Lettera di indignazione al Vescovo per abbraccio al prete gay “sposato”

Sabato, 7 luglio / 2018

di Patrizia Stella -

 Redazione Quieuropa,  Patrizia Stella, Lettera aperta al vescovo di Verona, Mons. Giuseppe Zenti  

Lettera aperta di indignazione al Vescovo di

Verona per solidarietà al prete gay "sposato"

Lettera aperta a Mons. Giuseppe Zenti

 

di Patrizia Stella

LETTERA  APERTA  DI  INDIGNAZIONE  AL VESCOVO DI VERONA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Lettera aperta al Vescovo di Verona                     

Verona di Patrizia Stella Eccellenza, a nome dei suoi fedeli di Verona diciamo "normali" vale a dire non incantati dalle sirene delle lobby gay, ho il dovere di manifestare tutta la nostra indignazione per la solidarietà da lei dimostrata nei confronti del sacerdote Giuliano Costalunga, incoraggiandolo a continuare ad essere prete, quando lui stesso lo scorso 8 febbraio aveva ufficialmente dichiarato, consapevole di non poter stare con un piedi su due staffe, di rinunciare al suo sacerdozio perché si voleva unire alle Canarie con un certo Pablo, suo compagno di letto da parecchi anni.

                    Non si tratta di matrimonio per non offendere i veri sposi,

                            ma di compagni di letto spesso interscambiabili,

                    dicono gli esperti delle massime schifezze elevate a diritti

                           e coperti anche da certe autorità ecclesiastiche.

La gente comune che fatica a tirar su i figli cristianamente, si domanda che bisogno c’era di riservargli tutti quegli onori, chiamandolo come in trionfo nella sua ex parrocchia e riservandogli un abbraccio caloroso, anziché invitarlo privatamente ad eclissarsi dalla vita pubblica religiosa, nell’attesa della dispensa della Santa Sede! Questa specie di approvazione pubblica da parte del Vescovo, ha talmente riconfermato don Giuliano nelle sue scelte, che è arrivato perfino a dire, in un’intervista a “Il Giornale” del 6 luglio, che dopo aver avuto la gioia di poter essere contemporaneamente prete e gay “sposato!” adesso punta ad ottenere anche un figlio, facendo concorrenza a tutti i più ricchi sporcaccioni gay del mondo! Bell’esempio per un prete!

 Quei peccati impuri contro natura                       

Questi peccati impuri contro natura, compiuti sia da laici che da consacrati, sono annoverati dal catechismo della Chiesa cattolica come “Uno dei quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio”, ma per un sacerdote la cosa è ancora più grave perché un prete che di notte fa certe schifezze vomitevoli contro natura che rovinano corpo e anima col rischio anche di contagio e al mattino va a prendere nelle sue luride mani il Corpo di Gesù compie addirittura sacrilegio.

    Ebbene, Lei, egregio Vescovo Zenti, è gravemente responsabile davanti a Dio

          di coprire con superficialità e leggerezza questi peccati contro natura

     e considerare cosa lecita che un ministro di Dio possa coniugare sacerdozio

            con peccato omosessuale vissuto già da molti anni come normalità

non solo, ma di accettare addirittura una sorta di “unione pubblica” alle Canarie dove i due non sono andati per aiutare i poveri, oltretutto, come sempre ci esorta “colui” che ha detto “Chi sono io per giudicare i gay?” ma per condurre vita da nababbi con villa di lusso e piscina, con feste pagane costose e trasgressive, tra canti, balli e mondanità che neppure si addicono ai peggiori vip di questo mondo. Con quali soldi ha fatto questo?

 Manovre luciferine                                                     

Ma alla nuova “chiesa in uscita” che nemmeno crede in Gesù Cristo e nel suo Giudizio divino, che importa? Si tratta ormai di manovre luciferine infilatesi astutamente da decenni nei seminari per rovinare i ragazzi “in blocco”, incoraggiando le autorità della Chiesa ad accettare ormai ufficialmente una nuova “categoria” di preti, i preti-gay, per l’appunto, sterili e rammolliti nel corpo e nell’anima, senza più una valida preparazione culturale teologica che illumini il loro intelletto e dia gioia al cuore offrendo loro una valida motivazione ascetica per vivere il loro combattimento spirituale come voluto da Gesù, non solo per la castità ma per tutte le altre virtù. Purtroppo, non di rado, dai Seminari vengono invece sfornati giovani idioti e ignoranti al servizio dei poteri forti che li dominano, magari anche a suon di quattrini e di piaceri mondani, com’è di solito nello stile dei gay, pur sapendo che alla fine queste facili concessioni contro natura portano alla depressione, alla schizofrenia e alla pazzia, fino al suicidio e all’omicidio: perché chi vive contro natura, alla fine vive contro lo stesso Dio che ha creato la natura.

 La virtù della castità                                                   

La virtù della castità, che può e deve essere vissuta da tutti i buoni cristiani sia nel celibato che nell’unico, vero matrimonio voluto da Dio, è un grande privilegio, è dono che Dio concede a chi glielo chiede con umiltà, perché porta vigore al corpo e all’anima, pur nella consapevolezza della nostra fragilità davanti alle spudoratezze che ci propina il mondo. Ma proprio per questo Gesù, conoscendo la nostra debolezza, ha voluto istituire il Sacramento della Penitenza, che lava ogni nostra colpa e ci dà, ogni volta che lo riceviamo, ancor più forza per essere fedeli, puliti e casti, convinti che la vita passa in fretta, e per chi ha saputo combattere la buona battaglia, c’è il Premio Eterno del Paradiso e la gioia senza fine. “Tanto è il bene che mi aspetto – diceva S. Francesco – che ogni pena mi è diletto”.

Patrizia Stella

patrizia@patriziastella.com

partecipa al dibattito: infounicz.europa@gmail.com 

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

_____________________________________________________________________________________________________________________

 Pompei: la corona della Vergine si muove               

VIDEO – 'Miracolo' a Pompei: si muove la corona tra le mani della Vergine

_____________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                       

Gay Pride: Rosario della Madonna di Pompei oscilla e Vesuvio trema

Gay Pride: Rosario della Madonna di Pompei oscilla e Vesuvio tremaSabato, 30 giugno / 2018 -  di Redazione "Nel cuore di Gesù" –  Redazione Quieuropa,  Pompei, Segni nel Cielo, Rosario della Madonna, Vesuvio, Gay Pride   Gay Pride: il Rosario tra le mani della Madonna di Pompei oscilla di nuovo e il Vesuvio trema Pompei / Strani segni dal Cielo

 

 

Cirinnà al Gay Pride, Fontana in pellegrinaggio con la famiglia

Cirinnà al Gay Pride, Fontana in pellegrinaggio con la famiglia

Martedì, 3 luglio / 2018 - di Patrizia Stella –  Redazione Quieuropa,  Maria Regina della Famiglia, Patrizia Stella, Lorenzo Fontana         Cirinnà al Gay Pride, Fontana in pellegrinaggio al santuario della Regina della Famiglia È ora di uscire allo scoperto e non fare mistero della nostra fede cattolica: difesa della famiglia, priorità assoluta   di Patrizia Stella [...]

Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa: lettera del ministro Fontana a Il Tempo

Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa: lettera del ministro Fontana a Il Tempo

Martedì, 5 giugno / 2018  – Lettera di Lorenzo Fontana, Ministro della Famiglia a "Il Tempo" –  Redazione Quieuropa, Lorenzo Fontana, Lettera a  Il Tempo, difesa della famiglia,  Rivolta  élite  Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa: lettera del ministro Fontana a Il Tempo Fontana: La furia di certa ideologia relativistica travalica i [...]

5 giugno 2018Commenti disabilitatiRead More

Aborto, omosessualismo, immigrazione: una sinistra dissoluzione

Aborto, omosessualismo, immigrazione: una sinistra dissoluzione

Martedì, 12 giugno / 2018  - di Roberto Pecchioli -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli,  sinistra dissoluzione, omosessualismo, Aborto  Aborto, omosessualismo, immigrazione: una sinistra dissoluzione Fotografia di una civilizzazione al capolinea: l'incarnazione ideale della post-modernità   di Roberto Pecchioli                        Una civilizzazione al capolinea         [...]

Lo slogan dell’impero: le famiglie gay non fanno male a nessuno

Lo slogan dell’impero: le famiglie gay non fanno male a nessuno

Mercoledì, 6 giugno / 2018  - di Roberto Pecchioli - con integrazioni e note a cura della redazione  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli,  Famiglie gay, aborto, Lorenzo Fontana, matrimonio  Lo slogan dell'impero: le famiglie gay non fanno male a nessuno Lo stesso copione si applicò per l'aborto. Dietro le quinte, i soliti ingegneri sociali, servi del sistema: liberisti, [...]

Come è triste il cristianesimo senza Dio!

Come è triste il cristianesimo senza Dio!

Venerdì, 13 ottobre/ 2017  – di Roberto Pecchioli -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Fede, Dio, Chiesa, Bergoglio, Modernismo, Verità   Come è triste il cristianesimo senza Dio! La verità non può essere messa ai voti: analisi logica  di un Cristianesimo modernista che ha dimenticato  di ricordare le verità fondamentali della fede   di Roberto Pecchioli       [...]

12 ottobre 2017Commenti disabilitatiRead

 

Dal metal al gay – Padre James Martin: chi è costui?

Dal metal al gay – Padre James Martin:  chi è costui?

Domenica, 9 luglio/ 2017   Sergio Basile  Redazione Quieuropa,  Sergio Basile,  Vaticano, Padre James Martin, Satanismo, Metallica, Gay, Poteri forti, gesuiti, Sant'Ignazio di Loyola   Dal metal al gay – Padre James Martin: chi è costui? Tendenze e gravissime esternazioni del nuovo responsabile del settore mediatico e della comunicazione del Vaticano                         “Probabilmente alcuni santi [...]

Guai a coloro che chiamano male il bene e bene il male

Guai a coloro che chiamano male il bene e bene il male

Mercoledì, Ottobre 7th, 2015 – di Patrizia Stella - Redazione Quieuropa,  Patrizia Stella, Prepariamoci alle grandi battaglie, scontro di civiltà, massoneria mondiale, Bergoglio, Gesù Cristo, Sinodo, Krzysztof Charamsa, Umberto Fasol, Stefano Fontana, i primi cristiani, S. Cecilia, S. Valeriano, S. Lucia, S. Agnese, S. Tommaso Moro,  martiri giapponesi e africani, S. Maria Goretti, Papa Benedetto, Guardare a Cristo  Società e religione – caos programmato e guerra aperta [...]

La religione dell’uomo – Un altro vangelo, opposto all’Eterna Parola di Dio

La religione dell’uomo – Un altro vangelo, opposto all’Eterna Parola di Dio

Martedì,  Ottobre 6th/ 2015     - di Arrigo Muscio - Redazione Quieuropa, Arrigo Muscio, Bergoglio, Pio IX. massone Garibaldi, Sovversione del Vangelo, Krzysztof Charamsam, Eugenio Scalfari, laicismo  La disarmante disinvoltura mondialista di Bergolgio: il preferito dalle lobby gay  La religione dell’uomo… Un altro vangelo opposto all'Eterna Parola di Dio Dalla commedia di Francesco negli Usa, a Mr. [...]

Chi sono io per giudicare la dottrina?

Chi sono io per giudicare la dottrina?

Martedì, 14 Febbraio/ 2017   di Roberto Pecchioli  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Dotttrina, Bergoglio, giudizio, Setta modernista   Chi sono io per giudicare la dottrina?  Il certosino lavorio della setta modernista per annacquare e sfaldare la dottrina e la buona battaglia da combattere in difesa della vera Chiesa di Cristo   di Roberto Pecchioli           [...]

14 febbraio 2017Commenti disabilitatiRead More

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa