L’idealismo e il disordine moderno – 2 – Idealismo, ateismo, naturalismo

Sabato, 5 maggio, 2018

Di Jean Daujat, traduzioni e premessa di Paolo Baroni, Centro San Giorgio  -

 Redazione Quieuropa, Jean Daujat, Paolo Baroni, Centro San Giorgio, idealismo, naturalismo 

L'idealismo e il disordine moderno – 2 

Idealismo, ateismo, naturalismo

Idealismo: la realtà come illusione della realtà. 

Vietato ammettere la realtà creta da Dio e Dio stesso.

Naturalismo e genesi (demoniaca) della follia idealista

 

Di Jean Daujat

Traduzione dell'originale francese L'idéalisme et le désordre moderne, 

con traduzioni a cura di Paolo Baroni, Centro San Giorgio

Idealismo, Ateismo, Naturalismo - Conseguenze e origini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Idealismo e ateismo                                                  

Parigi di Jean Daujat – (prima parte – continua da qui L’Idealismo e il disordine moderno – 1 – Idealismo, relativismo e materialismoL'idealismo ha anche dei legami profondi con l'ateismo (Dio non esiste), o col panteismo (tutto è Dio), che è solamente un'altra faccia dell'ateismo. In effetti, incapaci come siamo di concepire e di conoscere direttamente quell'Essere perfetto ed infinito che è Dio, non possiamo scoprirLo che mediante le cose che ha creato, come Causa dell’esistenza di tutte le realtà di questo mondo (1); poiché tutti gli esseri di questo mondo esistono, ma non hanno in se stessi l'esistenza, occorre una Causa che abbia dato loro quell'esistenza che fà sì che esistano. Questo Essere primo che esiste per Se stesso (a Mosè si è rivelato come «Colui che è») e che tutto fà esistere, lo chiamiamo Dio. Ecco perché San Paolo ci dice che

                                     il Dio invisibile si è fatto conoscere

                                  mediante le cose visibili che ha creato.

Così, chiunque riconosce la più umile realtà inizia già a riconoscere Dio, riconoscendo e accettando ciò che Dio ha fatto. La sottomissione al reale è una sottomissione a Dio, autore di ogni realtà. Perché la verità si impone al nostro pensiero che deve riconoscerla? Perché non dipende da noi di fare in modo che ciò che è vero sia falso e che ciò che è falso sia vero? Perché 

    il nostro pensiero deve conformarsi alla realtà per conoscerla così com’è,

           e ciò perché non siamo noi che abbiamo fatto o creato la realtà,

                                                           ma Dio.

(1) Parliamo della scoperta di Dio di cui l'intelligenza umana è per se stessa e naturalmente capace, e non della nostra relazione personale con Dio che si rivela a noi e che ci parla, e che ha luogo solamente in virtù del dono soprannaturale della fede.

 Vietato ammettere la realtà creata da Dio           

Ed è proprio questo che l'idealismo rifiuta: volendo trarre tutto dallo spirito umano, esso non ammette nessuna realtà creata da Dio. È l'orgoglio che rifiuta ogni dipendenza e si crede, come Dio, nell'indipendenza assoluta che trae tutto da sé.

             L'idealismo è una forma di deificazione dell'intelligenza umana

              che si definisce creatrice e capace di trarre tutto da se stessa

                                        come l'intelligenza divina.

Tale pretesa cozza contro il reale che non abbiamo creato, e che è ciò che è, vale a dire ciò che Dio ha fatto. E questo perché l'intelligenza dell'uomo è assolutamente incapace di comunicare l'esistenza o di fare esistere. Le sue invenzioni, le sue concezioni possono solamente modificare ciò che già esiste. L'artista, l'industriale o il tecnico trasformano cose preesistenti, le sistemano diversamente; ma è proprio di Dio, e di Lui solo, di fare esistere, di essere sorgente dell'esistenza stessa.

                                       Adamo nel Giardino dell'Eden 

                                  conosce la realtà che non ha creato.

 Psicologia idealista: realtà illusione della realtà 

Si vede quanto sia errato presentare Dio come un «ideale», ossia come un'opinione o come una creazione dello spirito umano (sarebbe dunque l'uomo che si creerebbe una divinità), prodotta per soddisfare i nostri sentimenti o i nostri bisogni religiosi, in modo che Dio potrebbe essere accettato o rifiutato a seconda che proviamo o meno questi sentimenti o questi bisogni. Non si riconosce Dio che riconoscendolo come la realtà prima da cui dipende ogni esistenza. Ogni religione autentica collega la realtà a Dio; essa è essenzialmente realistica.

                                L'idealismo non collega l'uomo a nulla

                poiché lo chiude in se stesso con l'ideale che si fabbrica

     in seno alle creazioni del proprio spirito in un'indipendenza assoluta:

                              idealismo e religione sono incompatibili.

Idealismo, Ateismo, Naturalismo - Conseguenze e origini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Naturalismo: genesi dell'idealismo                        

Da dove può provenire questo atteggiamento orgoglioso? Ci sembra incontestabile che esso abbia la sua sorgente storica in ciò che domina tutto il cammino in avanti della civiltà dopo il Rinascimento: il naturalismo. Nel senso etimologico della parola,

                          il naturalismo non ammette nient'altro che la natura.

Dio avrebbe potuto creare gli uomini fornendo unicamente loro la natura umana: in questo caso, l'uomo non dovrebbe ricercare che la sua perfezione umana. In realtà, mediante un atto totalmente libero di puro amore, per pura generosità, Dio ha fatto all’uomo un dono che la sua natura non comportava e al quale egli era assolutamente incapace di aspirare, dono che per questo motivo si chiama «grazia»: il dono di diventare Suoi figli, ricevendo da Lui, come da un Padre, la comunicazione della Sua stessa natura e della Sua stessa vita divina. E questa vita divina si chiama vita soprannaturale. È per questa perfezione – non più umana, ma divina – per questo dono della vita stessa di Dio che gli uomini sono stati creati:

      la loro natura umana esiste unicamente per ricevere questo dono (la grazia)

         e viverne e portare in sé Dio presente come oggetto conosciuto e amato,

                          Dio vivente in essi come in un tempio  spirituale.

Ora, prima i demoni, e in seguito Adamo ed Eva, si sono compiaciuti nella loro natura e nelle loro perfezioni naturali al punto di non desiderare nient'altro.

 Origine demoniaca del Naturalismo                       

                                                      Ecco il naturalismo.

                        È la natura che rifiuta la grazia per chiudersi in se stessa,

                                             contando unicamente su di sé.

In questo stato, l'orgoglio è presente sotto la sua forma primigenia e radicale: volontà d'indipendenza assoluta che rifiuta ciò che non deve che a sé stessa e finisce per ordinare tutto a sé, a non cercare che se stessa e ciò che trae da sé. Notiamo, en passant, che il naturalismo non è necessariamente materialista poiché è prima di tutto orgoglio dello spirito ed ha avuto inizio con i demoni: un puro spirito non può concepire il materialismo. Tutta la tradizione cristiana ha visto il male più grande nel peccato dello spirito che si ribella a Dio. Da ciò risalta la stupidità di coloro che si dichiarano soddisfatti appena si parla loro di «spiritualismo» o di «forze spirituali», come se i demoni e l'orgoglio dell'uomo non fossero forze immateriali.

 Grandezza del Medioevo                                             

                          Il Medioevo cercava unicamente il regno di Cristo,

                   la vita divina donata all'umanità per mezzo di Gesù Cristo,

                                       e gli subordinava tutto lo resto,

                       ivi compreso l'ordine dello sviluppo umano naturale,

                                    l'ordine del progredire della civiltà:

        il progresso umano si compiva nel regno di Cristo e per il regno di Cristo.

Il Cristianesimo impregnava e ispirava tutte le attività umane. Ciò che oggi viene chiamato «Rinascimento» consumò la rottura tra il Cristianesimo e lo sviluppo umano; quest'ultimo venne ormai ricercato per se stesso, come scopo. E così il Naturalismo ispirò tutto il movimento della Storia. Fu poco dopo il Rinascimento, nel XVII secolo, che nacque la filosofia moderna con i primi germi d'idealismo (fine seconda parte).

Jean Daujat / traduzioni a cura di Paolo Baroni - Centro San Giorgio

Partecipa al dibattito - Redazione Quieuropa - infounicz.europa@gmail.com

_______________________________________________________________________________________________________________

 Prima parte                                                                   

L’Idealismo e il disordine moderno – 1 – Idealismo, relativismo e materialismo

L’Idealismo e il disordine moderno – 1 – Idealismo, relativismo e materialismo

Domenica, 22 aprile, 2018 - Di Jean Daujat, traduzioni e premessa di Paolo Baroni, Centro San Giorgio  –  Redazione Quieuropa, Jean Daujat, Paolo Baroni, Centro San Giorgio, idealismo, caos moderno   L'idealismo e il disordine moderno – 1 – Idealismo, relativismo e materialismo Idealismo, le origini filosofiche del caos moderno: vietato giungere alla verità. Porte aperte al relativismo e al materialismo [...]

________________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                           

Cabala, Sessualità e natura demoniaca dello schema partitico: elementi della Rivoluzione

Cabala, Sessualità e natura demoniaca dello schema partitico: elementi della Rivoluzione

Venerdì, 16 febbraio / 2018  - di Carlo Alberto Agnoli - Articolo estratto  dall'opera AA.VV., La Massoneria oggi: verso il compimento della Grande Opera, Atti del 4º Convegno di Studi Cattolici, Rimini 1986  Redazione Quieuropa, Carlo Alberto Agnoli, destra e sinistra, cosmogonia massonico-cabalistica  Cabala, Sessualità e natura demoniaca dello schema partitico: elementi della Rivoluzione Effetti distruttivi e rivoluzionari del modello filosofico dell'ebraismo talmudico-cabalistico – quarta [...]

Pedagogia della vergogna – L’età del regresso: dalla Scuola di Francoforte alla psicoanalisi

Pedagogia della vergogna – L’età del regresso: dalla Scuola di Francoforte alla psicoanalisi

Mercoledì, 14 gennaio/ 2018  – di Roberto Pecchioli -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Sessantotto, Pedagogia della vergogna, Scuola di Francoforte  Pedagogia della vergogna – L'età del regresso: dalla Scuola di Francoforte alla psicoanalisi L'abolizione della frontiera tra bene e male: svalutazione dei doveri e finto progresso   di Roberto Pecchioli                  [...]

Cabala, Parlamentarismo e manipolazione delle masse

Cabala, Parlamentarismo e manipolazione delle masse

Lunedì, 12 febbraio / 2018  - di Carlo Alberto Agnoli - Articolo estratto  dall'opera AA.VV., La Massoneria oggi: verso il compimento della Grande Opera, Atti del 4º Convegno di Studi Cattolici, Rimini 1986  Redazione Quieuropa, Carlo Alberto Agnoli, Kabbalah, Sigiza, Jachin, Boaz, Tempio, Dialettica  Cabala, Parlamentarismo e manipolazione delle masse Effetti distruttivi e rivoluzionari del modello filosofico dell'ebraismo talmudico-cabalistico – terza parte   [...]

Destra, Sinistra, Centro: dialettica massonica e applicazioni cabalistiche

Destra, Sinistra, Centro: dialettica massonica e applicazioni cabalistiche

Domenica, 11 febbraio / 2018  - di Carlo Alberto Agnoli - Articolo estratto  dall'opera AA.VV., La Massoneria oggi: verso il compimento della Grande Opera, Atti del 4º Convegno di Studi Cattolici, Rimini 1986  Redazione Quieuropa, Carlo Alberto Agnoli, Kabbalah, Rivoluzione Francese, destra, sinistra, centro  Destra, Sinistra, Centro: dialettica massonica  e applicazioni cabalistiche Effetti distruttivi e rivoluzionari del modello filosofico dell'ebraismo talmudico-cabalistico – seconda parte   di Carlo [...]

Cabala e origini della filosofia moderna: la filosofia di Fichte

Cabala e origini della filosofia moderna: la filosofia di Fichte

Sabato, 10 febbraio / 2018  - di Carlo Alberto Agnoli - Articolo estratto  dall'opera AA.VV., La Massoneria oggi: verso il compimento della Grande Opera, Atti del 4º Convegno di Studi Cattolici, Rimini 1986  Redazione Quieuropa, Carlo Alberto Agnoli, Kabbalah, Cabala, Adam Kadmon, Fichte, Spinoza  Cabala e origini della filosofia moderna: la filosofia di Fichte Effetti distruttivi e rivoluzionari del modello filosofico dell'ebraismo talmudico-cabalistico dall'epoca romantica [...]

Il volto nascosto di Julius Evola: gnosi, dadaismo, esoterismo anti-cristiano – 1

Il volto nascosto di Julius Evola: gnosi, dadaismo, esoterismo anti-cristiano – 1

Domenica, 24 Luglio/ 2016     - di Don Curzio Nitoglia - Redazione quieuropa, Don Curzio Nitoglia, Julius Evola, Marco Fraquelli, spiritualismo gnostico, spiritualismo alchemico, spiritualismo esoterico, gnosi, dadaismo, fascismo, Concordato,Il filosofo proibito, panteismo, essoterico, satanismo, monaco, concezione dello stato, comunismo, socialismo, liberalismo, René Guénon, alto iniziato, Massoneria, talmudismo, poteri occulti, messianismo terreno  Il volto nascosto di Julius Evola: gnosi, dadaismo, [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa