La cospirazione eugenetica – 3 – La strategia della cripto-eugenetica

Martedì, 20 febbraio / 2018 

- di Thierry Lefévre 

 Redazione Quieuropa, Eugenetica, eugenisti,International Planned Parenthood, Birth Control      

La cospirazione eugenetica – 3 - La strategia della

cripto-eugenetica

L'ideologia della cultura della morte: "La Società (eugenetica)

dovrebbe inseguire scopi eugenetici utilizzando mezzi meno

vistosi, ossia mediante una politica cripto-eugenetica"

 

di Thierry Lefévre / La connexion eugéniste

LA STRATEGIA DELLA “CRIPTO-EUGENETICA”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Cripto-eugenetica: il più grande spiegamento    

Roma Il grande e nuovo spiegamento strategico dell'eugenetica è la cripto-eugenetica. La più illustre degli eugenisti fu Margaret Sanger (prima foto grande da sinistra), al tempo stesso socialista estremista e capitalista grazie al denaro proveniente dal suo secondo marito (l'industriale J. Noah Slee, produttore del famoso olio Three-In-One), fondatrice del Planning Familial (vedi manifesto – prima foto grande a destra), organizzazione che cambiò diverse denominazioni nel corso del XX secolo: dal 1922 al 1939, American Birth Control League («Lega Americana per il Controllo delle Nascite»); dal 1939 al 1942, Birth Control Federation of America («Federazione Americana per il Controllo delle Nascite); dal 1942 ai nostri giorni, Planned Parenthood («Paternità pianificata», o Planning Familial); nel 1952, tutte le associazioni nazionali si sono raggruppate nell'International Planned Parenthoood Federation (vedi logo in copertina – prima foto a destra in alto). Più oltre vedremo come, su consiglio di un consulente per le pubbliche relazioni, il movimento accettò, a malincuore, di abbandonare in pubblico il discorso rivoluzionario ed eugenetico per apparire come un promotore dei valori nazionali e familiari. Questa manipolazione guadagnò al Planned Parenthood l'ammirazione e il rispetto di quasi tutto i Paesi, e certamente di tutte le persone implicate nei servizi sociali.

                                    Dopo la Seconda Guerra Mondiale,

                anche la Società Eugenetica Americana cambiò strategia:

                                    essa passò alla cripto-eugenetica

                          senza modificare uno iota dei suoi obiettivi.

 Osborn e l'esaltazione dell'eugenetica di Galton  

Nell'aprile del 1956, Frederick Henry Osborn (1889-1981) (vedi foto in copertina: la seconda grande da sinistra), che aveva presieduto l'Eugenics Society americana dal 1946 al 1952, dichiarò:«Sono passati ottantasei anni da quando Galton (vedi foto in copertina: la seconda grande da destra) ha pubblicato la sua opera "Il genio ereditario"; ottantasei anni fa

                         egli considerava il movimento eugenetico

         come qualcosa che avrebbe fatto piazza pulita del mondo

   e avrebbe finalmente reso l'uomo l'unico padrone incontrastato

                                   del proprio destino sulla Terra.

 Accettare l'idea d'inferiorità                                     

Ciò non si è verificato. Il movimento eugenetico è solamente un piccolo pugno di uomini sparsi in molti Paesi; qui in Inghilterra, negli Stati Uniti, in India e in Francia. Essi non influenzano l'opinione pubblica. Anche la parola "eugenetica" è screditata in alcuni luoghi.

                         Credo tuttavia sempre al sogno di Galton.

Anche la maggior parte di voi, penso. Dobbiamo chiederci: dove abbiamo fallito? Credo che abbiamo omesso di prendere in considerazione un tratto caratteriale quasi universale ben radicato nella natura umana. Le persone non vogliono semplicemente accettare l'idea che la base genetica che forma il loro carattere è inferiore e non dovrebbe essere ripetuta nella generazione successiva. Abbiamo chiesto a gruppi interi di persone di accettare questa idea.

 Una "decisione intelligente"                                     

Essi hanno costantemente rifiutato, e noi non abbiamo fatto altro che uccidere il movimento eugenetico.

       Le persone accetteranno l'idea di un difetto ereditario specifico.

                  Esse si recheranno in una clinica sull'ereditarietà

                          a chiedere quale è il rischio di concepire

                                    un bambino handicappato.

Paragonaneranno questo rischio alla probabilità di avere un bambino sano,

                e finiranno per prendere una decisione intelligente.

Ma non accetteranno mai l'idea di essere di seconda scelta. Dobbiamo quindi poggiare su altre motivazioni. In circostanze normali, le persone hanno un numero di bambini in proporzione alla loro capacità di prendersene cura. Se si sentono finanziariamente sicure, se non temono di assumersi delle responsabilità, se sono affettuose, se sono fisicamente sane e competenti, è probabile che avranno una famiglia numerosa, purché abbiano ricevuto un ragionevole condizionamento in questo senso.

 Un sistema di selezione volontaria incosciente     

In compenso, quelle che sono incapaci di mantenere i loro figli, se temono le responsabilità, se sono poco affettuose, non vogliono avere molti bambini. Se dispongono di mezzi efficaci per la pianificazione familiare, non ne avranno molti. I nostri studi hanno dimostrato che ciò è vero in tutto il mondo.

               Su una tale base, è sicuramente possibile costruire

                  un sistema di selezione volontaria incosciente.

 Ma gli argomenti addotti devono essere accettabili in modo generale.

Smettiamo di dire a tutti che hanno una qualità genetica globalmente inferiore, perché non saranno mai d’accordo. Poggiamo le nostre proposte sul desiderio di avere dei bambini (nati) nei focolai domestici dove beneficeranno di cure affettuosissime e responsabili; forse allora le nostre proposte verranno accolte. Mi sembra che se l'eugenetica vuole progredire come dovrebbe, deve seguire nuove politiche e riaffermarsi, e di questa rinascita potremmo vedere con i nostri occhi raggiungere gli scopi elevati che Galton gli aveva fissato» (1).

(1) Cfr. Eugenics Review, aprile 1956, v. 48, nº 1.

LA STRATEGIA DELLA “CRIPTO-EUGENETICA”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Il mito della supremazia della razza bianca         

Si dice spesso che Osborn sia stato il padre della riforma del movimento eugenetico dopo la Seconda Guerra Mondiale, dicendo che lo ha epurato dal suo razzismo. Tuttavia, la stessa persona che conduceva questa «riforma», fu segretamente il Presidente del Pioneer Fund dal 1947 al 1956. Il Pioneer Fund è un'organizzazione molto conosciuta perché esalta la supremazia della razza bianca (in foto il logo dell'associazione per la supremazia della razza bianca – prima foto piccola da destra, in basso). Evidentemente, un razzista (seppure in segreto) non può disprezzare il razzismo; può forse condannare il razzismo aperto, pur conservando una politica che si può definire «cripto-razzista».

                                    ( Frederick Henry Osborn )

 Una politica di cripto-eugenetica                         

Nel 1973, la Società Eugenetica Americana cambiò denominazione: oggi si chiama Society For the Study of Human Biology («Società per lo studio della Biologia Sociale»). Alla fine degli anni '50, il Dr. Carlos Paton Blacker, che era stato un dirigente dell'Eugenics Society nel 1931 (prima Segretario, poi Segretario generale, poi Direttore ed infine Presidente), fece questa proposta:

              «La Società (eugenetica) dovrebbe inseguire scopi eugenetici

   utilizzando mezzi meno vistosi, ossia mediante una politica cripto-eugenetica,

        la quale è apparentemente riuscita nell'"Eugenics Society" americana».

 Cripto-eugenetica: la strategia Unesco                 

Nel 1960, una proposta di Blacker fu adottata dall'Eugenics Society inglese. Questa risoluzione tra l'altro dichiarava: «Le attività della Società nella cripto-eugenetica dovrebbero essere portate avanti con vigore. In particolare, la Società dovrebbe aumentare il suo sostegno finanziario alla F.P.A. ("Associazione per la Pianificazione Familiare", il ramo inglese del Planning Familial) e all'"International Planned Parenthoood Federation", e mettersi in contatto con la "Society For the Study of Human Biology", che conta già numerosi membri attivi, per vedere se ci fossero alcuni progetti interessanti che l'"Eugenics Society" potrebbe appoggiare». L'International Planned Parenthoood Federation era nata dall'Eugenics Society. Nel momento in cui questa risoluzione fu adottata dall'Eugenics Society inglese, Blacker era il Presidente amministrativo dell'International Planned Parenthoood Federation.

 L'Unesco e l'etica dell'ingegneria sull'uomo        

Il numero di settembre del 1994 del bollettino dell'U.N.E.S.C.O., il cui primo Segretario generale fu il Presidente dell'Eugenics Society inglese, trattò di bioetica, o più esattamente dell'

                                        «etica dell'ingegneria sull'uomo».

Georges B. Kutukdjian, filosofo ed antropologo, responsabile dell'unità di bioetica dell'U.N.E.S.C.O., precisò la posizione di quest'ultima: «la prima domanda che dev'essere posta è in relazione alla diagnosi pre-impiantatoria praticata sugli embrioni fecondati artificialmente che, a causa della sua grande semplicità e del suo basso costo, ha tutte le probabilità di sostituire la terapia genica nei casi, rari, di malattie genetiche. Ciò implica una scelta (leggi "selezione"; N.d.R.) la cui cornice è definita già in termini etici. La seconda domanda è di sapere se il lavoro che viene attualmente compiuto non rischia di concentrarsi strettamente sui geni che riguardano il comportamento delle persone – la loro sessualità, ad esempio – i loro talenti e le loro capacità, e anche le loro "deviazioni". Ciò potrebbe condurre ad una sorta di riduzionismo genetico in cui le persone sarebbero definite esclusivamente nei termini del loro genoma, o ad una situazione in cui alcuni individui o gruppi potrebbero essere stigmatizzati dalla società, ostracizzati o anche eliminati. Ciò equivarrebbe ad adottare una politica eugenetica». Questo discorso costituisce un notevole tentativo di sovversione del linguaggio: l'eugenetica non sarebbe più la scelta e la selezione degli uomini secondo i metodi riservati agli animali, ma quasi unicamente un rimedio agli eventuali eccessi di una elevata tecnologia oggi irrealizzabile. Questo scivolamento semantico è condiviso da una buona parte dei media e della popolazione che non vedono l'«eugenetica democratica» che Testart denuncia.

Thierry Lefévre - La connexion eugéniste

partecipa al dibattito:
 

infounicz.europa@gmail.com / redazione.quieuropa@gmail.com

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

________________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                           

La cospirazione eugenetica – L’ideologia della cultura della morte

La cospirazione eugenetica – L’ideologia della cultura della morte

Domenica, 18 febbraio / 2018  - di Thierry Lefévre -   Redazione Quieuropa, Eugenetica, cultura, ideologia della morte, Darwin, Massoneria, New Age  La cospirazione eugenetica L'ideologia della cultura della morte e i suoi mentori occulti e manifesti                   Do what thou wilt («Fa ciò che vuoi»)                   [...]

La cospirazione eugenetica – 2 – Chi sono gli eugenisti?

La cospirazione eugenetica – 2 – Chi sono gli eugenisti?

Lunedì, 19 febbraio / 2018  - di Thierry Lefévre -   Redazione Quieuropa, Eugenetica, eugenisti,International Planned Parenthood Federation, ONU   La cospirazione eugenetica - 2 - Chi sono gli eugenisti? L'ideologia della cultura della morte: identità, organizzazioni e politiche degli eugenisti   di Thierry Lefévre / La connexion eugéniste                        Chi sono gli eugenisti?    [...]

Agenda 21: i piani degli illuminati per sterminare l’umanità

Agenda 21: i piani degli illuminati per sterminare l’umanità

Venerdì,  6 Maggio/ 2016  - a cura di Floriana Castro Agnello / Antimassoneria  - Redazione Qui Europa, Redazione Antimassoneria, Floriana Castro, Agenda 21, Henry Kissinger, Signoria di Gesu’ Cristo, terrarealtime, ritornare alla nostra fede, microchip, Apostasia, Venuta Finale di Gesu’ Cristo sulla Terra, consumatori inutili, campi di concentramento FEMA, Rockefeller, Zbigniew Brzezinski, preghiera, conversione e penitenza, risveglio globale, modello di genocidio , citazioni malthusiane, Theodore Roosevelt, Paul Ehrlich, The Population Bomb, Mikhail Gorbachev, Henry Kissinger  Agenda 21: i [...]

Speciale. Aborto Procurato: la Crisi-Truffa e i Signori della Morte – 1

Speciale. Aborto Procurato: la Crisi-Truffa e i Signori della Morte – 1

Venerdì, Agosto 16th/ 2013 – QE Speciale - Aborto Procurato: La crisi-truffa e i Signori della Morte -  – di Luca Campanotto, Avv. in Rivignano (Ud) – Aborto, Aborto Procurato, IVG, Interruzione di Gravidanza, Luca Campanotto, Madre Teresa di Calcutta, crisi indotta dell'Eurozona, aborti e suicidi massificati, femminicidio, omicidio pluriaggravato prenatale, Aborto e Principi Costituzionali lesi, L.194/78 e IVG, La spirale uccide i bambini, Le abortiste [...]

Aborto, i Signori della Morte – Seconda Parte

Aborto, i Signori della Morte – Seconda Parte

Martedì, Ottobre 1st/ 2013  - Avv. Luca Campanotto, Rivignano (Ud) – Aborto, Aborto Procurato, IVG, Interruzione di Gravidanza, Luca Campanotto, aborti e suicidi massificati, omicidio pluriaggravato prenatale, Aborto e Principi Costituzionali lesi, L.194/78 e IVG, Eugenetica, Osservatorio nazionale sulle Politiche comunitarie, QuiEuropa    Speciale Aborto: i Signori della Morte – 2 Italia-Cina – Aborti "Terapeutici": Omicidi Eugenetici, Progetto per l'autodistruzione  [...]

I segreti della pillola anticoncezionale – dalla nascita ai veri obiettivi occulti – 2

I segreti della pillola anticoncezionale – dalla nascita ai veri obiettivi occulti – 2

Lunedì,  Aprile 27th/ 2015       - di Chiara Comini - Redazione Quieuropa, Chiara Comini, Pillola, anticoncezionali, Erin Brockovich, Michelle Garcia, Tim Byers, universita' del Colorado, Denver, betacarotene, tumore dei polmoni, selenio, tumori della pelle, vitamina E, tumore della prostata, Acido folico e vitamina B , cancro del colon, Essure, Bayer, Enovid, Club di Roma, la Corte Costituzionale abroga l’art. 533 del codice penale, Rockefeller, controllo della popolazione, NichoLas Rockefeller, Hugh Hefner, premio Nobel Frederick Robbins, Richard Nixon, Rapporto Kissinger  NSSM 200 del [...]

I segreti della pillola anticoncezionale, la morte in pastiglia – 1

I segreti della pillola anticoncezionale, la morte in pastiglia – 1

Venerdì,  Aprile 24th/ 2015       - di Chiara Comini - Redazione Quieuropa, Chiara Comini, Pillola, anticoncezionali, Erin Brockovich, Michelle Garcia, Tim Byers, universita' del Colorado, Denver, betacarotene, tumore dei polmoni, selenio, tumori della pelle, vitamina E, tumore della prostata, Acido folico e vitamina B , cancro del colon, Essure, Bayer, Yaz e Yasmine, Erin Brockovich. Michelle Garcia, trombosi e embolie polmonari, Marion, Meliane, Jane Bennett e Alexandra Pope, La Pillola. È la scelta giusta per te?, fonti scientifiche indipendenti , testimonianze, prodotto [...]

La Scuola di Francoforte: la congiura della corruzione – Prima Parte

La Scuola di Francoforte: la congiura della corruzione – Prima Parte

Martedì,  Maggio 5th/ 2015       - di Timothy Matthews - Redazione Quieuropa, Centro San Giorgio, Timothy Matthews, Scuola di Francoforte, Paolo Baroni, società comunista, Satana lavora nell'ombra, Satana lavora nel silenzio, Joseph de Maistre, Hegel, da Marx, da Nietzsche, da Freud e da Weber, Istituto Marx-Engels di Mosca, Lenin, György Lukács, Willi Münzenberg, Felix Weil, Università di Tübingen e di Francoforte, Martin Jay, Carl Grünberg, Max Horkheimer, Adolf Hitler, Columbia, [...]

La Scuola di Francoforte: dalle droghe al gender – Seconda Parte

La Scuola di Francoforte: dalle droghe al gender – Seconda Parte

Giovedì,  Giugno 25th/ 2015       - di Timothy Matthews - Redazione Quieuropa, Centro San Giorgio, Timothy Matthews, Scuola di Francoforte, Paolo Baroni, società comunista, Satana lavora nell'ombra, Satana lavora nel silenzio, Università di Tübingen e di Francoforte, Martin Jay, Carl Grünberg, Max Horkheimer, Adolf Hitler, Columbia, Princeton, Brandeis, California, Bibbia, Famiglie, Corruzione programmata, Università, Nevitt Sanford, Aldous Huxley, L'impatto della scienza sulla società, uso delle droghe psichedeliche, Joseph Califano [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa