L’Olocausto del popolo italiano e la parabola evangelica che non esiste

Giovedì, 26 ottobre / 2017 

di Francesca Cappanna

 Redazione Quieuropa,  Francesca Cappanna, Piano Kalergi, Bergoglio, Iper-immigrazione, Bruxelles 

L'Olocausto del popolo italiano e la parabola

evangelica che non esiste

Apoteosi dell'ospitalità, paradigma dell'idiozia 

 

 

di Francesca Cappanna

L’OLOCAUSTO DEGLI ITALIANI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Il venticello della carità, da Roma a Bruxelles    

Roma di Francesca Cappanna - Una corrente filantropica partita da Bruxelles e dalle organizzazioni internazionali si sta espandendo velocemente in tutta Europa; 

                   il vento della carità soffia nei corridoi di Montecitorio,

             riempie le sale vaticane ed anche tanta gente di buon cuore 

         è affascinata dalla dottrina umanitaria dell’accoglienza illimitata.

L’amore per l’altro si espleta nella completezza del suo senso, pura devozione. In questa battaglia per salvare l’umanità raminga vi sono infatti tutti i caratteri della missione etica, morale e sociale oltre all’abnegazione volontaria dei popoli dei paesi coinvolti. La tavola del ricevimento è stata apparecchiata e le vivande sono prelibate: qualsiasi rifugiato giunga sul suolo italiano trova casa, cibo, iphone, vestiti, ha a disposizione interpreti, psicologi, assistenza sociale, linguistica, trasporto, insomma è una gara della solidarietà molto affollata. Non riduciamo tutto al guadagno spirituale e materiale di mondialisti, organizzazioni, scafisti, ong, politici, istituzioni, guardiamo il lato umano della benevolenza. Insomma, i migranti sono turisti di lusso, ai quali qualche politico vorrebbe anche, nella sua magnanimità verso il prossimo, aumentare la paghetta.

        Tutti hanno dimenticato che i migranti, soprattutto quelli italiani, 

                      sudavano la pagnotta e sospiravano l’alloggio.

 L'Olocausto consapevole                                       

Gli italiani però non fuggivano da nessuna guerra come hanno fatto i nostri energici, robusti, vitali profughi. Sarà per quest’aspetto troppo vigoroso  che qualche malalingua destroide li definisce furbi mantenuti e considera il governo una massa di cani pilotati per compiere il genocidio italiano. Che esagerati gufi questi catastrofisti! Usare poi una parola ebrea così esclusiva per nominare i loro problemucci. Non lo chiamerei genocidio ma piuttosto una serena abnegazione voluta dagli italiani, un olocausto consapevole che si dissolve nelle rive dell’Altro. Di certo non è stato deciso dalle vittime, difficilmente gli agnelli, seppur per ragioni di alto contenuto etico, deciderebbero lucidamente di essere annientati.

                        E’ stata la carica umanitaria dei carnefici 

                    ad aver interpretato la volontà dei sacrificati.

Così è sempre stato e così dev’essere. Non fosse mai che la voce del vitello che sta per essere ammazzato levasse un grido di protesta, e se anche fosse verrebbe ascoltato come un urlo di giubilo. Loro sanno cosa sia meglio per noi come il padrone che sacrificava il vitello sapeva che il suo sangue sarebbe stato sparso per qualcosa di superiore.  Politici, ecclesiastici, intellettuali ed altre anime nobili provenienti da ogni angolo d’Europa ribadiscono la necessità dell’apertura all’ospitalità. Quanti italiani si saranno sentiti colpevoli di fronte ai tanti video che circolano mostrando occhi supplicanti di bambini africani a cui viene negata la cittadinanza italiana! Da anni vi sono bimbi di ogni etnia nelle aule ma quest’anno il senso di esclusione deve essere proprio diventato intollerabile fra i bimbi stranieri, dato che non si può più fare a meno di vedere i loro volti contriti in ogni video.  

 Un serbatotio di voti e di Nobel                           

destroidi (se così possiamo chiamarli, visto che destra e sinistra sono in fondo, e si manifestano sempre più, facce speculari della stessa medaglia) dicono che queste commuoventi, angeliche facce infantili servano per far approvare una brutta legge del PD per avere a disposizione un serbatoio di voti stranieri che riempia l’assenza di quelli nostrani, dato che, per quanto gli italiani siano votati al masochismo dubito voterebbero di nuovo il galantuomo toscano. Solo i razzisti possono pensare che i vertici europei che già hanno dimostrato la loro inclinazione per gli sfortunati in Grecia, i politici italiani che si sono sempre preoccupati di non far lavorare troppo i giovani oziosi ed evitare che gli anziani si sentano vecchi troppo presto per lavorare, non abbiano a cuore le sorti dei diseredati del mondo.

                                    Dopo il Nobel per la pace ad Obama 

                           io darei il premio per la solidarietà all’Europa,

                                 o meglio ai capi delle nazioni europee. 

 Il criminale piede della "misericordia"               

                    Mai avrei immaginato che il piede della misericordia 

                              potesse fare passi tanto audaci nei paesi 

                          da schiacciare i popoli stessi che vi risiedono.

Grazie a Bergoglio la nuova fede non è più univoca ma un complesso di credenze polimorfe e conviviali come quella dell’ospitalità in primis. Quando vissi in Grecia ospitai dei profughi siriani, ora però temo non fossero veri profughi, non somigliavano affatto a quelli che stiamo importando noi. Probabilmente non erano rifugiati veri, i loro volti erano miti, umili, grati e non arroganti, egoisti, polemici. Purtroppo, in base a vari indizi che solo ora ho valutato, sono giunta alla conclusione che mi abbiano ingannato, erano troppo mansueti, gentili e rispettosi per lamentarsi del cibo che gli avevo offerto, delle croci appese o del fatto che mangiassi prosciutto. 

                 Loro credevano che la gratitudine fosse fondamentale 

                                        nei confronti dell’ospitante, 

                          pensavano che il rispetto fosse essenziale 

     nei confronti di chi ti aiuta ed addirittura ritenevano che l’ospite 

                     non potesse imporre regole al padrone di casa.

Anche voi ora sarete d’accordo con me che quelli non fossero profughi reali. Tutti pensano che le guerre siano in Siria, Somalia, Afghanistan ed Iraq, anche qui deve esserci di certo un errore di fondo. I rifugiati provengono soprattutto dal Maghreb quindi probabilmente ci saranno altre guerre riguardo le quali i media servi stanno tacendo, altrimenti perché masse di uomini fuggirebbero verso la terra promessa dell’abbondanza? Inoltre, essendo tutti uomini i rifugiati, chi resta a fare la guerra? Le donne probabilmente. Anche lì si è raggiunta l’auspicata parità che vibra assordante in ogni paese europeo ed è promossa in tutte le salse dalle organizzazioni internazionali. Comunque non mi sembra molto virile lasciare le donne nei campi di battaglia tutte sole e scapparsene a Bengodi. E poi ci lamentiamo degli uomini italiani! Per quanto gli italiani si piazzino sempre alla fine della coda dei primati europei, nell’accoglienza siamo in pole position per sacrificio di sé, generosità ed altruismo.

 Italiani: "oltre i confini della santità"                 

        Credo che gli italiani abbiano superato i confini della santità, 

                          sono diventati direttamente dei martiri.

Ora la massa di filantropi al governo chiede a tutti gli italiani di sotterrare il barlume microscopico di egoismo rimasto, uno dei più cupi vizi umani, e quale occasione migliore per farlo se non con i nuovi arrivati! Mi sembra una proposta eccellente ma non mi spiego perché gli italiani non siano fiduciosi, credo che se cominciasse il Vaticano ad accoglierli in casa, seguito dai politici la gente si rincuorerebbe e seguirebbe l’esempio.

                      Tutto lo spazio vuoto nelle ville dei politici

                 non potrebbe forse essere riempito di umanità?

Quanti potrebbero rifugiare le loro esistenze nelle case dei politici misericordiosi! Penso che molti rifugiati, se potessero passeggiare nella cappella Sistina purificherebbero i loro spiriti erranti. Che doglia che ancora non abbiano avuto accesso in luoghi così catartici! Spero politici ed ecclesiastici provvedano presto. Come dice Bergoglio Gesù li accoglierebbe nella propria dimora, quindi cosa aspetta il santo padre? Del resto la porta della casa di Cristo che prima di Bergoglio era molto stretta, anche un peccatuccio di gola avrebbe potuto escluderne molti, ora è spalancata a tutti senza distinzione.

 La parabola evangelica che non esiste               

                             Gesù, nella sua infinita sapienza,

                aveva dimenticato la parabola dell’Accoglienza

    (a tutti i costi e contro gli stessi accoglienti e i propri figli – Ndr).

Per fortuna Bergoglio l’ha raccontata.

  “Uno straniero entra nella casa di un altro ed il padrone lo lascia fare. 

            L’uomo straniero vede tante belle cose e se ne appropria,

    mangia la cena del padrone ma poi non la trova di suo gradimento 

                      e rompe tutti i piatti, i bicchieri, le tazze.

    Successivamente lo straniero vede un crocifisso e lo distrugge, 

 poi picchia selvaggiamente il padrone perché non l’ha tolto prima.

   Poi l’uomo vede la figlia del padrone e decide di portarsela via.

    Mentre lo straniero sta per andarsene il padrone lo richiama 

                           e l’uomo con un grugno si volta.

      Il padrone ha preso per mano l’altra figlia e dice all’uomo:

            ti offro anche l’altra figlia e torna presto a trovarmi”.

 Apoteosi dell'ospitalità, paradigma dell'idiozia 

Quanti fra voi direbbero che il padrone è un idiota? Tutti direbbero che è l’apoteosi dell’ospitalità. Quel bravo padrone ha fatto la scelta più civile, se avesse riempito di calci il vivace ospite e lo avesse rispedito a casa forse la sua casa sarebbe intera, i suoi denti non sarebbero caduti, le sue figlie sarebbero a casa, però avrebbe dovuto avere un gran coraggio perchè tutti noi lo avremmo etichettato come uno che non rispetta le differenze, un razzista, o addirittura un fascista. Nemmeno due ergastoli sarebbero bastati per condannare tali insulti alla civiltà. Quindi tutti noi dovremmo comportarci come il padrone di casa della parabola, invitare gentilmente gli stranieri ad entrare ed a fare ciò che gli pare con le nostre cose e con noi. Mica si può pretendere che uomini di altri paesi sappiano che non si possa entrare in casa d’altri, rubare, stuprare! Non lo fanno nei loro paesi perché è rischioso e chi glielo spiega che non andrebbe fatto nemmeno nel nostro? Dubito che qualche gentile interprete abbia parlato loro di leggi. Nemmeno sanno la nostra lingua e vorremmo che capissero concetti complessi come il rispetto altrui? Chi potrebbe poi spiegarglielo? Non certo un governo che ha adottato con i migranti il motto della scuola di  Rabelais: Fai quello che vuoi! Quindi non è colpa loro se commettono qualcosa di sbagliato, poverini, come possono dei poveri profughi conoscere i nostri incivili usi e costumi? 

Francesca Cappanna (Copyright © 2017 Qui Europa)

partecipa al dibattito:

infounicz.europa@gmail.com / redazione.quieuropa@gmail.com

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

______________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                         

I migranti fuggirebbero da guerre e carestie? Noi fuggiamo dalle bugie!

I migranti fuggirebbero da guerre e carestie?  Noi fuggiamo dalle bugie!

Mercoledì, 30 agosto/ 2017  Giorgio Rapanelli e Redazione Qui Europa  Redazione Quieuropa,  Giorgio Rapanelli, Piano Kalergi,  Invasione , giudeo-massoneria    I migranti fuggirebbero da guerre e carestie? Noi fuggiamo dalle bugie! Ormai è chiaro che si tratta di un piano scellerato di menti insane per favorire l'invasione e la distruzione dell'Italia e dell'Europa   di Giorgio [...]

L’élite integrazionista del “Piano Kalergi” premia Bergoglio?

L’élite integrazionista del “Piano Kalergi” premia Bergoglio?

Mercoledì, 5 Maggio/ 2016     - di Sergio Basile - Redazione quieuropa, Sergio Basile, Premio Carlo Magno, Papa Francesco, Aquisgrana, Herman Van Rompuy, gabbia europea del debito e della moneta dell'usura legalizzata, monometallismo argenteo, Piano Kalergi, integrazionismo, giudeo-massoneria  L'élite integrazionista del "Piano Kalergi"  premia Bergoglio? UE – Il premio internazionale "Carlo Magno" a Bergoglio. Strategie mondialiste e paradossi – L'antitesi del [...]

Piano Kalergi e convergenza tra europeismo e comunismo

Piano Kalergi e convergenza tra europeismo e comunismo

Martedì, 26 settembre/ 2017  di Sergio Basile  Redazione Quieuropa,  Sergio Basile, Piano Kalergi, Comunismo, Europeismo, Massoneria  Piano Kalergi e convergenza tra europeismo e comunismo  Kalergi, Lenin e Trotsky: stessa anima, stessi obiettivi                               “Esiste anche un'altra alleanza               [...]

Il Piano Kalergi – Origini, intrecci, retroscena e panacee alla disintegrazione dell’Europa

Il Piano Kalergi – Origini, intrecci, retroscena e panacee alla disintegrazione dell’Europa

Domenica, 24 settembre/ 2017  di Sergio Basile  Redazione Quieuropa,  Sergio Basile, Piano Kalergi, Lionel George Curtis, Mondialismo, Europa  Il Piano Kalergi - Origini, intrecci, retroscena e panacee alla disintegrazione dell'Europa Analisi logica del complotto per la Paneuropa e dei suoi uomini chiave   di Sergio Basile                          [...]

L’accoglienza secondo San Tommaso d’Aquino

L’accoglienza secondo San Tommaso d’Aquino

  Mercoledì, 8 Giugno/ 2016     - di Don Curzio Nitoglia - Redazione quieuropa, Don Curzio Nitoglia, San Tommaso d'Aquino, Aristotele, Kalergi, Comenius, Saint-Yves, Nuovo Disordine Europeo, precetti morali, Legge naturale, precetti cerimoniali, Vecchio Testamento, nascita del sacerdozio, Nuova ed Eterna Alleanza, precetti legali o giudiziali, Somma Teologica, cardinal Biffim, accolgienza indiscriminata, integrazionismo, religione conquistatrice con la spada, Corano, Mazzini e la Terza Guerra Mondiale, scontro con l'Islam  L’accoglienza secondo [...]

La vicenda separatista catalana – 2 – Convertiti sospetti e dottrine relativiste

La vicenda separatista catalana – 2 – Convertiti sospetti e dottrine relativiste

Lunedì, 16 ottobre/ 2017  – di Roberto Pecchioli -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Separatismo catalano, il male dei separatismi, liberalismo  La verità sulla vicenda separatista catalana – 2 – Convertiti sospetti: liberalisti e progressisti – Una fonte dottrinale avvelenata e relativista Come mai i progressisti predicano l'indipendentismo? Il male intrinsceco dei popoli separatisti e la differenza tra democrazia [...]

Marx, Kalergi e la vicenda catalana: menzogne, manipolazioni e verità

Marx, Kalergi e la vicenda catalana: menzogne, manipolazioni e verità

Mercoledì, 11 ottobre/ 2017  – di Roberto Pecchioli, con integrazioni di Sergio Basile –  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Separatismo catalano, Europa, Piano Kalergi, mondialismo  La verità sulla vicenda separatista catalana - menzogne  e manipolazioni: Kalergi, Marx ed élite rivoluzionarie Dietro il separatismo? Mondialismo, Piano Kalergi, propaganda e rivoluzionari marxisti   di Roberto Pecchioli, con integrazioni di Sergio Basile   [...]

La sostituzione etnica in Basilicata: Frammassoneria e Mondialismo / 2

La sostituzione etnica in Basilicata: Frammassoneria e Mondialismo / 2

Sabato, 15 Ottobre/ 2016    di Carlo Di Pietro  Redazione Quieuropa, Carlo Di Pietro, Basilicata, Kalergi, Marcello Pittella, Gianni Pittella  La sostituzione etnica in Basilicata: Frammassoneria e Mondialismo / 2 Sostituzione etnica - La "Nuova Basilicata" e la "Nuova Italia" ( a-cattolica) sognata dai fedeli continuatori del Piano Kalergi:  analisi del piano rivoluzionario, punto per punto   di Carlo Di Pietro / [...]

La sostituzione etnica in Basilicata: Frammassoneria e Mondialismo / 1

La sostituzione etnica in Basilicata: Frammassoneria e Mondialismo / 1

Venerdì, 14 Ottobre/ 2016    di Carlo Di Pietro  Redazione Quieuropa, Carlo Di Pietro, massoneria, Basilicata, Kalergi, Marcello Pittella  La sostituzione etnica in Basilicata: Frammassoneria e Mondialismo / 1 Gli intrecci sinarchico-mondialisti dietro il  piano massonico-integrazionista pensato per la Basilicata (e non solo…)   di Carlo Di Pietro / Prima Parte (di due)           [...]

Il Piano Kalergi – Quello che Nessuno ti ha mai detto sull’Europa - Prima Parte

Il Piano Kalergi – Quello che Nessuno ti ha mai detto sull’Europa

Venerdì,  Marzo 8th/ 2013 – L'editoriale di Giovanni Antonio Fois e Sergio Basile -  Il Piano Kalergi, Unione Europea, Ue, Richard Coudenhove Kalergi, Politiche europeiste, Nuovo Ordine Mondiale, Mondialismo, Messia, Capitalismo internazionale, Multiculturaismo, Premio Carlo Magno, Gli Stati uniti e l'Unità Europea, Wiston Crurchill, Loggia B'nai B'rith, Usa, Stati uniti, Teoria delle Razze, Teorie dei [...]

Il Piano Kalergi – La Terzomondializzazione dell’Europa e l’Eurocasta -Seconda Parte

Il Piano Kalergi – La Terzomondializzazione dell’Europa e l’Eurocasta

Sabato,  Marzo 9th/ 2013 – L'editoriale Sergio Basile e Giovanni Antonio Fois -  Il Piano Kalergi, Unione Europea, Ue, Richard Coudenhove Kalergi, Politiche europeiste, Multiculturalismo, Premio Carlo Magno, Premio Kalergi, Mescolanza razziale, Terzomondializzazione dell'Europa, Gerd Honsik, Mondialismo, NWO, Angela Merkel, Herman van Rompuy, Denuncia, Coppia tedesca, Crimini contro l'umanità, primavera araba, Robert Schuman, Mediterraneo, G.Brock Chisholm, OMS, [...]

Propaganda UE – Cultura e istruzione europeista per fronteggiare le sfide della migrazione?

Propaganda UE – Cultura e istruzione europeista  per fronteggiare le sfide della migrazione?

Sabato,  Gennaio 16th/ 2016  - di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Bruxelles, Europarlamento, estremismo, mobilità dei giovani e degli insegnanti, uso sistematico della cultura, programmi di sviluppo esterni, valori fondamentali comuni, cittadinanza attiva sin dalla giovane età,  sfide della migrazione, integrazione, discriminazione dei diritti dei cittadini europei ed italini, la politica non esiste più, difesa della famiglia, persona umana, feto, dignità economica e sociale della persona, [...]

La Terza Fase del Piano Kalergi – Comprare l’assenso alla paneuropeizzazione programmata

La Terza Fase del Piano Kalergi – Comprare l’assenso alla paneuropeizzazione programmata

Sabato, Giugno 13rd, 2015 – L'editoriale di Sergio Basile, Direttore "Qui Europa"  –  Redazione Quieuropa,  Sergio Basile, Piano Kalergi, iper immigrazione programmata, capo treno accoltellato a Milano, delinquenza in aumento, annullamento dell'identità di una nazione, promesse e strategie di Matteo Renzi, Massoneria, Cristianesimo, attacco al cuore del Cristianesimo  Società, Delinquenza e Iper-immigrazione programmata La Terza Fase del Piano Kalergi – Comprare [...]

Kalergi, Comenius e Saint-Yves: i Padri del Nuovo Dis-Ordine Europeo

Kalergi, Comenius e Saint-Yves: i Padri del Nuovo Dis-Ordine Europeo

Mercoledì, 25 Maggio/ 2016     - di Don Curzio Nitoglia - Redazione quieuropa, Don Curzio Nitoglia, Le Forze Occulte della Sovversione, Giudaismo, Massoneria, Kalergi, Comenius, Saint-Yves, Nuovo Disordine Europeo, Fratelli Moravi, Fratelli Boemi, Rosacroce, Johann Valentin Andreae, Consultatio de rerum humanarum emendazione, Descriptio de republica cosmopolita, cosmopolitismo, Nuovo Prdine Mondiale, impero giudeo-massonico anti-cristiano, protestantesimo, ecumenismo, Lux ex tenebris, Pontificio Consiglio della Cultura, L’eredità di Comenius, bilancio di un centenario, Alexandre Saint-Yves d’Alveydre, Mission des [...]

Come per gli ultimi giorni di Costantinopoli – Ius soli e altri accidenti

Come per gli ultimi giorni di Costantinopoli – Ius soli e altri accidenti

Mercoledì, 12 luglio/ 2017  Roberto Pecchioli  Redazione Quieuropa,  Roberto Pecchioli,  Gli ultimi giorni di Costantinopoli,  rivoluzione , Ius soli  Come per gli ultimi giorni di Costantinopoli – Ius soli e altri accidenti La nazione probabilmente capitolerà come avvenne per Costantinopoli, ma la civilizzazione della morte, presto, si spegnerà inevitabilmente e sarà il giorno di un'alba [...]

Un anticristiano inno all’occupazione dell’Europa

Un anticristiano inno all’occupazione dell’Europa

Martedì, 17 Gennaio/ 2017   di Roberto Pecchioli  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Germania, Merkel, popolazione europea   La mia patria? Si chiama Quilandia Un anticristiano inno all'occupazione dell'Europa   di Roberto Pecchioli                        La grande sostituzione                       [...]

Il Piano Kalergi e la dura parte del cattivo. Non salvare i bambini?

Il Piano Kalergi e la dura parte del cattivo. Non salvare i bambini?

Mercoledì, 2 Novembre/ 2016    di Roberto Pecchioli  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Piano Kalergi, Immigrazionismo, Save the Children  Il Piano Kalergi e la dura parte del cattivo. Non salvare i bambini? Siamo dinanzi all'ennesima, volgare, mistificazione della verità che sfrutta il punto debole del "buonista globale"   di Roberto Pecchioli                 [...]

Speciale Immigrazionismo – Piano Kalergi: nuovi scandali e dati agghiaccianti

Speciale Immigrazionismo – Piano Kalergi: nuovi scandali e dati agghiaccianti

Venerdì, 28 Ottobre/ 2016    di Carlo Di Pietro  Redazione Quieuropa, Carlo Di Pietro, Prefettura, Piano Kalergi, Matteo Renzi, Scandalo passaporti falsi, immigrazionismo, terzomondializzazione dell'Italia  Speciale Immigrazionismo - Piano Kalergi: verso sequestri statali e nuovi scandali.  Dati agghiaccianti dell’invasione Scandali, boom di reati e passaporti falsi: ecco come i clandestini diventano tutti "siriani"   di Carlo Di Pietro Iniziativa di Libero Confronto / Dossier [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa