Il Vero Volto del Consumismo e l’inganno del Rapporto Debito/PIL

Giovedì, Ottobre 3rd/ 2013

 - di Gerardo Campagna - Sete di Giustizia - e Sergio Basile -

Italia, Aumento Iva, Gerardo Campagna, Sete di Giustizia, Sergio Basile, Debito Pubblico, Rapporto Debito/Pil, Eurozona, Limiti del Consumismo, Parlamento, Gioco delle parti, Soviet, Ue, Eurss, Barroso, Movimento 5 Stelle, Casta Partitica filo-europeista, BCE, Opere pubbliche e interessi sul debito 

Il Vero Volto del Consumismo e l'inganno del

Rapporto Debito/PIL

Eurozona – Falso Mito ed Insostenibilità del Consumismo.

Illimitatezza IrrazIonale e Insolvibilità del Debito Pubblico

nell'Eurogabbia

La Politica e il sottile gioco delle parti: chi non è fattivamente

contro il sistema e colluso col sistema… chiacchiere a parte!

 

di Gerardo Campagna e Sergio Basile

L'Inganno del rapporto Pil - Debito Pubblico

 L'illusoria lotta per la "Crescita" e il rapporto Debito/Pil                              

Roma - di Gerardo Campagna e Sergio Basile Uno dei parametri di maggiore uso e importanza nell’economìa attuale è il rapporto Deficit/PIL, che attualmente è fissato per l’Eurozona, dai trattati comunitari, al 3%. Ma analizziamo meglio questo rapporto, scoprirete cose davvero interesanti, potete giurarci! Avremo dunque un quadro più chiaro sulla reale portata delle cosiddette ultime "lotte politiche-economiche" per la "crescita" poste in essere dai nostri politici e sulle contestuali e connesse farse parlamentari di ieri e degli ultimi anni… 

 Illimitatezza irrazionale del Debito nel rapporto col PIL                              

Innanzitutto, analizzando il rapporto Debito/Pil, possiamo constatare come il numeratore (cioè il deficit, o debito) sia una variabile che cresce indefinitamente nel tempo a causa degli interessi sull’emissione di moneta a debito, sullo stock di debito e sui titoli di stato. Il denominatore (cioè il PIL, o la produzione) è invece una variabile che, per sua natura, a causa delle capacità produttive e della saturazione del mercato, ha un limite fisico, rappresentato dall’indice tecnologico nel processo produttivo e dalla qualità della vita che incide sul livello e qualità della domanda. La funzione è quindi destinata a crescere indefinitamente, anche oltre il quoziente 3 (quello fissato in seno all'Eurozona), appunto per l’illimitatezza irrazionale del debito contro il limite fisico, o razionale, del PIL. Da qui possiamo parlare di insolvenza ineluttabile del debito pubblico, da non confondere con la considerazione puntuale dell’insolvenza dell’interesse. 

 Consumismo e Assoluta insolvibilità del Debito Pubblico                          

Il fenomeno denominato "consumismo" si inserisce dunque in tale funzione – relativamente al denominatore – nel tentativo di sostenere la validità matematica della funzione entro il limite del valore 3. Incentivando i consumi con una più numerosa e segmentata offerta, aumenta la domanda e di conseguenza la produzione. In tal modo la crescita del deficit – in teoria – viene controbilanciata da una crescita del PIL, al fine di rallentare la crescita della funzione. È evidente, però, che nell'economia reale, manuali e teorie a parte, anche il consumismo stesso ha un suo limite fisico: se si ipotizzasse per assurdo una popolazione col 100% di ricchi, essi raggiungerebbero comunque una soglia di stazionarietà, anche a pieno regime di sfarzi, lussi ed eccessi. Lo stesso vale per la produttività, il cui limite fisico è rappresentato dall’indice di robotizzazione assieme alla manodopera, e di risorse o di energia disponibili. Si ribadisce ancora una volta, pertanto, l’assoluta insolvibilità del debito pubblico, o, se vogliamo, in maniera più razionale, la certezza matematica della crescita indefinita della funzione, che quindi si rivela falsa. Pertanto tale parametro "DEF/PIL < 0,03" è di per se assolutamente inconciliabile con dinamiche economiche che possano essere davvero confacenti alle esigienze reali di una comunità nazionale. Specie, poi, in condizioni recessive e sotto i ricatti di politiche di austerity e patti di "stabilità". A meno ché la nostra analisi non si rivolga, evidentemente, ad un regime e/o ad un modello sociale di sampo stalinista: incentrato storicamente sulla privatizzazione delle banche centrali e sulla compressione ed omogeneizzazioni dei liveli di consumo e di vita dei popoli.

Dittatura Italia: Benvenuti nello stato liberista di “benessere socialista”

Dittatura Italia: Benvenuti nello stato liberista di “benessere socialista”

 

 

 

 Falso Mito e Insostenibilità del Consumismo                                              

Il consumismo, a cui dovrebbe conseguire una sempre maggiore produttività, è quindi un tentativo vano di sostenere razionalmente l’ineluttibilità del debito, aggravato peraltro dalle rendite finanziarie ed altre forme di trading, che svuotano, succhiandone il valore, l’economìa reale che, a sua volta, indirettamente, causa l’insostenibilità del consumismo stesso. Il consumismo è in definitiva un fattore di ordinarietà nel sistema della moneta-debito. È cioè necessario affinchè il sistema di moneta-debito funzioni, seppure in maniera consapevolmente limitata nel tempo a causa della naturale insolvenza aggravata dalla finanziarizzazione dell’economìa.

 Il Nodo dell'IVA e l'imbroglio delle accise                                                      

Oltre il significato matematico e locale del rapporto DEBITO/PIL, la variabile PIL, legata alla domanda - e quindi ancora una volta al c.d. "consumismo" - è anche funzione della variazione dell’indice dei prezzi, la quale a sua volta costituisce il parametro più importante della politica monetaria della BCE: parliamo in tal senso di tasso d'inflazione obiettivo, che è attualmente fissato al 2%. Appare evidente come tale obiettivo, nel momento in cui viene fissato proprio dall’ente emittente, si possa perseguire anche con una politica monetaria “generosa” a fronte di uno stallo dei prezzi e quindi del PIL, che, nel lungo periodo, causa a sua volta ricadute sull’occupazione. In Italia, di fronte all’ultimo ulteriore, recessivo  e folle aumento delle imposte principali legate all’IVA (lievitata al 22%, come accaduto per altro nella martoriata e devastata Grecia, nei mesi scorsi ) e dinnanzi alla lievitazione delle accise sui carburanti (già per altro illegittime e paradossali/illegali anche prima degli ultimi aumenti – vedi articoli sotto in allegato) non possiamo parlare che di rallentamento del sistema funzionale alla creazione di ricchezza. Pertanto in questo bizzarro sistema economico gabbia incentrato sulla moneta “debito” – sistema pur sostenibile nel breve perìodo, ma inconcepibile e distruttivo nel medio-lungo termine – si passa a una fase di politica protezionistica attraverso la riscossione del debito e l’imposizione fiscale su consumi, risparmio e ricchezza capitalizzata. Ultimo stadio forzato di questo sistema non può che essere l'alienazione forzata della proprietà.

Pazzie di fine estate: Ruolo Bce, caro carburanti e speculazione sul Patrimonio Nazionale

Pazzie di fine estate: Ruolo Bce, caro carburanti e speculazione sul Patrimonio Nazionale

 

Caro carburante – Accise e Speculazione annientano anche l’agricoltura

Caro carburante – Accise e Speculazione annientano anche l’agricoltura

 

 Stato Europeista - Eccezionale macchina da Confisca                                 

Lo Stato si trasforma dunque in una straordinaria macchina di confisca, privatizzazione, concentrazione capitalistica e distruzione dell'economia reale. Anche perchè, sull'altro fronte, lo sdoganamento dell'emissione su larga scala ed incontrollata di titoli del debito pubblico (co-promosso nei tre decenni precedenti proprio dal "liberale" – o liberal-socialista? – Mario Monti: consulente finanziario dei governi succedutisi a cavallo tra anni '70 e '80 – vedi allegati sotto) ha fatto scoppiare ancor più tale rapporto. In merito va ricordato come proprio nel 1981 un giovane "promettente" di nome "Monti Mario", fresco di laurea presso la Yale University, iniziò a collaborare in veste di consulente finanziario, con il governo e di lì in poi con tutti i governi italiani succedutisi. Proprio nel 1981 il debito iniziò a salire "stranamente" fino a sfiorare il 120%, cioè iniziò curiosamente a scoppiare. Non è un caso, pertanto, tornando al rapporto Debito/Pil, che tutto questo in Europa non abbia funzionato. Il difensore dei popoli, il Prof. Romano Prodi, espressione e sintesi perfetta della sinistra lobbistica e filo-europeista – ci chiediamo – poteva non sapere ciò, mentre a Bruxelles inaugurava e benediva tale euro-gabbia? E Amato? A voi la risposta!

Schiavi di un Debito Illegale, Capitolo 5 – Denaro e Banche: i Segreti dei nuovi Padroni del Mondo

Schiavi di un Debito Illegale, Capitolo 5  – Denaro e Banche: i Segreti dei nuovi Padroni del Mondo

 

 

 

 

Media, Propaganda & Co: Non esiste alcuna Ricetta della casta per salvare l’Italia

Media, Propaganda & Co: Non esiste alcuna Ricetta della casta per salvare l’Italia

 

 

 

 

 Paradossi - Opere Pubbliche mai finite e Interessi sul Debito                   

Ma questo, in aggiunta, a ben vedere, è lo stesso motivo per il quale in Italia tante opere pubbliche vengono iniziate, o a volte solo progettate, per non essere mai portate a termine o rese funzionali. Perversi meccanismi che vanno anche a spiegare come mai il governo Letta (come del resto i precedenti, tecnici e non) non abbia minimamente pensato di riformare l'emorragia da costo per interessi su titoli: le somme che l'Italia ha pagato – come ci ricorda anche Alessandro Mauceri – tra il 1980 e il 2012 ammonterebbero a 3.101 miliardi di Euro (somma attualizzata al 2012) con interessi in percentuale pari al 198% del PIL. In realtà, negli ultimi 20 anni, gli Italiani hanno pagato quasi 2000 miliardi di Euro di interessi (valori attualizzati) e lo Stato ha realizzato saldi primari attivi per 740 miliardi (dati attualizzati al 2012). Eppure il debito pubblico che grava sulle spalle degli italiani continua a crescere, avendo già superato abbondantemente la cifra astronomica di 2.050 miliardi di Euro. Stratagemma che apre all'italia le porte del super-commissariamento da parte dell'EURSS del soviet Barroso, gettando gli Italiani sempre più tra le braccia accoglienti della Troika. Senza dimenticare le quote di adesione al MES da versare. Siamo oggi, in pratica, in una dittatura sostanziale di stampo liberal-socialista mascherata dietro la parola "Democrazia".

 Per cortesia non parlateci di "Crisi"                                                                     

Per cortesia, non parlateci di "crisi". Chiamatelo imbroglio, crimine contro i popoli e le nazioni, suona meglio… molto meglio! Cosa fare, allora, per divincolarsi da questa gabbia prima della definitiva morte? Beh iniziare ad evadere dall'euro-gabbia, caste partitiche di maggioranza a parte e con o senza l'appoggio dei "distratti" vertici del Movimento 5 Stelle, che – a scapito di molti grillini di buona volontà che evidentemente credono ancora al movimento e spesso, loro malgrado, alle favole… - predicano bene e razzolano male, anzi malissimo, e specie quanto si affrontano seriamente temi centrali come la fuoriuscita dall'euro, la conquisa della sovranità monetaria e la proprietà popolare della moneta (vedi articolo in allegato).

 Il gioco delle parti                                                                                                      

Ma a ben vedere neppure le poche – e spesso contraddittorie - parole dette bastano, ci vogliono i fatti! Mantenere in piedi la legittimità di un Parlamento che avalla tutto ciò, con la sola presenza fisica all'interno delle Camere degli esponenti della stessa cosiddetta "antipolitica", limitandosi magari ad "accorati e sporadici moniti" (come avvenuto ieri in Parlamento) equivale anch'esso ad un piccolo-grande crimine. Chiacchiere e distintivi a parte, infatti, chi non è apertamente e fattivamente contro il sistema, è evidentemente colluso col sistema stesso, custodendo le chiavi dell'Euro-Gabbia, malgrado le apparenze e le strategie dissimulative spesso e volentieri messe in campo e sbandierate sul web a ritmi alterni. Sveglia Italiani!!!

Gerardo Campagna, Sergio Basile  (Copyright © 2013 Qui Europa)  

______________________________________________________________________________________________________________________________

 Seguici anche su Face-Book                                                                                                            

Seguici anche su Facebook

COMUNITA' Qui Europa https://www.facebook.com/quieuropa.it?fref=ts

______________________________________________________________________________________________________________________________

 Articoli e Video correlati                                                                                                                  

Qui Europa - Video - http://www.youtube.com/watch?v=q9oySOXZ3y0
Che fine ha fatto la battaglia di Grillo-Casaleggio
contro l'euro?

 

Euro – La Coerenza del Grillo e la Morte dell’Italia

Euro – La Coerenza del Grillo e la Morte dell’Italia

Sabato, Settembre 28th/ 2013 – di Daniele Di Luciano -   Crisi democratica, Video, Daniele Di Luciano, Italia, privatizzazione, moneta unica, euro, Beppe Grillo, coerenza e parole al vento, sovranità monetaria, Auriti, Marcia in dietro  Euro - La Coerenza del Grillo e la Morte dell'Italia Moneta Unica – Grillo prima: “Uscire dall’Euro!” Grillo dopo: “Mai detto di uscire [...]

Teatro all’Italiana – Neppure Fellini avrebbe osato tanto!

Teatro all’Italiana – Neppure Fellini avrebbe osato tanto!

Sabato, Settembre 28th/ 2013 – di Sergio Basile -   Crisi di governo, Italia, privatizzazione, Letta, Berlusconi, Napolitano, Lettera aperta di Brunetta e Schifani, M5S, Signoraggio bancario, porcellum, Wall Street, banchieri, devastazione dell'Italia, teatranti, commedianti, bluff  Teatro all'Italiana - Neppure Fellini avrebbe osato tanto! La Crisi di Governo e la grandezza del teatro Made in Italy. Retroscena e [...]

Dallo Shutdown Usa a quello Italico: fili spezzati

Dallo Shutdown Usa a quello Italico: fili spezzati

Mercoledì, Ottobre 2nd/ 2013  - di C. Alessandro Mauceri e Sergio Basile – Obama, Letta, Berlusconi, Missioni di Pace, guerra in Afganistan, Siria, Regno Unito, ONU, Casa Bianca, Grand Old Party, ‘shutdown’, Libano, Kossovo, Somalia, HOMO POLITICUS, CNEL, Eurostat  Dallo Shutdown Usa a quello Italico: fili spezzati  La fine del modo di fare politica dei vari Obama, [...]

Ecco perché evadere le tasse può essere Lecito e Doveroso

Ecco perché evadere le tasse può essere Lecito e Doveroso

Mercoledì, Settembre 5th/ 2012 – L'Editoriale di Sergio Basile -  Ue / Italia / crisi eurozona / Mario Monti / Casta parlamentare / MES / Evasione Fiscale / Faccenda notarile / San Tommaso d'Aquino / Sant'Agostino / Morale cattolica / Padri della Chiesa / Debito illegale / Legge iniqua / Abuso di potere / Tasse giuste [...]

Austria – Premiato Strache: No all’Euro e all’Islamizzazione dell’Europa

Austria – Premiato Strache: No all’Euro e all’Islamizzazione dell’Europa

Martedì, Ottobre 1st/ 2013  - Redazione Qui Europa - Austria, Italia, Olanda, Vienna, Milano, Heinz Christian Strache, Andreas Mölzer, FPÖ e Lega, Ius Soli e Iper-immigrazione, no euro, Wilders, Jörg Haider, partito antieuropeista, Borghezio  Austria – Premiato Strache: No all'euro e all'Islamizzazione dell'Europa FPÖ e Lega: prove di dialogo tra partiti euroscettici all'Europarlamento. Spunta anche Wilders Milano, 4 Ottobre - Convegno su "Ius Soli" e iper-mmigrazione   Redazione Qui Europa  Strache tifa [...]

Rubrica – Schiavi Moderni, Terza Parte – La Profezia di Thomas Jefferson

Rubrica – Schiavi Moderni, Terza Parte – La Profezia di Thomas Jefferson

Lunedì, Settembre 23rd/ 2013   – Qui Europa – Rubrica, "Schiavi Moderni", di Cosimo Massaro – Italiani, Riconquistiamo la Sovranità Monetaria, per  Uscire dalla Crisi-Truffa Schiavi Moderni, Cosimo Massaro, Crisi truffa, Euro, Sovranità Monetaria,Richard Nixon, Thomas Jefferson, Adam Weishaupt, Casa Rothschild, Accordi di bretton Woods, Imperialismo Usa, Seconda Guerra Mondiale, Multinazionali e Mercatismo, Dedito Pubblico e facciata Liberal Democratica, [...]

Rubrica – Schiavi Moderni, Prima Parte – Dalla Nascita della Moneta all’Inizio della Scalata Bancaria

Rubrica – Schiavi Moderni, Prima Parte – Dalla Nascita della Moneta all’Inizio della Scalata Bancaria

Lunedì, Settembre 23rd/ 2013   – Qui Europa – Rubrica, "Schiavi Moderni", di Cosimo Massaro – Italiani, Riconquistiamo la Sovranità Monetaria, per  Uscire dalla Crisi-Truffa Schiavi Moderni, Cosimo Massaro, Crisi truffa, Euro, Lira, Giacinto Auriti, Sovranità Monetaria, Goethe, Nascita della Moneta, Baratto, Metalli preziosi, Convenzioni Sociali, Conio e Signoraggio, L'Agio del signore, Moneta cartacea e Moneta Digitale, Prima Forma [...]

______________________________________________________________________________________________________________________________

 Per non Dimenticare                                                                                                                        

Schiavi di un Debito illegale – 2ª Parte: Il Grande Inganno di Mario Monti

Schiavi di un Debito illegale – 2ª Parte: Il Grande Inganno di Mario Monti

Martedì, Giugno 26th / 2012 – L'Editoriale, di Sergio Basile – Debito pubblico illegale / Unione europea / Eurozona / Commissione europea / Consiglio europeo / Parlamento europeo / Stati Ue / Trappola del debito / Gabbia del Debito / Schiavi di un debito illegale / Economia della Truffa / Rating / Spread / Titoli [...]

Trani inguaia Moody’s. Gli Scheletri nell’armadio di Monti

Trani inguaia Moody’s.  Gli Scheletri nell’armadio di Monti

Sabato, Luglio 14th/ 2012 – di Sergio Basile – Italia / Banche e Finanza / Agenzie di rating / Procura di Trani / Moody's / Declassamento Nuovo ai danni dell'Italia / Ross Abercromby / Vice president / Senior analyst financial institutions group / Moody’s Investors Service / Johannes Wassemberg / Managing director financial institutions / Michele Ruggiero [...]

Crisi di Governo – Da Beckett a Monti al Cavaliere: l’evoluzione del teatro dell’Assurdo

Crisi di Governo – Da Beckett a Monti al Cavaliere: l’evoluzione del teatro dell’Assurdo

Lunedì, Dicembre 10th/ 2012 – L'Editoriale del Lunedì, di Sergio Basile -   Crisi di Governo – Da Beckett a Monti al Cavaliere: l'evoluzione del teatro dell'Assurdo / Italia / Mario Monti / Samuel Beckett / Dimissioni / Governo tecnico / Fiscal Compact / Trilateal Commission / Giorgio Napolitano / Iva e Irpef / teatro dell'assurdo / nuova stagione teatrale / Bruxelles / Mario Mauro [...]

Imprese: Natale da dimenticare! – Intanto a Roma va in scena la “Crisi di Governo”

Imprese: Natale da dimenticare! – Intanto a Roma va in scena la “Crisi di Governo”

Venerdì, Dicembre 7th/ 2012 –  di Maria Laura Barbuto – Imprese/ Imu / Italia / Roma / Milano / Economia / Crisi / Imprese / Imprenditori / Tredicesime / Licenziamenti / Prestiti / Banche / Stretta Creditizia / Associazione Artigiani e Piccole Imprese CGIA / Giuseppe Bortolussi  Per le imprese non sarà un Felice Natale! Mancate [...]

Italia – Scandalo caro carburante: Associazioni dei Consumatori sul Piede di Guerra

Italia – Scandalo caro carburante: Associazioni dei Consumatori sul Piede di Guerra

Giovedì, Settembre 20th/ 2012 – di Federica Santoro –  Italia / Caro carburanri / Accise statali / Media europea / Crisi di Suez / Guerre coloniali / IMU / Regno Unito / Svezia / Diesel / Benzina / Governo Monti / Decreto sull'accisa mobile / Ministero dello Sviluppo Economico / Associazioni dei Consumatori / Piede [...]

Cari Amici, ecco come ci stanno prendendo per i fondelli

Cari Amici, ecco come ci stanno prendendo per i fondelli

Mercoledì, Luglio 11th/ 2012  – di Sergio Basile – Unione europea / Eurogruppo / Eurovertice / Bruxelles / Bce / Banca centrale Europea / Francoforte / Italia / Mario Monti / Manuel Barroso / Fondi Anti-Spread / Fondo Salva Stati / MES /Klaus Repling / Disgrazie / Peso sui cittadini / Immobilismo sostanziale della Bce [...]

Buone notizie per Bce & Co – Banchieri a nozze con titoli di stato e Esm

Buone notizie per Bce & Co – Banchieri a nozze con titoli di stato e Esm

Martedì, Marzo 27th / 2012 – di Franco De Domenico -  Europa / Banca Centrale Europea / Fondo Salva Stati / Italia / Grecia / Spagna / Irlanda  Buone notizie per Bce & Co - Banchieri a nozze con titoli di stato e Esm Fondo Salva–Stati: un buon investimento! Ma per chi? Bruxelles – Di quanto, [...]

La Grande Balla dello spread. Lo squalo che divora l’Europa

La Grande Balla dello spread. Lo squalo che divora l’Europa

Domenica, Marzo 25th / 2012 – di Sergio Basile – Italia / Unione Europea / Economia / Riforma del Lavoro / Finanza / Spread / Rating / Agenzie di rating / Bugie / Speculazione / Tasse / Squali / Indebiti arricchimenti / Riforma dell’articolo 18 / Precarietà / Dominio delle banche / Lobbies / Monti [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa