Giacinto Auriti – Chiesa e Stato: la radice filosofica della più grande sopraffazione della Storia

Domenica, 5 novebre / 2017 

- di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri -

 Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, L'Alternativa, Chiesa e Stato, sopraffazione storica, Roma 

Giacinto Auriti – Chiesa e Stato: la radice filosofica

della più grande sopraffazione della Storia

L'equivoco del razionalismo, del diritto positivo e della "democrazia"

quali strumenti di usurpazione della legge divina,

dell'etica e della legge morale

 

di Giacinto Auriti /  L'Alternativa n. 2 - 1° giugno 1973 

Seguici anche su facebook - Giacinto Auriti: ricordi e pensieri

GIACINTO AURITI — CHIESA E STATO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Diritto positivo: strumento creato dall'uomo      

Roma, Guardiagrele (Ch) di Giacinto Auriti - L'insufficienza logica del razionalismo che si esprime in uno Stato costituzionale come Stato di puro diritto, è fondamentalmente quella di dare una giustificazione giuridica del Diritto.

               Poiché il diritto positivo è uno strumento creato dall'uomo,

                       esso non è mai un momento primario dello spirito,

perché ogni strumento è condizionato nelle sue caratteristiche e nella struttura

                          dalla scelta precedente dello scopo cui serve.

 L'equivoco del razionalismo                                    

                             L'equivoco del razionalismo consiste nel

                              pretendere di trovare nello strumento

                 la sua giustificazione razionale alla stessa razionalità.

Quando, infatti, il razionalismo ricusa ogni principio trascendente, riconosce il diritto all'uomo di stabilire ciò che è razionale e ciò che non lo è, autorizzando a decidere arbitrariamente fino al limite di poter confondere razionalità e pazzia e viceversa. Questo principio opera sostanzialmente nel riconoscere al potere politico il diritto di decidere, graduare e modificare il fine etico e razionale della legge.

Mentre, infatti, secondo gli schemi della scuola giusnaturalista e cristiana

           il principio etico e religioso era trascendente e immutabile,

                             cioè sottratto alle scelte del sovrano,

              sicché la distinzione fra legge giusta e legge invalida,

                       con lo schema razionalista e anticristiano,

       il concetto di legge valida coincide con quello di legge giusta.

 Costituzione: altra creatura della legge positiva 

Il nostro ordinamento costituzionale, esprime questa valutazione mediante la Corte Costituzionale, che decide in concreto della legittimità della legge, in base al

        semplice parametro dell'adeguamento della legge positiva

                                  alla carta costituzionale,

                             che è un'altra legge positiva.

Con questo espediente si attribuisce ad ogni organo costituzionale,

    indeterminato nella sua caratteristica etica ed etico-religiosa,

il potere che tradizionalmente era riconosciuto alla Chiesa Docente.

Poiché è l'art. 7 della Costituzione pone i rapporti fra Chiesa e Stato sulla base dei Patti Lateranensi, considera questi rapporti contrattuali e paritetici, mentre è fin troppo evidente che le due potestà vanno collegate funzionalmente e gerarchicamente.

                         E' infatti il principio etico-religioso

                che deve informare l'ordinamento giuridico,

perché qualifica il fine alla legge positiva, creata dal potere politico, che deve adeguarsi come lo strumento si adegua allo scopo.

 Impossibilità di rapporto paritetico-contrattuale 

Ammettere la possibilità che tra potere politico e potere religioso possa instaurarsi un rapporto paritetico e contrattuale, significa ammettere che il potere religioso possa trattare con l'eticità della legge sul piano transattivo, cioè sul terreno del compromesso mediante concessioni alla controparte.

                 Ecco perché i rapporti tra Chiesa e Stato risentono oggi

                                             dei vizi di origine.

            La più macroscopica manifestazione di questo errore iniziale

                  emerge nel diritto di famiglia: es.: adulterio e divorzio.

 Tecnica per desacralizzare la norma                         

Quando, intatti, la Corte Costituzionale ha abolito il reato di adulterio, perché essendo limitato solamente alla moglie, cascava una disparità giuridica tra i coniugi, ha basato la sua scelta solo su una premessa di diritto positivo, mentre invece se avesse accolto il principio etico-religioso avrebbe dovuto, se mai, estendere anche il marito la medesima responsabilità penale prevista per la moglie.

         La capziosità del ragionamento sta qui dunque nell'aver mascherato

           sotto la parvenza di una mera giustificazione di tecnica giuridica

la sostanza di modificare il criterio etico informatore dell'ordinamento positivo,

                      e si è così completamente desacralizzata la norma.

Situazione analoga si presenta al divorzio, che è chiaramente incompatibile con l'insegnamento etico-religioso cristiano. Va da sé che siccome le diverse religioni conseguono fini etici differenti e quindi fra loro incompatibili, questi scopi non possono essere perseguiti contestualmente dal medesimo ordinamento. Ove si accettasse, infatti, il principio dell'indifferenza della scelta etico-religiosa rispetto all'ordinamento giuridico, così com'è previsto dell'art. 3 della Costituzione, si dovrebbe ritenere incostituzionale, per esempio, anche l'art. 556 c.p. che che contempla il reato di bigamia. Poiché ci sono religioni che riconoscono perfettamente morale la poligamia e poiché lo stesso art. 3 sancisce le pari dignità ed uguaglianza di tutte le religioni davanti alla legge, se taluno è musulmano e cittadino italiano, viene ad essere perseguito penalmente per un diritto che solamente gli viene riconosciuto dalla Costituzione. Senza dire che nella libertà religiosa dovrebbe essere compresa anche la scelta atea e allora dovrebbero trovare riconoscimento giuridico anche i conglomerati tribali dei beat con le loro comuni basate sul sesso e sulla mancanza di ogni legame giuridico, la cui vera espressione è una sorta di allevamento animaleE allora perché non giustificare il matrimonio tra pederasti?

 Distruzione sostanziale di ogni principio etico        

             Ci si accorge così che sotto l'apparenza della libertà religiosa

 si maschera la sostanza sia della distruzione di ogni sostanziale principio etico,

                 sia del relativismo morale che s'inserisce nella strategia

           per l'instaurazione di una nuova religione (mondialismo – Ndr).

 Usurpazione sulla potestà della legge morale          

                         Quest'arbitrio è una strategia culturale di dominazione,

perché quando il potere politico si arroga la potestà di stabilire l'eticità dell'ordinamento,

                                    usurpa anche le prerogative della Divinità.

La partecipazione dell'uomo alla natura divina non è più aspirazione alla perfezione intesa come rispetto della legge data dalla Divinità, ma come atto di superbia, cioè come usurpazione della potestà dì creare la stessa legge morale.

                  In questo momento il potere partecipa del peccato di Lucifero,

                                              diventa maledetto e diabolico.

Pretendere di valutare i rapporti tra Stato e Chiesa sulla base dei normali rapporti tra Stati, significa pretendere di limitare ad un ambito territoriale un principio etico religioso che per sua natura non ha confini, ed incapsulare in un involucro territoriale e giuridico un principio per sua natura universale.

 L'espediente per la chiusura nel ghetto territoriale 

Ci si accorge allora che il raffinato espediente delle scuole razionaliste di equivocare tra concetti di Stato Città del Vaticano e di Santa Sede, mira di fatto allo scopo di limitare la competenza della Chiesa a giudicare dell'eticità della legge solamente nell'ambito dello stato Città del Vaticano, e ciò con la

                                         conseguenza di ritenere illegittimo

                          ogni intervento della Chiesa nel terreno legislativo,

          giudicando questo intervento come interferenza di un'autorità straniera:

                               cioè come contesto di diritto internazionale.

E' chiaro allora che, sotto la pretesa di riconoscere alla Santa Sede un'autorità territoriale, si è conseguito lo scopo di rinchiudere l'universalità della Chiesa in un ghetto territoriale, equivoco questo commesso anche delle scuole del potere temporale dei Papi. Il concetto di libera Chiesa in libero Stato è inteso oggi come Chiesa al di fuori dello Stato e dalla posizione del contesto organico tra Chiesa e Stato. Allora i popoli non incontrano più nella loro via la verità, della Fede e la Chiesa non ha più popoli su cui diffondere il suo magistero.

 Servizio: legittimazione del potere                             

              L'interesse dunque che spinge il potere politico a questa scelta

             è di svincolare da ogni controllo etico il proprio comportamento.

Mentre Cristo insegna che la giustificazione del comando è servizio, negando questo principio si consente al potere politico di invertire i termini e il comando diventa strumento al servizio di chi lo detiene.

      Non è allora lo Stato a servire i cittadini, ma i cittadini a servire lo Stato,

     per scopi egoistici dei governanti mascherati e spacciati come scopi etici.

Nel momento stesso in cui il potere politico si arroga la competenza etica è giocoforza che la Chiesa perda la facoltà di intervenire nel giudizio sull'eticità delle leggi.

                                   E questo è il risultato, in ultima analisi,

del trasferimento della competenza etica del Sommo Pontefice e del sacro Collegio

                                             alla Corte Costituzionale.

 L'arbitrio umano non può modificare le leggi di Dio 

La spinta rivoluzionaria che oggi esplode in tutto il mondo contro siffatti ordinamenti

                           è l'espressione più piena del sentimento che

           l'arbitrio degli uomini non può spingersi a modificare le leggi di Dio.

Le teorie di non intervento dell'Autorità Ecclesiastica nelle scelte di politica legislativa hanno creato in Essa un complesso d'inferiorità di cui è il tempo che si liberi. E' tempo che la Chiesa assuma la consapevolezza della propria forza, ritrovi quella della propria missione e si erga a condannare con fermezza gli errori di queste imposizioni culturali. Questo atteggiamento potrà non piacere agli uomini politici, ai legislatori ed ad alcuni cardinali d'Olanda (era il 1973 – Ndr) ma ciò che i popoli sicuramente vogliono e che è testimonianza di verità.

 Maggioranza non è giustizia!                                            

                        Quando il Pastore abbandona il proprio gregge,

            all'umanità non resta altro che l'abominio della desolazione,

  perché gli uomini sentono che la legge scritta senza il sostegno del Verbo

                             non ha la caratteristica della giustizia.

Né ci si venga a dire che questa conclusione urta con i principi della democrazia.

                                  Il principio della maggioranza

                            non decide con quello della giustizia,

             perché una legge è giusta per certe qualità essenziali

        a prescindere dal numero delle persone che l'hanno voluta

           e dalle valutazioni che possa dare una suprema corte.

E' tempo che il Magistero della Chiesa torni a condannare e scomunicare,

     come nel passato, governanti o uomini politici che si oppongono

                                          contro le leggi di Dio.

 

Giacinto Auriti / L'Alternativa n. 8 - 15 novembre 1973 

Seguici anche su facebook Giacinto Auriti: ricordi e pensieri

partecipa al dibattito:
 

infounicz.europa@gmail.com / redazione.quieuropa@gmail.com

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

________________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati – Approfondimenti                      

Giacinto Auriti: in atto un criminale attentato all’agricoltura italiana (oggi come nel ’73)

Giacinto Auriti: in atto un criminale attentato all’agricoltura italiana (oggi come nel ’73)

Domenica, 22 ottobre / 2017  – di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri -  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, mercati organici, mercati disorganici, Agricoltura  Giacinto Auriti: in atto un criminale attentato all'agricoltura italiana (oggi come nel '73) Usura bancaria, mercati organici e disorganici: smantellamento del settore agricolo e colonizzazione della finanza internazionale   di Giacinto Auriti /  L'Alternativa n. 7 - 1 novembre 1973  Seguici anche su facebook - Giacinto [...]

Bankitalia, Visco, Renzi – Le ragioni di chi ha torto: i camerieri della grande usura

Bankitalia, Visco, Renzi – Le ragioni di chi ha torto: i camerieri della grande usura

Venerdì, 20 ottobre/ 2017  – di Roberto Pecchioli, con contributi di Sergio Basile -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Sergio Basile, Visco, Bankitalia, Matteo Renzi, Moneta  Bankitalia, Visco, Renzi - Le ragioni di chi ha torto: i camerieri della Grande Usura Nel siparietto romano di Via Nazionale, vanno in frantumi parecchi specchietti per le allodole del sistema ►Video in [...]

Giacinto Auriti – Né destra, né sinistra, né centro. Noi siamo oltre!

Giacinto Auriti – Né destra, né sinistra, né centro. Noi siamo oltre!

Venerdì, 13 ottobre / 2017  – di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri -  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, L'Alternativa, Usurocrazia, fascismo, quota novanta, Mussolini   Giacinto Auriti – Noi non siamo né destra, né sinistra, né centro… Noi siamo oltre! Titolo originale: "Per la lotta contro la "usurocrazia" internazionale"   di Giacinto Auriti /  L'Alternativa n. 5 - 1 ottobre 1973  Seguici anche su [...]

Il piano giudeo-massonico di asservimento planetario nella lettera di Baruch Levy a Karl Marx

Il piano giudeo-massonico di asservimento planetario nella lettera di Baruch Levy a Karl Marx

Giovedì, 12 ottobre / 2017             - Lettera di Baruch Levy (rabbino) a Karl Marx -                             Documento ritrovato nel 1888       pubblicato in "La Revue de Paris – 1° giugno 1928 – Pag. 574                 [...]

Auriti – Il sangue contro la carta: tecnica della setta per appropriarsi dei valori reali

Auriti – Il sangue contro la carta: tecnica della setta per appropriarsi dei valori reali

Giovedì, 12 ottobre / 2017  – di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri -  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, L'Alternativa, sangue contro oro, oro carta, massoneria   Auriti – Il sangue contro la carta: tecnica della setta per appropriarsi dei valori reali Titolo originale: "Il sangue contro l'oro"   di Giacinto Auriti /  L'Alternativa n. 4 - 15 settembre 1973  Seguici anche su facebook - Giacinto Auriti: ricordi [...]

Giacinto Auriti – Solo chi ama un popolo ha diritto di governarlo

Giacinto Auriti – Solo chi ama un popolo ha diritto di governarlo

Martedì, 10 ottobre / 2017  – di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri -  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, L'Alternativa, comando del paese, governanti, Legittimità  Giacinto Auriti – Non ha diritto di comandare un popolo se non chi lo ama Etica naturale ed etica artificiale: incompatibilità tra etica cristiana ed etica socialista   di Giacinto Auriti /  L'Alternativa n. 3 - 1° luglio 1973  Seguici [...]

Auriti – La Rinascita dell’Italia: un ideale spirituale senza bandiere

Auriti – La Rinascita dell’Italia: un ideale spirituale senza bandiere

Lunedì, 9 ottobre / 2017  – di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri -  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, L'Alternativa, rinascita spirituale, monismo hegeliano,  Giacinto Auriti – Il presagio della Rinascita dell'Italia: un nuovo ideale spirituale senza bandiere La falsa ed illusoria "conflittualità permanente" del pluralismo politico-partitico: relativismo morale e caos   di Giacinto Auriti /  L'Alternativa n. 2 - 1° giugno 1973  Seguici anche [...]

Il messaggio di Fatima e la rivoluzione monetaria di Giacinto Auriti

Il messaggio di Fatima e la rivoluzione monetaria di Giacinto Auriti

- di Sergio Basile, Presidente "Sete di Giustizia" - Redazione Quieuropa,  Sergio Basile, Madonna di Fatima, 13 Maggio, Guardiagrele, Giacinto Auriti, Supplica alla Madonna di Fatima, Approvazione eclesiastica, Sete di Giustizia, Guardiagrele, Padre Colombano, Codice Civile Greco, Nuovo Testamento, scontro finale tra bene e male di cui parla l'Apocalisse, citazione di Gesù, San Bernardino da Siena, usurai medievali ebrei, Sant’Eusanio del Sangro, testimonianza di [...]

Pasqua: il cuore del presupposto auritiano

Pasqua: il cuore del presupposto auritiano

Mercoledì,  Aprile 8th/ 2015 - di Sergio Basile e Rocco Carbone – "Sete di Giustizia" - su una Testimonianza del Professor Giacinto Auriti Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, Gesù Cristo, Dio vero, Pasqua, centro del presupposto auritiano, Dio dice la verità per finire in croce, battagia sulla moneta, la più coraggiosa ed eroica battaglia della sua vita, l'uomo che denunciò i crimini del sistema bancario [...]

Perchè Gesù Cristo è il Dio Vero – Riflessione del Prof. Giacinto Auriti

Perchè Gesù Cristo è il Dio Vero – Riflessione del Prof. Giacinto Auriti

Mercoledì,  Settembre 3rd/ 2014 – di Giacinto Auriti - Testimonianza tratta da uno scritto del 2001 Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, Gesù Cristo, Dio vero, Vangelo secondo Giovanni, Vangelo secondo Matteo, il Corano afferma ma non dimostra la divinità di allah, il Vangelo afferma e dimostra la divinità di Gesù, Due ipotesi, due alternative, prove inconfutabili della divinità [...]

Chieti inaugura la “Scalinata Giacinto Auriti”: genio della teoria monetaria, padre della proprietà popolare della moneta

Chieti inaugura la “Scalinata Giacinto Auriti”: genio della teoria monetaria, padre della proprietà popolare della moneta

Domenica, 25 Settembre/ 2016    di Sergio Basile, Presidente "Sete di Giustizia"  Redazione Quieuropa, Scalinata Giacinto Auriti, Chieti, Sovranità dignità e Moneta, Moneta debito, sistema bancario, Sergio Basile, Giacinto Auriti, SIMEC, Brecciaio, Antonio Pimpini, Umberto Di Primio, Madonna di Fatima  Chieti inaugura la "Scalinata Giacinto Auriti":  genio della teoria monetaria, padre della proprietà popolare della moneta [...]

10 Ottobre – Un compleanno davvero particolare

10 Ottobre – Un compleanno davvero particolare

Venerdì, Ottobre 10th/2015  - di Sergio Basile -  Direttore "Qui Europa", Presidente "Sete di Giustizia"  Redazione Quieuropa,  Sete di Giustizia, Sergio Basile, Giacinto Auriti, Un giorno particolare, un compleanno particolare, Lotta all'usura, Santa Vergine di Fatima, Il Prezzo della Libertà  Giacinto Auriti / 10 Ottobre, un giorno dal sapore particolare 10 Ottobre – Un compleanno davvero [...]

Sant’Eusanio dedica al Prof. Auriti la Piazza dinanzi la Chiesa della Madonna di Fatima

Sant’Eusanio dedica al Prof. Auriti la Piazza dinanzi la Chiesa della Madonna di Fatima

- di Gino Di Tizio - Redazione Quieuropa,  Giacinto Auriti, Gino Di Tizio, Sergio Basile, Madonna di Fatima, 13 Maggio, Sant'Eusanio del Sangro, Guardiagrele, Giacinto Auriti, Supplica alla Madonna di Fatima, Mamma Rosa, Filippo Auriti, Michela Auriti, Mamma Rosa, sogno, pranzo offerto, un sogno particolare  13 Maggio – Una piazza dedicata al Professor Giacinto Auriti Sant'Eusanio dedica al Prof. Auriti la [...]

Giacinto Auriti – Comunismo: schiavitù monetaria e Stato padrone dei cittadini

Giacinto Auriti – Comunismo: schiavitù monetaria e Stato padrone dei cittadini

Domenica, 8 ottobre / 2017  – di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri -  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, L'Alternativa, capitalismo bancario, comunismo  Giacinto Auriti – Comunismo: schiavitù monetaria e Stato padrone dei cittadini L'Alternativa, primo numero: "Mille lire di speranza"   di Giacinto Auriti /  L'Alternativa n. 1 - 15 maggio 1973  Seguici anche su facebook - Giacinto Auriti: ricordi e pensieri       [...]

Giacinto Auriti – I veri padroni? I banchieri! Sindacati semplici sottoposti

Giacinto Auriti – I veri padroni? I banchieri! Sindacati semplici sottoposti

Sabato, 7 ottobre / 2017  di Giacinto Auriti: ricordi e pensieri  Redazione Quieuropa, Giacinto Auriti, L'Alternativa, Moneta-debito, sistema bancario, Sindacati        Giacinto Auriti – I veri padroni? I banchieri! La funzione monetaria crea una duplicazione del valore dei beni reali, incamerata interamente dal potere bancario, che orienta a proprio comodo le "lotte sindacali"   di Giacinto Auriti / L'Alternativa [...]

Blockchain, un nome nuovo per attuare i vecchi paradigmi del Socialismo

Blockchain, un nome nuovo per attuare i vecchi paradigmi del Socialismo

Sabato, 7 ottobre / 2017  di Patrizia Arcana / gamerlandia.net  Redazione Quieuropa, Patrizia Arcana, Socialismo, Blockchain, Sistema bancario, trappola  Blockchain, un nome nuovo per attuare i vecchi paradigmi del Socialismo L'arma nuova dello gnosticismo e socialismo-massonico: alleanza bilaterale tra governo a carattere confiscatorio  e tecnologia pervasiva di sorveglianza   di Patrizia Arcana                 [...]

Moneta elettronica: l’apoteosi del nulla, la perfetta moneta satanica

Moneta elettronica: l’apoteosi del nulla, la perfetta moneta satanica

Lunedì, 23 Gennaio/ 2017    di Nicola Arena e Sergio Basile / Sete di Giustizia  Redazione Quieuropa, sistema bancario, Nicola Arena, Sergio Basile, Sete di Giustizia, moneta, Bit-coin  Bit-coin: l'apoteosi dell'astrazione e del nulla, la perfetta moneta satanica L'ultima frontiera della schiavitù monetaria passa per l'impulso di un computer                [...]

I nuovi padroni del mondo: i signori della rete e delle nuove tecnologie

I nuovi padroni del mondo: i signori della rete e delle nuove tecnologie

Venerdì, 6 ottobre / 2017  di Roberto Pecchioli  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, i nuovi padroni del mondo, rete, nuove tecnologie   I nuovi padroni del mondo: i signori della rete e delle nuove tecnologie La base dell'economia post-moderna, antiumana e totalizzante, fondata sull'arma diabolica della moneta-debito   di Roberto Pecchioli                 [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa