Non solo matrimoni gay. La deriva nichilista dei “diritti umani”

Giovedì, 19 Gennaio/ 2017  

di Roberto Pecchioli

 Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, matrimoni gay, diritti, religione dei diritti umani 

Non solo matrimoni gay. La deriva nichilista

dei "diritti umani"

Gli aberranti limiti degli adoratori della "religione dei

diritti umani"… in viaggio verso il nulla

 

di Roberto Pecchioli

deriva nichilista dei diritti umani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Oltre Sodoma                                                             

Roma - di Roberto Pecchioli – Barack Obama, il beniamino di tutti i progressismi del pianeta, ha affermato di essere orgoglioso di avere allargato i “diritti” delle cosiddette comunità LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali – 1). In occasione della promulgazione della legge sul matrimonio per tutti – così lo chiamano, con una pericolosa torsione semantica – affermò che aveva “vinto l’amore”. In Italia, Matteo Renzi si è detto orgoglioso che il suo governo abbia realizzato le unioni civili, ossia il matrimonio omosessuale sotto mentite spoglie, dotato di una sorta di nome d’arte per chiamare “formazioni sociali” i soggetti uniti civilmente e bypassare l’art. 29 della costituzione con la sua antiquata definizione di famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. La signorina Maria Etruria Boschi e la senatrice Cirinnà, madre surrogata della legge, parlano di “avanzamento di civiltà”. Strano davvero che durante millenni di culture umane la più diverse non ci avesse pensato nessuno, nemmeno Semiramide, e neppure a Sodoma, dove Dio distrusse la città “omofila” (oh, i bei neologismi della neomorale aperta e postmoderna!). La verità è, ovviamente, diversa e ben più prosaica:

                                   la civiltà in cui viviamo,

       una delle tante che l’umanità ha costruito nella storia,

   si fonda sulla sacralizzazione della (grande) proprietà privata

      (nelle mani di élite statali o grandi multinazionali – Ndr)

           e sull’assolutizzazione dell’individuo definito libero.

La società di oggi si fonda sulla forma-merce, sul monoteismo del mercato e sull’individualismo. Si è quindi data una sua nuova religione, frutto della secolarizzazione e della manipolazione delle religioni trascendenti:

                    si tratta della religione dei Diritti Umani

                       e della Democrazia Rappresentativa.

In assenza e proibizione di principi condivisi, regnano il soggettivismo erto a unica verità indiscutibile ed il più ampio relativismo morale, che vira rapidamente in nichilismo. Una somma aritmetica di individui non è una comunità, che per natura possiede un’etica condivisa e prescrive comportamenti sulla base di un’idea di bene e di male, ma a rigore non è neppure una società, che ha bisogno comunque di regole minime introiettate, almeno una deontologia, e di un sistema di norme codificate che definiscano il perimetro dei patti tra i soggetti partecipanti, atomi desideranti interessati esclusivamente all’utile individuale. E’ la società liberale (ma anche quella socialista – Ndr), disinteressata a qualunque criterio veritativo diverso dalla Proprietà, dal Mercato e dal Consumo.

(1) vedi qui Usa: nozze gay imposte in tutti gli stati

 Del dio della religione dei diritti umani…         

Le leggi sulla famiglia ed il matrimonio non possono fare eccezione alla religione dei Diritti Umani:

                        in fondo,  altro non si tratta che registrare,

    a fini di burocratica distribuzione di talune prestazioni pubbliche

                                          dette “diritti sociali”,

delle volontà soggettive presupposte libere (i diritti umani divinizzati)

                               di natura contrattuale, pattizia.

Sotto questo profilo, appare davvero intollerabile ad un cervello progressista che l’istituto matrimoniale sia limitato a questioni secondarie o del tutto irrilevanti in termini astratti, come il diverso sesso dei contrenti, ma anche eventuali legami di parentela (incesto) e, in prospettiva assai vicina, anche il numero dei contraenti (2). Desta addirittura orrore interpretare il matrimonio alla luce dell’apertura a nuove vite (nel passato si chiamavano figli) ed alla regolazione della paternità e della maternità –  genitorialità in neolingua. Quel che conta, l’unico elemento accettato, di cui la legge liberale (positivismo giuridico) prende atto senza commenti o valutazioni è “l’amore”, ovvero l’esistenza (per la persistenza, l’amore è eterno finché dura), ad insindacabile giudizio delle parti, anche di una sola di esse, del più indicibile, instabile, non descrivibile né razionalizzabile dei sentimenti umani, derubricato a contratto con clausole e diritti di recesso. Hanno quindi ottime ragioni i sostenitori del matrimonio omosessuale ad esultare perché “vince l’amore”, o la sua versione volgarizzata nello spirito del tempo, ma

       non vi è nulla di più lontano dal matrimonio e dalla famiglia

       della semplice e provvisoria protezione giuridica dell’amore

                      basato sull’intesa e la pratica sessuale.

Pure, omnia vincit amor, et nos cedamus amori, canta Virgilio nelle Bucoliche, ma il mantovano era un poeta, non un giurista. Il punto che spesso sfugge anche ai settori critici dei nuovi pseudo diritti della modernità terminale è che il matrimonio non fu istituito per rendere omaggio all’amore, né ad esso si riferisce la constatazione cosmogonica del Genesi “maschio e femmina li creò”, nella cornice colpevolmente limitata ai due sessi ( oops, generi canonici conosciuti in quei tempi primitivi).

(2) vedi qui Sodoma-Olanda e Contraddizioni – Matrimonio a tre e…

 L'atavico scopo del matrimonio                            

L’uomo, una volta uscito dalla primitività, ha dato un senso alla propria presenza nel mondo e si è costituito come creatura nel modo che Ugo Foscolo, un ateo, sintetizzò nei “Sepolcri” con i grandiosi versi  “Dal dì che nozze e tribunali ed are/ diero alle umane belve esser pietose/di se stesse e d’ altrui, toglieano i vivi/all’ etere maligno ed alle fere/i miserandi avanzi che Natura/con veci eterne a sensi altri destina.

                            Il matrimonio nacque per stabilizzare la società

                                             attraverso la monogamia,

                                regolarizzare e legittimare la filiazione,

                  istituendo doveri precisi a carico dei padri e dei mariti,

 inserire la sessualità e l’istinto alla procreazione nel circolo della comunità

                                             e della sua riproduzione.

Contestualmente, gli uomini presero a onorare i propri morti, tanto che di molte civiltà ci restano soprattutto le necropoli e le vestigia del culto dei defunti. L’uomo si rese conto di possedere un logos, una ragione del tutto speciali ed imparagonabili alle altre creature e volse lo sguardo in alto, verso la trascendenza e l’infinito. Il suo logos gli impose di porre regole collettive di comportamento, munite di efficacia etica non meno che di strumenti pratici di applicazione e sanzione.

deriva nichilista dei diritti umani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 In viaggio verso il nulla                                            

                                       La civilizzazione postmoderna

            è ampiamente fuoruscita dal quadro che abbiamo tracciato,

                                   e viaggia imperterrita verso il nulla.

Indifferente alla trascendenza ed all’attribuzione di un senso qualsiasi alla vita dell’essere umano, ha pressoché abolito non solo il culto, ma il rispetto minimo per la morte. Se al tempo di Foscolo, alba della modernità borghese e mercantile post 1789, l’editto giacobino di Saint Cloud imponeva la sepoltura lontano dai centri abitati, il senso comune contemporaneo espelle il cimitero dal panorama urbano e suburbano. Meglio bruciare i corpi, disperderli nell’aria o in mare o, per i più sentimentali, tenere presso di sé le ceneri dei propri cari (3). La morte non è più il grande mistero, ma una sbrigativa pratica da affidare ad “esperti” o operatori specializzati. Eutanasia, testamento biologico, le insopportabili campagne per espropriarci persino dei nostri resti, dei quali, come per il maiale, “non si butta via niente”, per cui dobbiamo “donare” – ma in una società di mercato nulla è dono ! – gli organi in buona condizione. Forse occorrerebbe un habeas corpus non solo a tutela della libertà personale dei vivi dagli abusi legali, ma a difesa estrema della dignità delle salme. Desacralizzata la morte è desacralizzata la vita; non a caso l’aborto è banalizzato come intervento di routine che espelle come un rottame, un escrescenza ed un fastidio la vita che si sviluppa nel ventre materno. Di più: settori importanti del femminismo bollano come “ingiustizia” della natura il fatto che la gravidanza si svolga nel modo che la Natura o Dio hanno previsto. Un politico omosessuale di sinistra come Nichi Vendola, per soddisfare il suo capriccio di paternità ha pagato una donna povera, nuova schiava, per essere fecondata artificialmente e poi cedere il frutto dell’inseminazione. All’uomo moderno, tutto questo sembra normale, anzi si ingegna a trarre profitto personale dalle nuove opportunità della tecnica.

(3) vedi qui Vaticano – Apertura alla pratica ( pagana ) della cremazione e qui La Massoneria vuole cremarci tutti e qui Europa, un cimitero che ha rimosso la morte

 Unioni poligamiche negli Usa                                        

Come poteva uscire indenne il matrimonio da una follia tanto potente? La vulgata odierna pensa, anzi prescrive che quel che conta è solo la volontà immediata e momentanea, postulata libera, di una o più persone. Due, tre, quattro, poco conta, tanto è vero che negli Stati Uniti, autonominatisi patria della libertà, si cominciano a regolarizzare unioni poligamiche: semplice diritto civile privato. Una grande conquista di civiltà, le nozze monogamiche come evento pubblico dinanzi alla comunità che accoglie la nuova famiglia, viene quindi rovesciata nel suo contrario, ristretta nel recinto privato, ma sempre in nome della libertà e, naturalmente, dell’amore! Anche per il cognome – il nome di  famiglia – tutto deve cambiare: basta con l’antiquata, ingiusta ed non egalitaria patrilinearità, ognuno si chiamerà come preferisce, due fratelli potranno portare due diversi cognomi (4). Nel tempo e nel nome dei Trottolini amorosi, sembra vicina l’ultima spallata, quella che farà superare, con un ultimo salto mortale all’indietro, anche l’antichissimo tabù dell’incesto, quello che Claude Lévi Strauss individuò come elemento comune di tutte le comunità civili  umane. Ma questo è il punto: comunità che si fa civiltà. 

                    Quella che viviamo è la fase febbrile e convulsiva

                                         di una civiltà estenuata,

          una sorta di epilessia collettiva che abbiamo chiamato libertà. 

Non ci importa di avere figli e non vogliamo padri, due fastidi uguali e contrari, responsabilità e limitazione di diritti e libertà, non riconosciamo più il dato naturale che qualunque società, per sopravvivere, deve riprodursi e “trasmettersi” attraverso la filiazione e l’educazione dei nuovi membri della comunità, non sopportiamo né il dolore né la malattia, molto meglio una igienica morte assistita, già sperimentata nei disinfettati obitori a cielo aperto degli Stati dell’Europa settentrionale ex protestante. Non c’è motivo alcuno per credere che il matrimonio, parola che presto sarà sostituita da qualcosa come libera unione, unione civile o simili, debba essere limitato ad un uomo ed una donna interessati ad un progetto di vita comune, tendenzialmente valido per la vita intera, aperto alla nascita ed all’educazione dei figli secondo le regole della natura ed i principi di una specifica comunità umana. Se la nostra religione è quella dei “diritti”, nessuno deve essere escluso da nulla.

(4) vedi qui Giù le mani dal Cognome familiare: no alla relativizzazione dello status di appartenenza!

  Verso l'abolizione dell'obbligo di fedeltà                     

Il criterio, peraltro falso ed ingannevole, è l’amore. Nessuna giurisdizione aveva mai preso in considerazione come oggetto di “ius” l’amore: era uno di quegli ambiti in cui il diritto scritto si dichiarava incompetente, e, in qualche misura, si ritraeva  in un discreto non luogo a procedere. Di fatto, le cose non sono cambiate, è l’inganno ad essere diventato padrone del campo. Non a caso, anche in Italia le unioni civili vengono utilizzate anche da “formazioni sociali” (innalziamo pure noi un altare al politicamente corretto !) il cui unico interesse è quello, pratico, di ottenere assegni familiari, provvidenze sociali originariamente destinate alla famiglia di cui all’art. 29 della Costituzione-più-bella-del-mondo, pensioni di reversibilità, esenzioni da ticket, nessun obbligo di testimonianza “contro” in tribunale, e tutto l’armamentario di quel che resta dello Stato sociale aggredito dal rampante liberismo. Che l’argomento-amore sia un inganno ad uso dei gonzi e delle sciampiste è dimostrato dal fatto che è in corso anche da noi l’iter legislativo che porterà all’abolizione dell’obbligo di fedeltà nei matrimoni e nelle unioni civili. Dunque, di che parliamo, da Obama  all’ultimo militante LGBT, passando per le laiche suorine democratiche, liberali e progressiste e per i buoni benpensanti  “moderati” che votano a destra per difendere i loro miserabili portafogli e rafforzare le questure? Senza l’obbligo giuridico di fedeltà, che resta di un’unione? Solo i “diritti”, solo e sempre loro. Del resto, è assai difficile definire in che consista la fedeltà: è un fatto esclusivamente fisico, che comporta l’astenersi da rapporti sessuali con persone diverse da quelle con cui si è stipulato un contratto, ovvero si estende al campo dei desideri, nel qual caso rientrerebbe dalla finestra la religione cacciata dalla porta ( “Ho molto peccato in pensieri, parole, opere ed omissioni “ ), oppure è qualcosa di diverso ed ulteriore ? La religione dei diritti non può riconoscere alcuna fedeltà, tutt’al più può stabilire obblighi e divieti di natura consensuale, ergo individuale.

 Una "pseudo-religione" elastica, totalitaria, intollerante 

Torniamo al punto di partenza: la religione dei diritti individuali non solo è elastica ed estensibile all’infinito, ma è tendenzialmente totalitaria e assolutamente intollerante. Qualunque cosa vi si opponga lede un diritto, o una pretesa, o un capriccio rivendicato da qualcuno con il codice alla mano. Per questo, a poco vale, dovere morale a parte, opporsi al matrimonio omosessuale, all’aborto generalizzato, alla deriva eugenetica e zootecnica della procreazione assistita ed a carico della mutua, esattamente come ha poco senso lottare esclusivamente per riconquistare la sovranità popolare e nazionale, per l’identità ed i diritti sociali. Il mondo in cui siamo precipitati pretende di presentarsi come qualcosa di dato ed immutabile, scientificamente provato una volta per tutte. L’economia politica travestita da formula matematica in cui hanno ristretto il mondo è, al contrario, un’ideologia come tante, purtroppo oggi fortissima ed apparentemente invincibile. Ma non c’è nulla di oggettivo o di neutrale: ha vari pilastri che devono essere aggrediti, il sensismo, lo scetticismo generalizzato e, su tutto, l’utilitarismo fondato sul primato della tecnica.

  Come diceva Dante…                                                   

Per questo, non è sufficiente combattere battaglie settoriali, per quanto meritorie e sacrosante, come quella per la vita e la famiglia naturale. Questa non è una lotta, purtroppo, in cui basti separare il bambino dall’acqua sporca. L’acqua sporca ed avvelenata sono gli esiti dell’individualismo liberale progressista, ma il bambino, che disgraziatamente è un gigante, è la dittatura dell’ideologia del mercato e dei diritti umani, vestita da democrazia falsamente rappresentativa ogni giorno meno disposta ad accettare le idee non conformi.  Tutto è “privato”, tutto è contratto, nulla è comunità, nulla è principio condiviso, non siamo che frammenti, individui trasformati in monadi. E non è certo, come immaginava Leibniz, il migliore dei mondi possibili. Solo restituendo l’uomo a se stesso, vita, famiglia, comunità, identità, rispetto del creato e apertura alla trascendenza si può sconfiggere questo disgustoso ermafrodito, Dio di se stesso generato dall’Illuminismo e portato a compimento dai materialismi che hanno dominato e preso in ostaggio l’Occidente, terra del Tramonto. L’idra ha infinite spire, ciascuno cerchi di recidere quella che sente più minacciosa per il suo animo, a partire dalla dilagante immoralità delle legislazioni relative alla famiglia, ma non sconfiggeremo mai il mostro se non arriveremo alla testa, che è e resta la cupola di chi ha privatizzato il pianeta a fini di dominio. Hanno nomi e cognomi, luoghi di elezione,  centri di direzione strategica e operativa, intellettuali a contratto, un clero regolare ed uno secolare, come ogni religione rivelata, un potere enorme, ma di loro cominciamo ad averne abbastanza . Come sapeva Dante,

                                 non siamo stati fatti per vivere come bruti,

guardare sempre più in basso, un’esistenza ridotta a contratti da rispettare e stracciare, eccessi, sballi e sodomie da consumare di corsa e poi, via, un’iniezione letale, antisettica, antibatterica con ticket prepagato.

Roberto Pecchioli (Copyright © 2017 Qui Europa)

partecipa al dibattito – infounicz.europa@gmail.com

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

______________________________________________________________________________________________

 

 Articoli correlati                                                          

Usa: nozze gay imposte in tutti gli stati

Usa: nozze gay imposte in tutti gli stati

Venerdì,  Giugno 26th/ 2015       – Redazione Qui Europa - Redazione Quieuropa, Barack Obama, Matrimoni gay in tutti gli stati, Usa, massoneria, piano massonico, sovversione sociale, Usa, Corte Suprema: nozze gay sono diritto costituzionale  Massoneria – Dittatura gender e Nuovo Disordine Mondiale Usa: nozze gay imposte in tutti gli stati La soddisfazione di Obama e delle [...]

Ex-massone: le leggi contro la famiglia sono promosse dalle logge massoniche

Ex-massone: le leggi contro la famiglia sono promosse dalle logge massoniche

Martedì,  Marzo 1st/ 2016 - di Redazione Nomassoneriamacerata.blogspot.it - Redazione Quieuropa, Nomassoneriamacerata, Testimonianza, Actuall,  aborto, eutanasia, divorzio, matrimonio gay, logge di diritto umano, perché ho smesso di essere massone, Lourdes, Conversione al Cattolicesimo, intervista, Serge Abad-Gallard, leggi contro la famiglia, logge massoniche, Parigi, Francia, Massoneria, influenza della massoneria sull apolitica, fratellanza parlamentare, Jacques attali, Bilderberg Club, L'homme nomade, Jean-Marc Ayrault, [...]

Il Fratello Obama e il piano massonico sull’omosessualità

Il Fratello Obama e il piano massonico sull’omosessualità

Venerdì,  Aprile 10th/ 2015 - di Arrigo Muscio, Presidente Associazione "Genitori Cattolici" - Redazione Quieuropa, Arrigo Muscio, Genitori Cattolici, Massoneria, Usa, fratello Barack Obama, Omosessualità, memorie di un ex-massone, piano massonico, liberalizzazione droghe leggere, contraccezione, relativismo sessuale  Barack Obama – No alle teorie riparative verso gli omosessuali Il Fratello Obama e il piano massonico sull'omosessualità Ecco perchè [...]

Ecco Perchè L’Europa Rema Contro la Famiglia – Un Piano Perseguito da Secoli

Ecco Perchè L’Europa Rema Contro la Famiglia – Un Piano Perseguito da Secoli

Lunedì, 25th Febbraio/ 2013 – di Maria Laura Barbuto e Sergio Basile – Famiglia Tradizionale / Unione Europea / Corte dei diritti umani / Strasburgo / Vienna / Coppie gay / Adozioni / Rispetto diritti umani / Discriminazione ed uguaglianza / Sentenza / Stati europei / Vita / Natura / madre e padre / Sionismo [...]

Giù le mani dal Cognome familiare: no alla relativizzazione dello status di appartenenza!

Giù le mani dal Cognome familiare: no alla relativizzazione dello status di appartenenza!

Domenica,  Settembre 28th/ 2014  – di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Cambiamento di cognome del monire, Ok della Camera, Camera dei deputati, nome del padre, identità familiare, parentela, Corte di giustizia europea, gender, Lunacek, ennesimo attacco alla famiglia  Giù le mani dal Cognome familiare: no alla relativizzazione dello status di appartenenza! Ok della Camera al cambiamento del [...]

Italia, il Mercatino del progresso: famiglie di finocchi e marijuana free

Italia, il Mercatino del progresso: famiglie di finocchi e marijuana free

Mercoledì,  27 Luglio/ 2016  - di Roberto Pecchioli / integrazioni e note a cura di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Sergio Basile, Umberto Veronesi, Roberto Saviano, Matteo Renzi, marijuana libera, omosessualismo, Corano, Talmud, La Repubblica, adozioni gay, legge Cirinnà, massoneria, logge massoniche, rivoluzione, sovversione sociale   Italia, il Mercatino del progresso: famiglie di finocchi e marijuana free Qui in Italia [...]

Unioni civili: la prevalenza del cretino

Unioni civili: la prevalenza del cretino

Sabato, 14 Maggio/ 2016    – di Roberto Pecchioli - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Unioni civili, prevalenza del cretino, cretinismo progressista, Commissione Trilterale, Monica Cirinnà, stupidi al poterem legge sulle unioni civili, Matteo Renzi, Monsignor Galantino, asse Bergoglio-Galantino, quelli che non s'immischiano, Unione europea, Luncek   Unioni civili: la prevalenza del cretino Il circo del cretinismo progressista esulta: il [...]

Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi

Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi

Lunedì, Febbraio 15th, 2016 - di Patrizia Stella - Redazione Quieuropa,  Gesù Cristo, Patrizia Stella, Mons. Antonio Livi , prof. Alessandro Beghini, dittatura del relativismo, Ddl Cirinnà, Dittatura imposta a tutti i costi, Famiglia, Family Day, lobby gay, 58 tipologie di unioni, porte del Paradiso  Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi Malgrado milioni di cittadini in piazza, migliaia di [...]

L’Adozione ai tempi della follia gender: bambini come prodotti in fabbrica

L’Adozione ai tempi della follia gender: bambini come prodotti in fabbrica

Venerdì,  Marzo 4th/ 2016  - di Nicola Arena / Sete di Giustizia, Anguillara Sabbazia - Redazione Quieuropa, Nicola Arena, Giacinto Auriti, adozione, dignità di essere umano, ruolo naturale e sociale, Giacinto Auriti, strumento satanico, moneta-debito, ciclo produttivo, fabbrica, sete di Giustizia, fame di egoismo    Società ed Economia – Rovesciamento del senso dell'adozione e della vita L'Adozione ai tempi della follia [...]

Il defunto Pannella – Il Giudizio, la croce e il compasso

Il defunto Pannella – Il Giudizio, la croce e il compasso

Martedì, 24 Maggio / 2016 - di Patrizia Stella  -  Redazione Quieuropa,  Patrizia Stella, Marco Pannella, Padre Lombardi, Croce e compasso, neomalthusianesimo, contraccezione, legge sul divorzio, legge sull'aborto, legge sulla liberalizzazione delle droghe, il giudizio di Dio   Il defunto Pannella – Il Giudizio, la croce e il compasso Dagli onori e lodi tributati al defunto Pannella sia da parte civile [...]

I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società

I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società

Sabato, Febbraio 6th, 2016 - di Floriana Castro  – Redazione Qui Europa, Floriana Castro, Poteri forti, Massoneria, Antimassoneria, Nuovo Ordine Mondiale, Luca di Tolve, non esiste alcun gene gay   I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società Giudeo-Massoneria e omosessualizzazione pilotata: il modello gay proposto scientificamente alle società dei goym       di Floriana Castro  Poteri forti, Giudeo-Massoneria e omosessualizzazione della [...]

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Seconda Parte

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Seconda Parte

Venerdì, Febbraio 5th, 2016 - di Federico Michielan  -  Redazione Qui Europa, Federico Michielan, Dittatura del relativismo, ddl Cirinnà, matrimonio, non è un diritto, omosessuali, principali obiezioni,  omofobi, seconda obiezione, il matrimonio è una cosa che ha senso solo tra un uomo e una donna, maternità surrogata, adozione semplice, adottare, discriminazione basata non sulla natura dell’istituto, sesso dei coniugi, Luciano Mola, Avvenire, regolamento anagrafico del 30 maggio 1989, legge n.91 del 1 [...]

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Prima Parte

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Prima Parte

Giovedì, Febbraio 4th, 2016 – di Federico Michielan  -  Redazione Quieuropa, Redazione Qui Europa, Federico Michielan, Dittatura del relativismo, ddl Cirinnà, Family Day 2016, Matrimonio gay, organi mainstream, associazioni gay, Voting Rights Act, diritto di voto, matrimonium, mater e munus, compito,  generare i figli, sostenere economicamente la famiglia, Il fine del matrimonio, liberorum procreandorum causa, procreazione, Modestino, coniunctio maris et feminae et consortium omnis vitae, divini [...]

UK – Madre (nonna) presta utero al figlio gay

UK – Madre (nonna) presta utero al figlio gay

Giovedì,  Marzo 12th/ 2015  – di Arrigo Muscio, Presidente "Genitori Cattolici" e Redazione QE - Redazione Quieuropa, Arrigo Muscio, Gran Bretagna, Kyle Casson, rivolta contro il piano creativo del Signore, Comodato d'uso, donatrice di ovulo, scelta di colore di occhi, chi sono io per giudicare?, diritto ad essere genitore, legge inglese, Satana, incestuoso episodio  Regno Unito – Utero [...]

Sodoma-Olanda e Contraddizioni – Matrimonio a tre e…

Sodoma-Olanda e Contraddizioni – Matrimonio a tre e…

Martedì, Giugno 25th/ 2013 – di Maria Laura Barbuto -  Europa, Olanda, Amsterdam, Unione civili, Matrimoni, Famiglia Tradizionale, Trasgressione umana, Matrimonio a tre, Genitori, Figli, Involuzione sociale, Progresso, Mogli, Mariti    Sodoma-Olanda e Contraddizioni  Si sposano in 3, ma non chiamatelo matrimonio!  Nei giorni scorsi, per la prima volta in Europa, è stata riconosciuta come [...]

La scienza ammazza coscienza: dal 2014, bimbi con 3 genitori in UK

La scienza ammazza coscienza: dal 2014, bimbi con 3 genitori in UK

Venerdì, Luglio 26th/ 2013 - di Maria Laura Barbuto -  Unione Europea, Gran Bretagna, Londra, Scienza, Salute, Malattie Genetiche, Mitocondri, DNA, Fecondazione assistita, 3 genitori, Governo inglese, Geni, Genitori, Figli, Famiglia, Adozioni, Etica, Morale, Religione, rischi fecondazione in vitro  Tracollo Gran Bretagna: ci saranno bimbi con 3 genitori Il Governo inglese presenta un disegno di legge che consentirà [...]

Legge contro l’Omofobia? La Dittatura del Nuovo Ordine Mondiale

Legge contro l’Omofobia? La Dittatura del Nuovo Ordine Mondiale

Mercoledì, Luglio 24th/ 2013 – di Giacomo Davino e Sergio Basile – Italia, Roma, Argentina, Buenos Aires, Omofobia, Legge contro l'omofobia, dittatura gender, Distruzione della Famiglia, 1776, Illuminati di Baviera, Nuovo Ordine Mondiale, Matrimoni gay, L'Invidia del Demonio, Ostentazione Gay, Papa Francesco, Mondo Ibrido, Giacomo Davino, Sergio Basile, Qui Europa, Bruxelles  Legge contro l'Omofobia? La Dittatura [...]

I segreti della pillola anticoncezionale – dalla nascita ai veri obiettivi occulti – 2

I segreti della pillola anticoncezionale – dalla nascita ai veri obiettivi occulti – 2

Lunedì,  Aprile 27th/ 2015       - di Chiara Comini - Redazione Quieuropa, Chiara Comini, Pillola, anticoncezionali, Erin Brockovich, Michelle Garcia, Tim Byers, universita' del Colorado, Denver, betacarotene, tumore dei polmoni, selenio, tumori della pelle, vitamina E, tumore della prostata, Acido folico e vitamina B , cancro del colon, Essure, Bayer, Enovid, Club di Roma, la Corte Costituzionale abroga l’art. 533 del codice penale, Rockefeller, controllo della popolazione, NichoLas Rockefeller, Hugh Hefner, premio Nobel Frederick Robbins, Richard Nixon, Rapporto Kissinger  NSSM 200 del [...]

I segreti della pillola anticoncezionale, la morte in pastiglia – 1

I segreti della pillola anticoncezionale, la morte in pastiglia – 1

Venerdì,  Aprile 24th/ 2015       - di Chiara Comini - Redazione Quieuropa, Chiara Comini, Pillola, anticoncezionali, Erin Brockovich, Michelle Garcia, Tim Byers, universita' del Colorado, Denver, betacarotene, tumore dei polmoni, selenio, tumori della pelle, vitamina E, tumore della prostata, Acido folico e vitamina B , cancro del colon, Essure, Bayer, Yaz e Yasmine, Erin Brockovich. Michelle Garcia, trombosi e embolie polmonari, Marion, Meliane, Jane Bennett e Alexandra Pope, La Pillola. È la scelta giusta per te?, fonti scientifiche indipendenti , testimonianze, prodotto [...]

Harald Eia e la confutazione dell’astrusa teoria del gender finita nelle scuole – Il Video

Harald Eia e la confutazione dell’astrusa teoria del gender finita nelle scuole – Il Video

Domenica, Luglio 12nd/ 2015  - di Nicola Arena, Sergio Basile e  e Redazione Qui Europa - Redazione Qui Europa, Nicola Arena, Gender, Harald Eia, Nordic Gender Institute, teoria gender, differenze fra uomini e donne, Cambridge, il Trinity College, la California State University, Tempi, Scuola di Francoforte, Alice Bailey  Costume e Società – Indagine su teoria gender e "Buona Scuola" Harald Eia e la confutazione dell'astrusa [...]

Matrimoni Omosessuali imposti a tutti gli stati: Ecco la “Direzione Europea”, la Dittatura del Relativismo

Matrimoni Omosessuali imposti a tutti gli stati: Ecco la “Direzione Europea”, la Dittatura del Relativismo

Lunedì,  Marzo 11st/ 2013 – Iniziativa di Libero Confronto, Pensa e Scrivi di Qui Europa – – Associazione Culturale la Torre –   Bruxelles, Adozioni, Bambini, Diritti, Elezioni, Gay, Matrimonio, Omosessuali, Unione Europea, Distruzione del Matrimonio tradizionale, Omobobia, Dittatura del Relativismo, Distruzione della Famiglia Tradizionale, Report sui Diritti Civili, Parlamento Europeo, Cristianesimo, Ateismo, Piano Mondialista per Distruggere la famiglia [...]

L’ONU accredita con uno speciale riconoscimento un Istituto che ha legami con la pedofilia

L’ONU accredita con uno speciale riconoscimento un Istituto che ha legami con la pedofilia

Giovedì,  Giugno 19th/ 2014  - di Chiara Comini  - Redazione quieuropa, Unione europea, Chiara Comini, Onu, Pedofilia, Kinsey Institute for Research in Sex, Gender and Reproduction, Indiana University, Special Category, James Jones, Alfred Kinsey, Sexual Behavior, Ecosoc, Roster, abusi perpetrati tra il 1917 e il 1948, Si registra il numero di “orgasmi” in determinati periodi di tempo da parte di bambini a partire da appena [...]

Non toccate il Matrimonio: è un Principio non Negoziabile

Non toccate il Matrimonio: è un Principio non Negoziabile

Domenica, Marzo 30th/ 2014  – di Patrizia Stella - Iniziativa di Libero Confronto, "Pensa e Scrivi di Qui Europa" Patrizia Stella, Matrimonio, indissolubilità del matrimonio, sacramento, principi non negoziabili, Cardinal Caffarra, Cardinal Kasper, apertura ai divorziati, Cardinal Muller, dottrina sociale della chiesa, Familiaris consortio, Giovanni Paolo II, Prof. Stefano Fontana, Benedetto XVI, Papa Francesco, Corpo d Gesù Cristo  [...]

Indissolubilità del Matrimonio ed Eucaristia: Deriva Kasper

Indissolubilità del Matrimonio ed Eucaristia: Deriva Kasper

Mercoledì, Marzo 12th/ 2014 – Sergio Basile  – Cardinal Kasper, Indissolubilità del Matrimonio, Eucarestia, Benedetto XVI, Illuminati, attacchi al matrimonio, attacco alla Chiesa, Attacco al magistero della Chiesa, Papa Pio XII, Vangelo Secondo Marco e indissolubilità del matrimonio, Concistoro straordinario per la Famiglia, Nuovo disordine mondiale, Monsignor Federico Lombardi, Origene, Circolare massonica del 1905 e [...]

Belgio – Nel Regno degli Orchi diventa lecito Uccidere i Bambini

Belgio – Nel Regno degli Orchi diventa lecito Uccidere i Bambini

Venerdì, Febbraio 14th/ 2014  – di Sergio Basile – Belgio, Eutanasia, Lecito uccidere i disabili, Legge sull'eutanasia ai minori, Italia, Commissione giustizia, Consiglio d'Europa, 86 voti a favore, Approvazione presso la camera belga legge sull'eutanasia ai bambini, Il regno degli orchi, Sergio Basile  Belgio – Nel Regno degli Orchi diventa lecito uccidere i Bambini  Approvata la legge sull’eutanasia ai [...]

Vaticano – Apertura alla pratica ( pagana ) della cremazione

Vaticano – Apertura alla pratica ( pagana ) della cremazione

Martedì, 25 Ottobre/ 2016    – Redazione Qui Europa –  Redazione Quieuropa, Vaticano, Cremazione, Massoneria, Fuoco Purificatore, pratica pagana   Il Vaticano apre alla pratica della  cremazione Ambigua decisione che contrasta con la tradizione della Chiesa    A cura della Redazione di "Qui Europa"                        Apertura del Vaticano alla [...]

Europa, un cimitero che ha rimosso la morte

Europa, un cimitero che ha rimosso la morte

Giovedì, 20 Ottobre/ 2016    di Roberto Pecchioli  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, morte, Dario Fo, Funerali, funerale laico, Holloween    Europa, un cimitero che ha rimosso la morte Dai funerali di Dario Fo ai paradigmi belga e olandese alla notte di Halloween…   di Roberto Pecchioli                     [...]

La Massoneria vuole cremarci tutti

La Massoneria vuole cremarci tutti

Mercoledì,  Aprile 2nd/ 2014 – di Daniele Di Luciano / Redazione Losai / Redazione Qui Europa  – Cimiteri, morte, cremazione, massoneria, riti pagani, contro-Chiesa, Daniele Di Luciano, Giuseppe Garibaldi, Salvatore Morelli, Socrem, Galli di bronzo ed edera, simbologia massonica e gnosi, distruzione della Chiesa, Reale  Società italiana di Igiene, medici cremazionisti massoni, significato mitico, tempio crematorio  Cremazione – [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa