkel, Stati Uniti d'Europa, federalismo, europeismo, mondialismo, Brexit, Unione Europea, Consiglio direttivo, Banche centrali, Corte di Giustizia, Meccanismo europeo di stabilità (MES), Trattato di Lisbona, Comunismo, lega dei senza dio militanti, Stalin, Lenin, liberal-capitalismo, Karl Marx, social-comunismo, impero bancario, Banca d'Italia, Commonwealth, mondialismo ed accentramento europeista 

Pretesto Brexit e accelerazione del processo europeista: 

il grande male dell'ora presente

Storicamente l'UE è un'organizzazione mondialista e 

massonico-bancaria protesa all'annientamento

delle nazioni e dei popoli europei

Stati Uniti d'Europa – Il commissariamento finale dei popoli

e delle nazioni, dietro il pretesto Brexit

 

di Sergio Basile

Pretesto Brexit e accelerazione del processo europeista

 Dietro l'europeismo targato Merkel-Hollande-Renzi                                 

Bruxelles, Londra – di Sergio Basile – Nelle ultime ore i profeti mondialisti del "Nuovo Disordine Europeo", capeggiati dalla triade Renzi-Hollande-Merkel sono usciti allo scoperto, facendo intendere la volontà di accelerare quel liberticida processo di paneuropeizzazione del continente, noto come "Stati Uniti d'Europa", in nome della sicurezza comune e della "democrazia", quale risposta ideale all' "esame di coscienza" sulla "Brexit", invitando Cameron a far le valigie e ad abbandonare al più presto l'euro-gabbia (fatta ovviamente "per i servi e gli schiavi" – Vedi qui Oltre Brexit – Tanta euforia per cosa? – Seconda Parte). Purtroppo molti ingorano come la realizzazione del super-stato Ue (Stati Uniti d'Europa) sia da sempre il grande sono della giudeo-massoneria internazionalista e di Mazzini: nonché il vero obiettivo di federalisti, radicali, social-comunisti e liberal capitalisti. Alla resa dei conti, dunque, l'uscita dei padroni coloniali anglofoni dall'euro-gabbia si sta rivelando sempre di più ciò che penso che sia: un grande colpo di teatro, un "biscotto" preconfezionato per dare la possibilità ai sudditi di Sua Maestà di mettersi definitivamente al sicuro dalle ipocrite manovre totalitariste dell'Ue, e per agevolare la fase finale della mondializzazione dell'Europa, cioé la nascita del "super-stato europeista", sulle ceneri degli stati (e delle nazioni cristiane). Ciò mentre in Italia, gli pseudo dissidenti del Movimento 5 Stelle (forse il movimento più mondialista di tutti, malgrado la finta opposizione di facciata) sbraitano in Parlamento, attravero il "prode" Di Battista, tutto il loro amore per la nobile "costruzione europea"… che a loro modo di vedere andrebbe "cambiata" e non rottamata: ritornello comodo che gli europeisti e i massoni ripetono da decenni, con vaghe promesse, sostenendo insopportabili chiacchiere da treno.

 La vera, occulta, natura dell'UE e il suo obiettivo primario                       

Atteggiamenti davvero anacronistici che non fotografano la reale natura dell'Unione. Forse sarebbe il caso di ricordarla brevemente a Grillo, Di Battista & associati. Quello che nessuno dice né agli italiani né ai cittadini degli altri Paesi europei, è che questa auspicata “cessione” di sovranità verso il super stato federale europeista avrà  in futuro conseguenze tutt’altro che “democratiche”. Si tratta di azioni condotte con la strategia dei piccoli passi. La strategia che – come già detto in altre sedi – mira alla creazione degli Stati Uniti d'Europa anti-cristiani: un mostro politico che obbligherà 500 milioni di cittadini e oltre, a soccombere alle medesime leggi, dove aborto, gender, iper-immigrazionismo e altre perle massoniche saranno il pane quotidiano e nessuno potrà opporsi, semplicemente perché non ci saranno più alternative. il tutto passando per seppellimento programmato delle nazioni cristiane e delle loro nobilissime tradizioni.

Europeismo - Elezioni 2014 - ecco perchè io non voto

 Pretesto Brexit – Verso gli Stati Uniti d'Europa                                           

I paesi dell'UE dovranno sottostare ad uniche leggi (anti-cristiane) perderanno il diritto di avere un proprio esercito, un diritto penale autonomo, dovranno abbandonare definitivamente il sogno di raggiungere una "sovranità monetaria", con il "legittimo" trasferimento di tutti quei blandi poteri che restano, verso Bruxelles. Non a caso il dopo Brexit è stato visto come il pretesto ideale per l'accentramento: nelle scorse ore il ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier e il suo omologo francese Jean-Marc Ayrault hanno presentato una proposta di una maggiore integrazione europea basato su tre aree principali: 1) sicurezza interna ed esterna; 2) crisi dei migranti; 3) cooperazione economica.

 Il modello "Fabian Society"                                                                                    

Questa offerta – rivista e corretta – è la stessa identica strategia, dei piccoli passi, studiata e sdoganata in passato, senza troppa pubblicità, da una delle organizzazioni comunitariste/internazionaliste (o internazional-socialiste) più potenti ed organizzate, chiamata "Fabian Society". L'organizzazione anglosassone è considerata alla base dei processi di globalizzazione che molti falsi dissidenti (di destra, centro e sinistra) oggi fingono di combattere, senza fare alcun cenno a tale macroscopica realtà.  Non a caso, infatti, il motto ufficiale della stessa organizzazione comunitarista ed élitaria è ancora oggi "When I strike, I strike hard!” (quando colpisco, colpisco duro) e non a caso i suoi simboli iconografici sono due: la tartaruga protesa all'attacco (determinata e dall'incedere deciso ed inesorabile, malgrado la lentezza dell'azione, spesso impercettibile…) e il lupo nascosto sotto la pelle dell'agnello.

 La strategia dei piccoli passi… il motto della Fabian Society                    

La Fabian Society (leggiamo dal Treccani) è "un'associazione socialista sorta a Londra nel 1893-94 attorno a intellettuali (G.B. Shaw, S. Webb, H.-G. Wells). Ispirata alla tattica militare temporeggiatrice di Fabio Massimo, era vicina alle elaborazioni del socialismo riformista del continente e si riallacciava ad alcuni tratti del pensiero politico inglese, risentendo altresì dell’influenza marxista (Fabian essays in socialism, 1889). Propugnatrice di programmi circoscritti e di una serie graduale di riforme, fu presente nei congressi delle Trade Unions e contribuì alla formazione del Labour Party (1900), del quale ha costituito il maggior centro di elaborazione strategica. Rinnovata nel 1938 da B. Webb e G.D.H. Cole, pur rimanendo limitata nel numero degli associati (massimo 8400, nel 1946) ha fortemente alimentato il dibattito politico e influenzato la pubblica opinione". Mai una riforma decisa e unica, piuttosto decine di piccoli significativi interventi, piccoli lentissimi passi: è questa la vera essenza della cosiddetta "rivoluzione liberale e democratica" che oggi si nasconde dietro la parola europeismo e dietro le organizzazioni comunitariste ed internazionaliste che lo sorreggono! Oggi si cede il potere militare, o sue parti, un’altra volta il potere di decidere in campo finanziario (es.: Two Pack – (1)), un’altra volta l’obbligo di adeguare le leggi dei singoli Paesi alle decisioni dell’Unione Europea. Poi è la volta della politica fiscale e di bilancio comune, con la scusa della lotta all'evasione o dell'implementazione di un sistema impositivo omogeneo a tutti i Paesi Ue (vedi qui – Dittatura UE  ), e via così… Poi l'esercito comune in chiave antiterrorismo: lo stesso alimentato dal mondialismo massonico che "architetta" gli attentati dell'Isis e dell'integralismo islamico.

(1) Vedi qui - Two pack – Ora l’Ue potrà imporre anche modifiche alle leggi finanziarie

 Premesse comunitariste dell'UE - Rossi, Favarelli e la via europeista    

Molto illuminante, per la comprensione delle premesse comunitariste all'evoluzione del progetto di accentramento europeista è – suo malgrado – il libro "Il socialismo al bivio: l'archivio di Giuseppe Faravelli, 1945-1950". I carteggi pubblicati in questo volume degli "Annali" sono stati conservati da Giuseppe Faravelli e rappresentano una delle più ricche e preziose documentazioni sul socialismo italiano dal 1945 al 1950, vale a dire dalla Resistenza alla Guerra Fredda. Si legge nell'introduzione all'opera: "Attraverso un rapporto epistolare senza reticenze e diplomatismi è possibile ricostruire la trama e le motivazioni profonde dello scontro drammatico all'interno del PSI (allora PSIUP) e della Sinistra sul dilemma autonomia socialista/partito unico socialcomunista, che porterà alla scissione di Palazzo Barberini, e sul dilemma Fronte Popolare/Unità socialista che caratterizzerà il 18 Aprile 1948 e gli anni successivi. In modo particolare è possibile riscoprire (….) i dirigenti del sindacalismo americano  (….)  coinvolti nella partita che ha per posta l'Europa, la collocazione internazionale dell'Italia, le scelte della sinistra, la posizione del sindacato, la fine dell'alleanza antifascista, le possibilità o meno di una "terza via" europea e socialista"Ne "Il Socialismo al Bivio" spicca tra le altre la figura di primo piano di Ernesto Rossi, politico e giornalista italiano antifascista e radicale, tra i padri promotori (con Altiero Spinelli ed Eugenio Colorni) del federalismo europeo, cioè del progetto d'ispirazione massonico-sionista chiamato "Unione europea" (2), destinato a confluire – in un livello successivo – in un progetto ancor più totalizzante chiamato "Stati Uniti d'Europa". Ernesto Rossi condivise con Altiero Spinelli, inoltre, la stesura del "Manifesto di Ventotene", considerato "il suo libro più importante, nonché il suo testamento morale(3).

(2) Vedi qui: Il Piano Kalergi – Quello che Nessuno ti ha mai detto sull’Europa

Europeismo, Federalismo e Mondialismo: facce della stessa medaglia

Europa, alzati e Cammina, ma fuori dall’UE!

(3) Vedi qui: Cfr.:  A. Spinelli, Il Manifesto di Ventotene, Bologna, Il Mulino, 1991, pp. 1-3; Cfr. anche: E. Rossi, «Alleanza atlantica o neutralità?», in Il Ponte, XX, 1964, n. 4; A. Spinelli, Diario europeo. 1948-1969, Bologna, Il Mulino; G. Spadaccia, «Ernesto Rossi. La battaglia federalista (a colloquio con Altiero Spinelli)», in L’Astrolabio, V, 1967

Pretesto Brexit e accelerazione del processo europeista

 Comunitarismo, Stati Uniti d'Europa e nascita del partito radicale        

Ne "Il Socialismo al Bivio" (Pag. 20) è riportata una lettera di Ernesto Rossi all'amico Giuseppe Favarelli, datata 16 Marzo 1945 ed inviata da Ginevra durante il confino in Svizzera. In essa emerge innanzitutto l'avvenuta fusione tra PC e Socialisti (PS), poi le simpatie per il partito laburista inglese, diretta derivazione della Fabian Society : "se fossi in Inghilterra – confessa Rossi a Favarelli – troverei il mio posto nel partito laburista. Mi trovo completamente d'accordo – continua – col Socialist Vanguard Group che pubblica la rivista "Socialist Commentary" ed ho molta stima per il "New Statesman" e per la "Fabian Society". Più tardi, il 20 gennaio del 1956, Rossi fu tra i promotori della costituente del Partito Radicale, assieme a personaggi come Bruno Villabruna, Eugenio Scalfari (l'attuale direttore di "La Repubblica") e Leo Valiani. "L’assemblea si conclude con il reincarico al Comitato, denominato Giunta esecutiva, con la nomina di una direzione di quattordici membri. Viene inoltre formato uno speciale comitato di studio per i problemi economici, sociali e della scuola" (costituito oltre che da uomini come Calogero, Compagna, Boneschi, Messineo, da  Rossi e dallo stesso Scalfari).  "Il segretario della giunta e il vero animatore di un movimento politico che si presentava con caratteri del tutto originali – leggiamo - fu il direttore de  "Il Mondo", Mario Pannunzio" (4).

(4Cfr.: Verbale del Primo Convegno nazionale – Italia: Roma, 4/5 Febbraio 1956 - Sede radicale a Via della Colonna Antonina.

 Convergenze storiche e humus che portò alla nascita dei "Radicali"        

Ciò avveniva contestualmente a due fatti di non secondaria importanza. Anzi! La Rivoluzione Ungherese (5) e l'apertura dei lavori del XX Congresso del PCUS, nel quale Kruscev denunciava gli "errori" strategici di Stalin (senza ripudiare gli orrori del comunismo) e proponeva una nuova strategia di dominio, basata su una la coesistenza pacifica e – ovviamente – materialistica ed anticlericale, sulla scia dei principi del marxismo (6):  Il rapporto, proteso comunque ad osannare i meriti del comunismo (…) così terminava (tra gli applausi della sala): "Degni di gloria immortale sono i servizi resi dai soldati sovietici e dai loro comandanti, dai lavoratori politici di ogni rango; dopo l'annien­tamento di notevole parte dell'esercito, nei primi mesi di guerra, non per­sero la testa e seppero riorganizzarsi mentre i combattimenti proseguivano. Essi crearono a rafforzarono, (….) un esercito forte ed eroico (…). Le magnifiche imprese di centinaia di milioni di persone, in oriente ed occidente, durante la lotta contro la minaccia di un dominio fascista che pendeva su di noi, rimarranno per secoli e millenni nella memoria dell'umanità grata. La parte principale e il merito maggiore della vittoriosa conclusione della guerra spettano al partito comunista, alle forze armate dell'Unione Sovietica e a decine di milioni di cittadini sovietici educati dal partito(7)L'europeismo (osannato dal "Manifesto di Ventotene" di Rossi e Spinelli) nacque dunque – come visto in altre sedi – con lo zampino degli USA e delle forze massonico-sioniste (8) mediante l'azione univoca e il contributo decisivo diformazioni partitiche internazionaliste (figlie di una ideologia di netto stampo marxista) tutte accomunate dal medesimo linguaggio ed animate dagli stessi obiettivi. Il vero problema, in realtà, è proprio questo: capire, alla luce di queste inconfutabili verità storiche, chi prende oggi le decisioni a livello europeo, surrogandosi alla volontà popolare di 530 milioni di cittadini.

(5Vedi qui:

 Ungheria – La Marcia per la Libertà: Testimonianze sull’Inganno Comunista

(6Cfr.: Rapporto Kruscev XX Congress PCUS

(7Cfr.: Rapporto Kruscev XX Congress PCUS

(8Vedi qui: Il Piano Kalergi – Quello che Nessuno ti ha mai detto sull’Europa

 Chi ha in mano il vero potere?                                                                               

Chi ha in mano il vero potere dell'Ue quindi è molto chiaro, com'è chiaro l'inconciliabilità tra l'essere europeisti e l'essere anti-massonici. Con chi stanno, dunque, i cosiddetti dissidenti grillini e leghisti-federalisti? Con le nazioni e le culture nazionali o con la Massoneria e la cultura giudeo-massonica generatrice dell'Unione Europea? Chi e cosa si nasconde dietro quella bandiera blu e a stelle dorate? La questione, a ben vedere, va oltre l'esistenza e l'egemonia di gruppi mondialisti come Bilderberg, commissione Trilaterale, Club di Roma, ecc.. Infatti alle spalle di tali organizzazioni mondialiste vi sono ideologie ed un humus politico e religioso (esoterico) davvero poco indagato. Anche da personaggi come lo stesso Daniel Estulin, che si limita a tracciarne dei profili molto superficiali, glissando inspiegabilemnte sulla "portata religiosa e luciferina" dell'architrave europeista. Alla vigilia delle grandi manovre di Renzi, Hollande, Merkel & soci, per il cosiddetto "rinnovo dell'Unione" (massonica) europea, la risposta a questi interrogativi sopra esposti, potrebbe evincersi (come in parte riscontrato in altre sedi dal sottoscritto (9) ) dall'analisi storica di alcuni dei personaggi più autorevoli delle istituzioni UE e del Parlamento europeo, vicini guardacaso a gruppi d'estrazione socialista, federalista, liberale e radicale, ma anche dall'analisi del funzionamento delle stesse strutture comunitarie. Questioni sulle quali i maedia di regime troppo spesso glissano, tra le pieghe di un silenzio assordante e tra il pacco bufala (democratico) della Brexit: l'ultimo grande pretesto europeista (10per l'accentramento (totalitarista) "democratico" di Bruxelles.

(9Vedi qui: Europeismo, Federalismo e Mondialismo: facce della stessa medaglia

(10Vedi quiOltre Brexit – Tanta euforia per cosa? – Seconda Parte

Europeismo - Elezioni 2014 - ecco perchè io non voto

 Un potere di facciata - Meri certificatori dei decisioni élitarie                 

Come si può pensare (e mi riferisco all'ultimo sproloquio grillino di Di Battista in aula) di amare gli europei e dirsi nel contempo "amanti" dell'Europa tecnostruttura, o di "volerla cambiare", come blaterano ad esempio gli euroscettici alla Salvini, Borghezio, Grillo, ecc… Magari difendendo anche la BCE, pur rinnegando "l'euro", a fasi alterne… come tira il vento (M5S). L'Ue non va cambiata o rafforzata, ma va rottamata, in quanto il potere lo detiengono un pugno di uomini non eletti, a loro volta espressione di poteri oscuri ancor più élitari. L'Eurocamera è puro teatro. Non tutti sanno, tuttavia,  che le principali funzioni del Parlamento Europeo sono di semplice orientamento e proposta. Le funzioni dell'Eurocamera, infatti, sono: il “controllo” sull'operato della Commissione Europea; l'esame delle proposte legislative della Commissione (non da solo ma insieme al Consiglio UE); l'approvazione del bilancio annuale dell'Unione (sempre insieme al Consiglio). In realtà tali “decisioni” e “scelte” non sono delegate solo al Parlamento, ma devono essere prese e condivise con altri “enti”: nessuno dei quali, tuttavia, eletto dai cittadini dell’Unione Europea. Davvero non si può dirsi "europesiti" e amanti della verità e della libertà in una tecno-struttura dove le decisioni che contano sono prese da personaggi non eletti da nessuno. Non scherziamo! Il potere del Parlamento europeo, vale la pena di ricordarlo, è solo quello di avallare decisioni prese da “altri”. Soggetti che non sono stati eletti né scelti in base a criteri meritocratici né in base a criteri selettivi “trasparenti”: essi sono stati semplicemente “incaricati”. Ad esempio, abbiamo detto che molte delle decisioni del Parlamento devono essere “condivise” con il Consiglio. Ebbene il Consiglio UE  è composto da un “rappresentante” a livello ministeriale per ciascuno Stato membro (art. 16 del Trattato sull'Unione europea) scelto in funzione della materia oggetto di trattazione. Questo “rappresentate”, quindi non è stato eletto o scelto dai cittadini, ma “incaricato” da qualcun altro con metodi che non hanno nulla a che vedere con processi elettorali equi o – come si dice – "democratici”. Metodi – aggiungiamo – introdotti per la prima volta nella storia durante l'epoca bolscevica, da Lenin in persona: il primo a sdoganare su larga scala il termine ed il concetto élitario e poco "democratico" di "commissione" (di nominati) dotata di pieni ed arbitrari poteri esecutivi.

 Alle origini del "commissariamento europeista": una struttura leninista  

La Čeka – da Večeka o "Commissione straordinaria di tutte le Russie per combattere la controrivoluzione e il sabotaggio" - fu il primo prototipo di "commissione" dotata di potere esecutivo ed arbitrario, istituita il 20 dicembre 1917 da Lenin e Feliks Edmundovic Dzerzinskij, con lo scopo di combattere i  cosiddetti "nemici" del nuovo regime russo. Essa evolse poi nel KGB. Dalla Čeka si passò al GPU, all'NKVD, per finire all'FSB. La Čeka, nel 1918, cambiò ancora in: "Commissione straordinaria di tutte le Russie per combattere la controrivoluzione, la speculazione e l'abuso di potere". «In nome del nostro domani – si leggeva su un documento ufficiale del gruppo - metteremo al rogo Raffaello, distruggeremo i musei, schiacceremo i fiori dell'Arte». Ovvio che, con una simile «rivoluzione totale» da portare a compimento, il Partito comunista e i suoi «ingegneri delle anime umane» non si sarebbero più fermati fino a quando gli individui sottoposti al suo imperio non si fossero finalmente trasformati in «rotelle» impersonali e sostituibili di un «ingranaggio tecnico». Come può evincersi – tra l'altro – anche da un altra formazione di potere comunista (arbitrario ed élitaria) del tempo: la "Lega dei senza dio Militanti".

 Nuovi metodi, vecchi risultati, uguali obiettivi                                                

Parliamo evidentemente di organizzazioni disumanizzanti e perfettamente allineate, al cosiddetto «demone della distruzione e demiurgo della creazione» che fu Lenin. Oggi, ovviamente, i metodi sono più sottili e meno appariscenti, più subdoli: non si reprime più il nemico delle "rivoluzionarie riforme" con la repressione fisica, ma con la repressione debitocratica esercitata attraverso armi finanziarie e speculative, banche centrali, euro, spread e "moneta-debito". Ma poco importa: i risultati, a ben vedere, sono gli stessi… In Grecia ad esempio, il sistema usurocratico imposto dall'Unione europea sta mietendo altrettante vittime. Le sacche di sangue negli ospedali, ad esempio, sono ad oggi insufficienti per tutti (11). Anche l'attenzione per la desacralizzazione dell'uomo e della società ha indubbie ed evidentissime attinenze. Allora i cristiani venivano uccisi fisicamente  e perseguitati con ogni sorta di tortura… Oggi la "crisi" indotta e "sostenuta" (dall'UE e dai suoi organi) costringe le giovani mamme ad abortire e spinge i giovani alla convivenza quasi forzata, per non parlare dell'iper-immigrazione e del genderismo, innalzate a bandiere di "democrazia". Conclude il quadretto, infatti, l'attacco gender all'uomo ed alla sua identità e l'inesistenza programmata di politiche per la famiglia. L'Italia è uno specchietto esemplare di questa sottile e perversa realtà, in un momento storico che mai come prima ha visto – inoltre – un incremento esponenziale  del numero dei suicidi e degli aborti ed un attacco così robusto e programmato verso il sacramento del matrimonio.

(11Vedi qui: Sangue – In Grecia è Emergenza

Follia Grecia – Questa non è Austerity, sono Sacrifici Umani

Europeismo - Elezioni 2014 - ecco perchè io non voto

 Ceka/Ceca – Un nuovo tipo di terrore…  Curiose analogie                        

Anche allora, come oggi, a dettare le regole (poi ratificate da un gruppetto di fedeli passacarte chiusi nei recinti di presunte assemblee popolari "democratiche") vi fu l'azione di una "Commissione" investita dei più ampi poteri esecutivi. Nella prima metà del Novecento, la propaganda mediatica era di certo più debole ed impreparata rispetto ad oggi (non esisteva internet, la TV satellitare, il cinema di massa). Ma come riuscire, dunque, ad imporre al mondo intero un simile programma di "riforme rivoluzionarie" in così breve tempo? Semplice, i gerarchi comunisti si servirono del cosiddetto «Terrore rosso di massa» (12).  La commissione comunista permise allo stato totalitario di reggersi sull'arbitrio più totale. A tale riguardo va ricordato come un alto funzionario della Ceka,Iosif Unslicht, nelle sue memorie su Lenin (datate 1934), osservava con sconcertante e compiaciuto orgoglio: «Lenin trattava con implacabile brutalità i gretti membri del partito che deprecavano la spietatezza della Ceka (…)». Il partito, dunque, forniva l'Ideologia (un costrutto che nessuno poteva mettere in discussione ed uniformato al motto machiavelliano: «tutto è lecito, lavoriamo per la Storia» (13), la Commissione (Ceka) rappresentava invece una «meravigliosa macchina per distruggere l'essere umano» fornendo il braccio operativo che attuava l'arbitrio assoluto dettato dall'ideologia stessa. Omicidi, torture e clima del sospetto – come nota Paolo Sensini in "Lenin l'Architetto del Terrore" - non furono eccessi dovuti alla guerra civile, ma piani preordinati per creare il nuovo «homo sovieticus». Tema trattato magistralmente ne "Il terrore rosso in Russia: 1918-1923" dello storico russo Sergej Mel'gunov: il libro fu tradotto in diverse lingue in tutta Europa, fuorché in Italia, paese-colonia (anglo-americana e giudeo-bolscevica (14)) nel quale – guardacaso – non ha mai trovato nessun editore disposto a farne conoscere i compromettenti contenuti.

(12Cfr.: Stephane Courtois. Il libro nero del comunismo. Capitolo 4: Il Terrore rosso. Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1998

(13Cfr.: Donald Rayfield – Stalin e i suoi boia. Un'analisi del regime e della psicologia stalinisti, Garzanti 2005

(14Vedi quiItal-Israel – Palazzo Montecitorio: la Knesset italiana?

 28 Commissari – 500 milioni di cittadini commissariati                              

Ma – a proposito di curiosi e calzanti parallelismi storici – analizziamo un altro degli aspetti (legato alla sfera del potere decisionale a livello comunitario) della Commissione Europea che si rifà a ben vedere sempre ai metodi decisionali della stessa commissione comunista detta Ceka. Sarà un caso – ci chiediamo – che il primo embrione dell'UE si chiamo CECA? L'organo esecutivo che ha sede a Bruxelles, infatti, è colui che emana le leggi ed i decreti, gestisce il bilancio, soprassiede all’applicazione delle norme comunitarie nei vari settori, riprende gli Stati membri che non si adeguano ai regolamentisanziona gli Stati inadempienti (spesso e volentieri in ragione a meccanismi ingannevoli e assurdi (15) ) rappresenta l’Unione nella politica estera ed invia le direttive ai governi. Ebbene, la Commissione, come noto, è composta da 28 commissari, scelti tra “personalità di spicco” degli Stati membri (cui si aggiungono il Presidente e l'Alto Rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri e la politica di Sicurezza, PESC, in veste di vicepresidente). I commissari non sono legati da alcun titolo di rappresentanza con lo Stato da cui provengono, anzi: in quanto membri della Commissione devono agire nell'interesse generale dell'Unione e non nell’interesse dei singoli Paesi (16). È per questo che la Commissione viene definita come "organo di individui" (a differenza del Consiglio che è definito come "organo di Stati"). Anche il diritto di cedere agli elettori il potere dei eleggere il Presidente della Commissione, sancito dal TUE,  pare sia stato messo in discussione in più occasioni: del resto, alzi la mano chi ha visto in Italia un solo spot con la candidatura a presidente della Commissione Europea.

(15Vedi qui 

Patto di Stabilità – Come l’Europa dal 97 chiede il suicidio dell’economia italiana

(16Vedi art. 17 del Trattato sull'Unione Europea, TUE

BCE - Misure Mario Draghi - Debito

 Il Commissariamento del potere monetario – la BCE                                

Altro organo dotato di forti poteri decisionali (dato anche il potere economico che detiene) è la Banca Centrale Europea. L'organizzazione della BCE, creata sulla falsariga della FED Usa e della Bundesbank tedesca, la quale prevede che organi direttivi siano (art. 109 del Trattato) il Comitato esecutivo (presieduto dal Presidente o Governatore e da quattro membri nominati dal Consiglio europeo: quindi nessuno eletto dai cittadini) e il Consiglio direttivo, che è costituito dai membri del Comitato esecutivo e dai rappresentanti delle altre banche appartenenti all'eurosistema (con l'esclusione dei rappresentanti delle Banche centrali dei Paesi non aderenti all'euro). Ancora una volta, come vedete, nessuno che sia stato eletto legittimamente! Per tacere sui privati proprietari che di fatto gestiscono la proprietà della BCE. La Banca Centrale Europea, infatti, (come pochi sanno)  e come si può vedere dal suo sito ufficiale (17) non è di proprietà dei popoli europei o degli stati, ma è di proprietà delle banche centrali degli stati, cioè di banche private (spacciate per pubbliche) territorialmente presenti in ciascuno dei paesi Ue aderenti all’Eurosistema (vedi SEBC). E poi il terzo azionista è curiosamente il Regno Unito, per essendo l'UK fuori dall'Eurozona e ora addirittura fuori dall'UE.

(17Vedi qui  ECB: European Central Bank home page

 Dietro la BCE                                                                                                                  

Come molti ignorano, ipnotizzati dalla propaganda "europeista" di regime, le suddette banche centrali, non hanno affatto l’obbligo di essere inquadrate come pubbliche. L'esempio emblematico e più diretto è quello di Bankitalia: istituto cui partecipanti al capitale sono per il 96% banche private in virtù da quanto deciso col celeberrimo Decreto Carli-Amato dell'11 Luglio 1992 (18). Ovviamente essendo la banca centrale una S.P.A., le quote appartengono agli azionisti – specie a quelli di maggioranza – e di conseguenza ai proprietari di tali banche. Rothschild in testa. Possiamo facilmente prendere coscienza del fenomeno analizzando il seguente diagramma strutturale. Queste banche private, ovviamente, non hanno mai avuto a cuore – né allora, né tantomeno oggi - il bene comune e lo sviluppo delle società, ma – ovviamente – la massimizzazione dei loro profitti el'annientamento degli uominicostretti a regime di schiavitù reale mediante l'espropriazione dell'universalità dei loro beni riconducibile al diabolico meccanismo della moneta-debito. Maccanismo del quale abbiamo gìà ampliamente parlato in molteplici contesti (19). 

(18Vedi qui Britannia & Co – Quel che Renzi avrebbe dovuto ricordare alla Merkel

(19) Vedi quiNell’era della moneta-debito, tutto il male viene raccolto dentro un simbolo

Ogni strumento è progettato per raggiungere uno scopo… Anche l’Ue

BCE - Misure Mario Draghi - Debito

 Proprietari della Banca d'Italia dopo il Decreto Carli-Amato del 1992   

Gruppo Intesa (27,2% + 17,23% San Paolo)    Banca Carige (3,96%) 

Gruppo Capitalia (11,15%)                               BNL (2,83%) 

Gruppo Unicredito (10,97%)                           MPS(2,50%) 

Assicurazioni Generali (6,33%)                     Gruppo La Fondiaria (2%) 

Altri privati (5,65%)                                           Gruppo Premafin (2%) 

INPS (5%)                                                                Cassa di Risp. di Firenze (1,85%)

Banca Carige (3,96%)                                          RAS (1,33%)

 I Proprietari della Banca Centrale Europea                                                        

Banca Nazionale della Germania (23,40%)    Banca Centrale di Svezia (2,66%)

Banca della Francia (16,52%)                            Banca nazionale d'Austria (2,30%)                

Banca d’Inghilterra (15,98%)                            Banca del Portogallo (2,01%)            

Banca d'Italia (14,57%)                                       Banca Naz. della Danimarca (1,72%)   

Banca della Spagna (8,78%)                               Banca di Finlandia (1,43%)

Banca della Grecia (2,16%)                                 Banca Centrale d’Irlanda (1,03%)

Banca d’Olanda (4,43%)                                      Banca del Lussemburgo (0,17%)

Banca Nazionale del Belgio (2,83%)   

N.B.:

La Banca  d’Inghilterra (nazione imperiale posta alla base del Commonwealth)

è proprietaria – azionista – della BCE, pur non essendo parte dell'Eurozona.

Non lo trovate alquanto strano e rivelatorio?                           

 I Proprietari della Federal Reserve USA                                                   

Rothschild Bank di Londra            Kuhn Loeb Bank di New York

Warburg Bank di Amburgo             Israel Moses Seif Banks d’Italia

Rothschild Bank di Berlino            Goldman, Sachs di New York

Lehman Brothers di New York      Warburg Bank di Amsterdam

Lazard Brothers di Parigi               Chase Manhattan Bank di New York

BCE - Misure Mario Draghi - Debito

 Schiavizzazione delle masse mediante la Moneta-Debito                         

Viene così a palesarsi, dietro il paravento della "democrazia" europeista, palesando l'inganno più occultato della storia: l'esistenza di un debito che non si potrà mai estinguere (20). Attraverso questo meccanismo, tali gruppi di potere possono decidere le sorti di intere nazioni: farle fallire oppure salvarle, forzarle ad adottare una forte politica di privatizzazione in modo da far divenire ciò che prima era di tutti, acquistabile da chi ha più denaro perchè può crearlo dal nulla…. (21) Non a caso i comunisti sotto Stalin furono i primi a privatizzare (da cosiddetti "paladini del proletariato") la Banca Centrale Russa, facendo gli interessi dei veri padri della rivoluzione: i massoni e banchieri statunitensi ed ebraico-sionisti (22). Tale logica scriteriata e diabolica - ricordiamo che Stalin e Lenin oltre ad essere esoteristi, erano anche massoni appassionati di esoterismo e satanismo (23) - fu causa di numerosi suicidi di piazza e della morte per fame e freddo di milioni di persone. Le analogie con l'attuale deriva europeista sono davvero impressionanti. Ma oggi come allora (nella prima metà del Novecento), il mostro unico massonico-bancario (o liberal-capitalista e social-comunista, che dir si voglia) non esitò ad avviare una campagna di espropriazioni, privatizzazioni ed accorpamenti di immense proprietà – nelle mani di pochi eletti – di proporzioni uniche nella storia, incentrate su opere di "collettivizzazione forzata" e su genocidi programmati (Vedi giù, video in allegato).

(20Vedi qui: Inganno monetario – La Consapevolezza del bene e le chiavi del Regno

(21Vedi qui

Ma la nostra analisi non finisce qui! La storia ed i parallelismi continuano con la Corte di Giustizia, che è composta – come pochi sanno - da un giudice per ogni Stato membro, assistito da otto avvocati generali. Naturalmente sia i giudici che gli avvocati generali sono nominati di comune accordo dai governi degli Stati membri (e non dai Parlamenti, cioè da chi è stato eletto). Ancora una volta si tratta di soggetti scelti da persone non elette democraticamente e vicine all'élite massonico-europeistaE così, via discorrendo  per le varie “agenzie” (sono diverse decine) sparse in giro per l’Europa e delegate alla gestione o all’analisi di problemi specifici, dall’immigrazione clandestina alla ricerca, dalla formazione ai problemi del traffico marittimo: nessuna di queste, sebbene gestite grazie ai soldi dei contribuenti europei, è diretta da persone elette dai cittadini europei. Si tratta – ovviamente – di personaggi eletti (illuminati dalla fulgida luce dell'europeismo) e fedelissimi alla causa mondialista (24).

(24Vedi qui Europeismo, Federalismo e Mondialismo: facce della stessa medaglia 

 MES                                                                                                                     

Per non parlare dei fondi autonomi e degli enti ultimi nati, come il Redemption Found e i suoi oscuri ed ambigui reggenti o il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), detto anche Fondo salva-Stati permanente, istituito nel 2011, in seguito alle modifiche al Trattato di Lisbona (art. 136) e nato come fondo finanziario europeo per la presunta (ed illusoria) "stabilità finanziaria" della zona Euro (e quindi non legato a tutti i Paesi UE). Esso, tuttavia, ha assunto ben presto il ruolo di organizzazione intergovernativa: infatti la sua struttura è organizzata con un “consiglio di governatori” formato da “rappresentanti” degli Stati membri ed un consiglio di amministrazione. Tutte persone mai elette da nessun cittadino europeo e non assoggettabili a processi o perquisizioni, poste a garanzia della gabbia usurocratica europeista (25). Eppure a questo ente è stato attribuito il potere di imporre ai singoli Stati alcune scelte sulla politica macroeconomica interna. Quindi un potere enorme ben al di là dei confini nazionali, sebbene lasciato nelle mani di persone selezionate non si sa sulla base di quali criteri (e di certo non elette). E si potrebbe continuare a lungo. La verità è che, passo dopo passo, goccia dopo goccia, tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi decenni (anche quelli nominati da Parlamenti illegittimi, eletti con un sistema elettorale incostituzionale) hanno permesso che si creasse un sistema di gestione della “cosa pubblica” italiana, che, non solo non è più italiano (dato che è stato ceduto e continua a esserlo, giorno dopo giorno, senza che nessuno dica una sola parola), ma (cosa ancora peggiore) non è diretto da soggetti eletti dai cittadini europei.

(25Vedi qui: L’euforia di Regling, il MES avrebbe Raggiunto il suo Obiettivo

Europeismo - Elezioni 2014 - ecco perchè io non voto

 Ua strategia antica di 300 anni e più…                                                          

Oggi, tutte le decisioni che riguardano gli oltre 500 milioni di europei, vengono prese da gruppi di potere a trazione massonico-bancaria (questo è il loro vero nome) durante riunioni a porte chiuse. Ma  a ben vedere questo andazzo è la naturale conseguenza di un sistema nato all'indomani dei grandi sconvolgimenti epocali che interessarono l'Inghilterra e la Francia durante l'Ottocento e la fine del Settecento. Sconvolgimenti che furono posti quali pilastri alla nascita dello stato liberale e che furono suggellati con la celeberrima tripartizione del potere dettata dal Barone di Montesquieu, che nel suo schema, liquidò provvidenzialmente il potere monetario, che da allora in poi – col benestare dei governi liberal-massonici che sostituirono le monarchie cattoliche cadute sotto il peso dei debiti bancari – fu una prerogativa ad esclusiva spettanza dell'élite illuminata (liberal-capitalistica e social-comunistaprovvidenzialmente distinta dall'intellighenzia occulta in partiti ed ideologie apparentemente opposti e conflittuali. Questo se ci pensate è stato il grande limite di un filosofo ed economista come Karl Marx. Non aver compreso – o meglio aver nascosto ed a tratti alimentato – tale incredibile inganno, da sempre presente nel Dna dell'élite mondialista.

 Ecco perchè la democrazia e l'europeismo sono balle!!!                             

Alla luce di ciò, si comprendono due cose: 1) la democrazia dal 1789 in poi è stata solo una favola enfatizzata a dovere per catturare ed imprigionare attraverso il "diritto-non-diritto" quanti più polli possibili; 2) l'europeismo, ultima creatura nata da questa matrigna secolare chiamata "democrazia" (liberale, liberal-capitalista o social-comunista che dir si voglia) è un grande inganno retto per l'annientamento programmato dei popoli e delle nazioni. Per chi avesse ulteriori dubbi, dopo aver letto questo articolo, e si sente di dichiararsi ancora europeista o magari "federalista" (sinonimo), consigliamo di indagare la storia delle vere origini dell'UE mediante la conoscenza dello sconcertante "Piano Kalergi" (26)

(25Vedi il video quiImmigrazione: Genocidio del Popolo Europeo IL PIANO KALERGI

 L'europeismo e lo squarcio del velo                                                                 

Allora comprendiamo il vero motivo per il quale il bilancio dello Stato italiano, la spesa sociale, gli aiuti alle imprese, ma anche le medicine da prendere o la scelta dei prodotti da mangiare o meno, le opere pubbliche da realizzare, tutto viene deciso da “soggetti”non-eletti. Comprendiamo perchè i fondi comunitari siano stati trasformati in strumenti elitari e atti ad alimentare un vergognoso clientelismo politico-elettorale e capiamo anche perchè anziché ascoltare le istanze di giustizia e libertà levate dai popoli europei, l'élite di Bruxelles abbia pensato (sotto l'ala protettrice di Usa e Nato) di creare i super-poliziotti europei, con poteri praticamente illimitati, chiamati eurogendfor. Dopo tutto questo possiamo dirci ancora sani di mente e difensori dell'europeismo? Possiamo auspicare la nascita del super-stato europeo? 

Sergio Basile – Presidente "Sete di Giustizia" (Copyright © 2016 Qui Europa)

Partecipa al dibattito - Redazione Quieuropa - infounicz.europa@gmail.com

Partecipa al dibattito – infounicz.europa@gmail.com

____________________________________________________________________________________________________
 
 Articoli in Allegato                                                                                                                         

 

Oltre Brexit – Tanta euforia per cosa? – Seconda Parte

Oltre Brexit – Tanta euforia per cosa? – Seconda Parte

Venerdì,  24 Giugno/ 2016  - di Sergio Basile - Bruxelles. Sergio Basile, Camera dei Comuni, Brexit, UE, Europa, Bbc, BCE, City, Partito Conservatore inglese, Gran Bretagna, Unione Europea, David Cameron, Impero Commonwealth, moneta debito   Oltre Brexit – Tanta euforia per cosa? – Seconda Parte Tanta illogica euforia per Brexit: l'UK esce dalla gabbia che essa stessa a contribuito a creare e di cui [...]

Ital-Israel – Palazzo Montecitorio: la Knesset italiana?

Ital-Israel – Palazzo Montecitorio: la Knesset italiana?

Lunedì, 27 Giugno, 2016 – Commento tratto da internet, su segnalazione di G. Federici –  Redazione Quieuropa,  Menorah, Israele, Massoneria, Kabbalah, “La menorah d’oro” a Gianfranco Fini, presidente della Camera dei deputati, B’nai B’rith, laicità dello Stato, sionista, seconda Repubblica, ottobre 1998), Massimo D’Alema, piazza Montecitorio, Roma, Trowbridge Ford  Simbolismo, Democrazia, Massoneria e Politica / Libero Confronto Ital-Israel - Palazzo Montecitorio: la Knesset italiana? Vi siete mai chiesti [...]

La grande eresia – Commonwealth, moneta e giudaizzazione delle nazioni – 1

La grande eresia – Commonwealth, moneta e giudaizzazione delle nazioni – 1

Sabato, 4 Giugno/ 2016    –  di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Sete di Giustizia, Giacinto Auriti, Repubblica dell'usura, Valori cristiani, ebraicizzazione della società, protestantesimo, Banca d'Inghilterra, Diego Fusaro, causa ebraica, Cardinal Ratzinger, eresia giudeo-protestante, Test Act, L'Etica Protestante e lo Spirito Capitalismo, Max Weber, Protestantesimo  La grande eresia -  Commonwealth, moneta e giudaizzazione delle nazioni – I Parte Londra & dintorni – L'intreccio [...]

Italia, il Bel Paese dove lo Yes suona

Italia, il Bel Paese dove lo Yes suona

Lunedì, 6 Giugno/ 2016 - di Roberto Pecchioli  -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Roma, neologismi anglofoni, week end, Champions League, streaming, Pay-tv,  job act, rating, fiscal compact, election day, smartphone, short message system, card, ticket, stepchild adoption, gender, e-learning. computer, email, media, news ,  fiction, spot, esterofilia nazionale, ignoranza modaiola travestita da modernità, colonialismo anglofono  Costume / Colonialismo anglofono e smontaggio della lingua italiana Italia, il Bel Paese dove lo Yes suona Lo spirito dei colonizzati, [...]

Rubrica – Sete di Giustizia e Sovranità – Auriti, il Commonwealth e la Moneta Debito

Rubrica – Sete di Giustizia e Sovranità – Auriti, il Commonwealth e la Moneta Debito

Venerdì, Luglio 19th/ 2013 – di  Gerardo Campagna - Rubrica, Sete di Giustizia e Sovranità - Giacinto Auriti, Sete di Giustizia, Sovranità monetaria, Le Tre tentazioni di Satana, Deserto, Gesù Cristo, Satana, Moneta Debito, Commonwealth, Imperialismo, Dominio Globale, Svizzera vige la regola di essere ad un tempo “banchieri” e “protestanti”, Svizzera, Eucarestia, Sostituzione della religione col potere politico, [...]

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 1

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 1

Martedì,  Aprile 14th/ 2015 – di Sergio Basile - Redazione Quieuropa,  Nuovo Ordine Mondiale, British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo,  Giudeo-Massoneria, minando la cultura cristiana, unità "spirituale" delle chiese a livello mondiale, ecumenica, Fratellanza Mondiale, messaggio eucaristico e salvifico del Cristo, regno di Dio sulla terra, Richard Brothers, John Wilson, Lady Diana, Royal Family, Principe di Galles,  Rabbi Jacob Snowman, comunità giudeo-britannica, re britannici, Stato di Israele. La madre della [...]

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 2

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 2

Giovedì,  Aprile 30th/ 2015 – di Sergio Basile - Redazione Quieuropa,  Nuovo Ordine Mondiale, British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo,  Giudeo-Massoneria, minando la cultura cristiana, unità "spirituale" delle chiese a livello mondiale, ecumenica, Fratellanza Mondiale, messaggio eucaristico e salvifico del Cristo, regno di Dio sulla terra, visione razzista ed élitaria del popolo di Dio, William Smith, Epiphanius, la Provvidenza ha scelto come guida il popolo nordico, falsa e strumentale filantropia, falce [...]

TTIP e TISA: annullamento totale della volontà popolare e legalizzazione del crimine – 2

TTIP e TISA: annullamento totale della volontà popolare e legalizzazione del crimine – 2

Venerdì, 8 Aprile/ 2016    – di Roberto Pecchioli - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, TTIP e TISA, trattati Usa-Ue, politica e sovranità, Macchinazioni globali, sinedrio comunitario, assoluta segretezza, epurazione di mercato, abbandono massivo delle campagne,  Annullamento totale della volontà popolare; Un mondo di "crimini legali" e delinquenti legittimati e protetti, Meccanismo di Protezione degli Investimenti, ISDS, le controversie non verranno giudicate da tribunali ordinari, Organismi Geneticamente  Modificati, Popoli in balia delle multinazionali ed epurazioni [...]

TTIP e TISA: i trattati Usa-Ue che uccidono la politica e la sovranità – 1

TTIP e TISA: i trattati Usa-Ue che uccidono la politica e la sovranità – 1

Giovedì, 7 Aprile/ 2016    – di Roberto Pecchioli - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, TTIP e TISA, trattati Usa-Ue, politica e sovranità, Macchinazioni globali, sinedrio comunitario, assoluta segretezza, epurazione di mercato, abbandono massivo delle campagne,  salute sotto scacco, produzione e prezzi nel caos, schiavitù di massa plirusettoriale, trattato transatlantico di partenariato sul commercio e gli investimenti, Unione Europea,  liberalcapitalismo, social-comunismo  TTIP e TISA: i trattati Usa-Ue che uccidono la politica e la sovranità [...]

 
 
DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa