Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa: lettera del ministro Fontana a Il Tempo

Martedì, 5 giugno / 2018 

- Lettera di Lorenzo Fontana, Ministro della Famiglia a "Il Tempo" –

 Redazione Quieuropa, Lorenzo Fontana, Lettera a  Il Tempo, difesa della famiglia,  Rivolta  élite 

Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa:

lettera del ministro Fontana a Il Tempo

Fontana: La furia di certa ideologia relativistica travalica i confini

della realtà, anche contro la stessa Costituzione

 

Lettera a "Il Tempo" 

di Lorenzo Fontana, Ministro della Famiglia

Premessa di Sergio Basile / Direttore Qui Europa

LETTERA DEL MINISTRO FONTANA

 

 Premessa                                                                     

Roma - Premessa di Sergio Basile -  Era da molto che non ci capitava di commentare positivamente l'iniziativa di un ministro della Repubblica, al tempo della dittatura del relativismo e dei cosiddetti “diritti civili” sganciati dall'etica del diritto naturale e del diritto divino. Da anni ormai si respira nichilismo e relativismo a pieni polmoni e, specie quando si parla di famiglia e bioetica, si riscontra nella classe dirigente e nell'intellighenzia dominante, una totale irrazionalità ideologica fatta di luoghi comuni e slogan costruiti ad arte in laboratori di ingegneria sociale di stampo francofortese, protesi a destabilizzare l'uomo e il nucleo fondamentale della società, che è e resta la famiglia tradizionale. Ma un vento di rinnovamento sembra spirare sul dicastero alla famiglia del nuovo governo: segnali incoraggianti che non possiamo che accogliere positivamente, dimostrando tutta la nostra solidarietà alle parole e alle prime uscite ANSA del neo-ministro Lorenzo Fontana. Crediamo opportuno, pertanto, riportare in forma integrale – e darne ampia diffusione via web – la lettera aperta sulla famiglia che il ministro Fontana nelle scorse ore ha inviato a "Il Tempo", nella speranza che questi semi possano rappresentare il segno concreto di una auspicata rinascita sociale e spirituale. Auguri Ministro!

Sergio Basile / Direttore Qui Europa

 

 Famiglia – Lettera aperta del Ministro Fontana            

Roma - di Lorenzo Fontana, Ministro della Famiglia, Lettera aperta a "Il Tempo" -  “Egregio direttore, ringrazio Lei, Il Tempo, la Sua redazione e tutti coloro che mi hanno espresso sostegno nei giorni in cui è in atto un forte tentativo di attacco non solo nei miei confronti, ma contro i valori in cui la maggioranza silenziosa e pacata del Paese si rispecchia. Quanto si è visto ricorda amaramente le previsioni di Gilbert Keith Chesterton: «Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate», una profezia che non sembra più così remota. Ed è quello che è successo. Abbiamo affermato cose che pensavamo fossero normali, quasi scontate: che un Paese per crescere ha bisogno di fare figli, che la mamma si chiama mamma (e non genitore 1), che il papà si chiama papà (e non genitore 2). Abbiamo detto che gli ultimi e gli unici che devono avere parola su educazione, crescita e cura dei bambini sono proprio mamma e papà, principio sacrosanto di libertà. La reazione – di certi ambienti che fanno del relativismo la loro bandiera – è stata violentissima. È partita un’accanita raffica di insulti, offese, anche personali, minacce (che saranno portate all’attenzione degli uffici competenti). I social hanno amplificato la portata di questa azione, da taluni condotta a tavolino.

                                                     Viviamo in tempi strani.

                    La furia di certa ideologia relativistica travalica i confini della realtà,

                      arrivando anche a mettere in dubbio alcune lampanti evidenze,

                              che trovano pieno riscontro nella nostra Costituzione.

«La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio», recita l’articolo 29, che sarà il principio azione da ministro. Detto questo:

                                            la rivolta delle élite non ci spaventa

                        e non ci spaventa affrontare la dittatura del pensiero unico.

          Andiamo avanti, con grande motivazione, abbiamo tanti progetti da attuare.

Lo facciamo con i tantissimi che – come Voi – ci hanno manifestato la loro solidarietà. Siete stati e siete numerosissimi e a tutti va un sentito ringraziamento. La storia ci conforta. «Vi chiameranno papisti, retrogradi, intransigenti, clericali: siatene fieri!», diceva San Pio X. E noi siamo fieri di non aver paura di dirci cristiani, di dirci madri, padri, di essere per la vita. Abbiamo le spalle abbastanza larghe per resistere agli attacchi gratuiti rispondendo con l’evidenza dei fatti, la forza delle idee e la concretezza delle azioni. Onore a un giornale libero che ha il coraggio di esprimere posizioni controcorrente. Mai come in questo momento battersi per la normalità è diventato un atto eroico.” Con stima

Lorenzo Fontana, Ministro della Famiglia

partecipa al dibattito: infounicz.europa@gmail.com

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

________________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                         

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Prima Parte

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Prima Parte

Giovedì, Gennaio 4th, 2016 – di Federico Michielan  -  Redazione Quieuropa, Redazione Qui Europa, Federico Michielan, Dittatura del relativismo, ddl Cirinnà, Family Day 2016, Matrimonio gay, organi mainstream, associazioni gay, Voting Rights Act, diritto di voto, matrimonium, mater e munus, compito,  generare i figli, sostenere economicamente la famiglia, Il fine del matrimonio, liberorum procreandorum causa, procreazione, Modestino, coniunctio maris et feminae et consortium omnis vitae, divini [...]

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Seconda Parte

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Seconda Parte

Venerdì, Febbraio 5th, 2016 - di Federico Michielan  -  Redazione Qui Europa, Federico Michielan, Dittatura del relativismo, ddl Cirinnà, matrimonio, non è un diritto, omosessuali, principali obiezioni,  omofobi, seconda obiezione, il matrimonio è una cosa che ha senso solo tra un uomo e una donna, maternità surrogata, adozione semplice, adottare, discriminazione basata non sulla natura dell’istituto, sesso dei coniugi, Luciano Mola, Avvenire, regolamento anagrafico del 30 maggio 1989, legge n.91 del 1 [...]

I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società

I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società

Sabato, Febbraio 6th, 2016 - di Floriana Castro  – Redazione Qui Europa, Floriana Castro, Poteri forti, Massoneria, Antimassoneria, Nuovo Ordine Mondiale, Luca di Tolve, non esiste alcun gene gay   I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società Giudeo-Massoneria e omosessualizzazione pilotata: il modello gay proposto scientificamente alle società dei goym       di Floriana Castro  Poteri forti, Giudeo-Massoneria e omosessualizzazione della [...]

Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi

Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi

Lunedì, Febbraio 15th, 2016 - di Patrizia Stella - Redazione Quieuropa,  Gesù Cristo, Patrizia Stella, Mons. Antonio Livi , prof. Alessandro Beghini, dittatura del relativismo, Ddl Cirinnà, Dittatura imposta a tutti i costi, Famiglia, Family Day, lobby gay, 58 tipologie di unioni, porte del Paradiso  Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi Malgrado milioni di cittadini in piazza, migliaia di [...]

Oltre il matrimonio sodomitico – Porte aperte alle adozioni gay

Oltre il matrimonio sodomitico – Porte aperte alle adozioni gay

Lunedì,  Febbraio 29th/ 2016 - di Danilo Quinto - Redazione Quieuropa, Danilo Quinto, Cirinnà, Matrimonio sodomitico, porte aperte alle adozioni gay, Alfano, Renzi, Corte Europea, Corte Costituzionale, Festival di San Remo   Oltre il matrimonio sodomitico – Porte aperte alle adozioni gay  Verso le adozioni gay?  Un esito quasi inevitabile, viste le  preesistenti pronunce di Corte europea e Corte Costituzionale…   di Danilo [...]

La Scuola di Francoforte: la congiura della corruzione – Prima Parte

La Scuola di Francoforte: la congiura della corruzione – Prima Parte

Martedì,  Maggio 5th/ 2015       - di Timothy Matthews - Redazione Quieuropa, Centro San Giorgio, Timothy Matthews, Scuola di Francoforte, Paolo Baroni, società comunista, Satana lavora nell'ombra, Satana lavora nel silenzio, Joseph de Maistre, Hegel, da Marx, da Nietzsche, da Freud e da Weber, Istituto Marx-Engels di Mosca, Lenin, György Lukács, Willi Münzenberg, Felix Weil, Università di Tübingen e di Francoforte, Martin Jay, Carl Grünberg, Max Horkheimer, Adolf Hitler, Columbia, [...]

La Scuola di Francoforte: dalle droghe al gender – Seconda Parte

La Scuola di Francoforte: dalle droghe al gender – Seconda Parte

Giovedì,  Giugno 25th/ 2015       - di Timothy Matthews - Redazione Quieuropa, Centro San Giorgio, Timothy Matthews, Scuola di Francoforte, Paolo Baroni, società comunista, Satana lavora nell'ombra, Satana lavora nel silenzio, Università di Tübingen e di Francoforte, Martin Jay, Carl Grünberg, Max Horkheimer, Adolf Hitler, Columbia, Princeton, Brandeis, California, Bibbia, Famiglie, Corruzione programmata, Università, Nevitt Sanford, Aldous Huxley, L'impatto della scienza sulla società, uso delle droghe psichedeliche, Joseph Califano [...]

Italia, il Mercatino del progresso: famiglie di finocchi e marijuana free

Italia, il Mercatino del progresso: famiglie di finocchi e marijuana free

Mercoledì,  27 Luglio/ 2016  - di Roberto Pecchioli / integrazioni e note a cura di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Sergio Basile, Umberto Veronesi, Roberto Saviano, Matteo Renzi, marijuana libera, omosessualismo, Corano, Talmud, La Repubblica, adozioni gay, legge Cirinnà, massoneria, logge massoniche, rivoluzione, sovversione sociale   Italia, il Mercatino del progresso: famiglie di finocchi e marijuana free Qui in Italia [...]

Unioni civili: la prevalenza del cretino

Unioni civili: la prevalenza del cretino

Sabato, 14 Maggio/ 2016    – di Roberto Pecchioli - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Unioni civili, prevalenza del cretino, cretinismo progressista, Commissione Trilterale, Monica Cirinnà, stupidi al poterem legge sulle unioni civili, Matteo Renzi, Monsignor Galantino, asse Bergoglio-Galantino, quelli che non s'immischiano, Unione europea, Luncek   Unioni civili: la prevalenza del cretino Il circo del cretinismo progressista esulta: il [...]

Contro la distruzione della Famiglia Naturale e l’iper-sessualizzazione precoce dei nostri figli

Contro la distruzione della Famiglia Naturale e l’iper-sessualizzazione precoce dei nostri figli

Mercoledì, Giugno 17th, 2015 – Comunicato Stampa – Patrizia Stella, Sergio Basile -  Redazione "Qui Europa" – Redazione "Sete di Giustizia" Redazione Quieuropa, Famiglia, Marcia 20 Giugno, Piazza San Giovanni, Sergio Basile, Patrizia Stella, Redazione Sete diGiustizia, Redazione Qui Europa, Famiglia Naturale, Giuristi Cattolici, iper sessualizzazione precoce dei nostri figli, Agenda Gender, DDL Cirinnà, DDL Scalfarotto e DDL Fedeli  Famiglia [...]

L’apostasia delle nazioni: le unioni civili

L’apostasia delle nazioni: le unioni civili

Martedì, 4 Ottobre/ 2016    di Don Francesco Ricossa  Redazione Quieuropa, Don Francesco Ricossa, Apostasia delle Nazioni, unioni civili, Bergoglio   L'apostasia delle nazioni: le unioni civili Perversione legis: instaurazione del regno sociale di satana   di Don Francesco Ricossa                        Unioni Civili: l'apostasia delle nazioni   [...]

 

Non solo matrimoni gay. La deriva nichilista dei “diritti umani”

Non solo matrimoni gay. La deriva nichilista dei “diritti umani”

Giovedì, 19 Gennaio/ 2017   di Roberto Pecchioli  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, matrimoni gay, diritti, religione dei diritti umani  Non solo matrimoni gay. La deriva nichilista dei "diritti umani" Gli aberranti limiti degli adoratori della "religione dei diritti umani"… in viaggio verso il nulla   di Roberto Pecchioli                   [...]

Se tutto questo è il bene, noi siamo il male!

Se tutto questo è il bene, noi siamo il male!

Venerdì, 13 Maggio/ 2016    – di Roberto Pecchioli - Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli, Controrivoluzione culturale, Maria Elena Boschi,  Banca Popolare dell’Etruria, Il bene restano sempre loro, Unioni Civili, il giorno dopo il via libera della Camera, Tutto è permesso all’interno del cerchio, non allineati con la chiesa modernista, avanguardia mondialista ed immigrazionista  Se tutto questo è il bene, noi siamo il male! Tutto è "bene", [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa