Bimbi transgender? No! Creature di Dio con un’unica anima e sessualità

Domenica, 4 novembre / 2018

di Patrizia Stella e Sergio Basile -

 Redazione Quieuropa, Patrizia Stella, Bambini transgender, Ingegneria sociale, anima, paradiso 

Bimbi transgender? No! Creature di Dio con

un'unica anima e sessualità

Un interrogativo da porci per fermare la deriva gender.

L'ultima follia dell'ingegneria genetica, per

destabilizzare l'umanità fin dalla culla

 

di Patrizia Stella e Sergio Basile

bambini transgander

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Premessa                                                                     

Verona, Catanzaro di Patrizia Stella e Sergio Basile - La battaglia finale tra bene e male, così come annunciato dalla SS. Vergine Maria in diverse apparizioni mariane, si gioca nel nostro tempo sulla vita e la famiglia. L'abominio dei cosiddetti bimbi transgender, partorito dalla mente dei grandi manipolatori dell'umanità, santoni dell'eugenetica ed ingnegneri sociali, divenuti di colpo benefattori e difensori dell'inverosimile, si inserisce proprio in questo allucinante solco. Diverse sono le storie e teorie che il web ci presenta in diverse salse, nel tentativo di far breccia nei cuori più "intransigenti", nell'intelletto dei più "retrogradi", e di far accettare tutto nel grande paniere moderno della normalità, dietro l'alibi della "tolleranza", giocando sulla psiche, sulla sensibilità e fragilità degli internauti. Ma anche, ovviamente, sull'ignoranza e sull'impossibilità di

 comprendere fino in fondo l'intreccio mirabile che esiste nell'essenza dell'uomo,

                    la creatura di Dio fatta a Sua Immagine e Somiglianza

                               come sintesi perfetta tra corpo e anima.

Tra queste storie sconcertanti, ma dipinte a calde tinte pastello dai media mondialisti, ne citiamo due a titolo di esempio: quella di Skyler Burns – una bimbo australiano, nato maschio, ma considerato "femmina" – e Ryland Whittington, una "bambina americana che invero si sarebbe sempre sentita maschio" ed è stata considerata  tale dai familiari. Questi due bambini sarebbero soggetti ad una sorta di malformazione fisica – tra gli "esperti" di settore c'è chi parla di disforia dell'identità sessuale - cioè sono nati con caratteristiche anatomiche che non coinciderebbero con la loro "identità di genere": espressione – quest'ultima – di per sé bizzarra e che in alcune correnti della sociologia sviluppatesi negli Stati Uniti d'America, a partire dagli Anni Settanta, viene utilizzata per descrivere "il genere in cui una persona si identifica". Pertanto sulla scorta delle alterazioni fisiche di questi esseri umani (preziosi ed unici esseri umani) sensazioni e stili di vita opinabili, rintracciabili nel loro contesto sociale di riferimento, in condizionamenti familiari e – in molti casi – in veri e propri esperimenti di ingegneria sociale mascherati o palesi, diventano meravigliosi pacchetti preconfezionati e dal contenuto ambiguo, presentati al vasto pubblico quasi si trattasse di un prodotto di marketing fabbricato nella catena di montaggio di una multinazionale. La strategia è sottile:

Si specula su un problema fisico per dar vita ad un prototipo transgender,

       facendo passare il concetto che l'anima dell'individio non esiste

             e che l'elemento corporeo supera la personalità innata

                     e l'orientamento naturale dell'essere umano,

                        condizionandolo fin nelle sfere più intime.

Assioma assolutamente non accettabile per chi scrive e per chi crede che l'uomo abbia un'anima ed una correlata personalità, maschile o femmiile, con una precisa impronta celeste!

 Creature celesti o transgender?                              

La verità è che tranne per pochi casi patologici, degni purtroppo del Cottolengo – perché la nostra povera natura è imperfetta e solo in Cielo potremo godere della pienezza della perfezione - per tutte le altre diciamo “insicurezze” circa il proprio sesso, giocano molto la pubblicità e il selvaggio lavaggio del cervello mediatico, che trovano spesso e volentieri terreno fertile proprio tra i genitori. Costoro, evidentemente plagiati e influenzati dai nuovi profeti dell'ingegneria umana, anziché aiutare il figlio ad amare e assecondare il proprio sesso biologico come è in natura, dove perfino il  DNA è chiaramente sessuato, lo lasciano "libero di scegliere"! Come se si dovesse scegliere fra una maglietta e una giacchina… Follia pura spesso sfociante in suicidio. La mente in molti casi è così labile che se ti dicessero che sei destinato a diventare un gatto o un angelo, magari finisci col crederci per davvero, comportandoti di conseguenza, oltre ogni raziocinio.

    Il prof. Gillieron di Losanna, che da anni studia questa sorta di patologia,

   afferma che la negazione delle differenze sessuali, generazionali e dei ruoli

                   sono indicative di sintomi di psicosi e di perversione.

Dunque aiutiamo le persone, soprattutto i bambini deboli e vulnerabili, ad amare la propria identità e sessualità biologica che corrisponde perfettamente a quella psicologica e spirituale, “calza a pennello” come si suol dire, come in un perfetto ingranaggio di vite e bullone. Tutto il resto è voluto dal diavolo per distruggere la nostra identità di figli di Dio fatti a Sua immagine e somiglianza e destinati a godere con lui della Gloria del Paradiso: non poveri assessuati anonimi, ma esseri umani pensati da Dio fin dal principio, con una chiara identità di uomini o di donne. Parliamo di una identità strettamente personale: così come era per noi in terra sarà in Cielo, riconoscendo anche i nostri rapporti relazionali, anche se vivremo come gli angeli, cioè senza bisogno di soddisfare le necessità materiali, perché

                   la Resurrezione dei morti, a imitazione di quella di Gesù Cristo,

         riguarda soprattutto il corpo glorificato, che si ricongiungerà con l’anima,

la quale vola già in “cielo” da subito dopo la morte, essendosi staccata dal corpo mortale

                      nell’attesa di ricongiungersi con esso alla fine del mondo,

                                         cioé alla Resurrezione dei morti.

                Dogma di fede che si recita nel Credo e di cui non si parla più.

 Conclusioni                                                                        

Piaccia o no, questo è il nostro vero destino di eternità: l'Inferno o il Paradiso. Tuttavia, siamo noi a sceglierlo, in quanto creature dotate di libero arbitrio. Nell’aldilà saremo noi a scegliere il nostro destino eterno a seconda se qui sulla terra abbiamo accettato o meno la legge di Dio, sia i Dieci Comandamenti che la legge che Dio stesso ha inciso nella nostra natura, perché fosse visibile a tutti. Quella famosa e mai tramontata tentazione “Sarete come Dio” si ripete anche qui, con la falsa invenzione del gender che, rifiutando l’evidenza della legge naturale, vuole creare una libertà fasulla calpestando le leggi della natura, bloccando lo sviluppo naturale, fuorviando la coscienza e la mente fino alla pazzia e spesso al suicidio. Cosa ci guadagniamo dal cambio del sesso? Solo sofferenze atroci che uno si provoca stupidamente e che non finiscono mai. Ma se la legge naturale voluta da Dio è fonte di grande gioia e consolazione perché rifiutarla? Assecondiamola e saremo felici, molto felici.

Patrizia Stella, Sergio Basile (Copyright © 2018 Qui Europa)

patrizia@patriziastella.com / infounicz.europa@gmail.com 

Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook

_________________________________________________________________________________________________________________

 Articoli correlati                                                          

Sessualità biologica o immaginaria? Siamo alla follia!

Sessualità biologica o immaginaria? Siamo alla follia!

Martedì, 31 luglio / 2018 - di Patrizia Stella –  Redazione Quieuropa, Patrizia Stella, Disforia di genere, Comitato Nazionale per la Bioetica, Gender   Sessualità biologica o immaginaria? Siamo alla follia! L'ultima trovata dei profeti della teoria gender: "curare" la "disforia di genere" (patologia inventata)   di Patrizia Stella               [...]

La Scuola di Francoforte: la congiura della corruzione – Prima Parte

La Scuola di Francoforte: la congiura della corruzione – Prima Parte

Martedì,  Maggio 5th/ 2015       - di Timothy Matthews - Redazione Quieuropa, Centro San Giorgio, Timothy Matthews, Scuola di Francoforte, Paolo Baroni, società comunista, Satana lavora nell'ombra, Satana lavora nel silenzio, Joseph de Maistre, Hegel, da Marx, da Nietzsche, da Freud e da Weber, Istituto Marx-Engels di Mosca, Lenin, György Lukács, Willi Münzenberg, Felix Weil, Università di Tübingen e di Francoforte, Martin Jay, Carl Grünberg, Max Horkheimer, Adolf Hitler, Columbia, [...]

La Scuola di Francoforte: dalle droghe al gender – Seconda Parte

La Scuola di Francoforte: dalle droghe al gender – Seconda Parte

Giovedì,  Giugno 25th/ 2015       - di Timothy Matthews - Redazione Quieuropa, Centro San Giorgio, Timothy Matthews, Scuola di Francoforte, Paolo Baroni, società comunista, Satana lavora nell'ombra, Satana lavora nel silenzio, Università di Tübingen e di Francoforte, Martin Jay, Carl Grünberg, Max Horkheimer, Adolf Hitler, Columbia, Princeton, Brandeis, California, Bibbia, Famiglie, Corruzione programmata, Università, Nevitt Sanford, Aldous Huxley, L'impatto della scienza sulla società, uso delle droghe psichedeliche, Joseph Califano [...]

Gender: quando ai bambini si insegnava che non si può cambiare il proprio genere – 1

Gender: quando ai bambini si insegnava che non si può cambiare il proprio genere – 1

Giovedì,  Febbraio 25th/ 2016  - di Floriana Castro / Antimassoneria  - Bruxelles. Floriana Castro, Antimassoneria, Gender, rivoluzione sessuale, Nuovo Ordine Mondiale, Brad Pitt, ONU, ONG, Lobby, Lady Oscar, Angelina Jolie, Maleficent, Citizen of the World Award, UNHCR, Ambasciatrice di Buona Volontà, guerra sovversiva LGBT, Rockefeller, Bill Gates, Apple, IBM, Amazon, Nike, Disney, Planned Parethood, John Money, Irene Biemmi, Graziella Priulla,  Bruce Reimer    [...]

25 febbraio 2016

Bullismo e Gender: relazioni e conseguenze

Bullismo e Gender: relazioni e conseguenze

Sabato, 28 aprile / 2018  - di Patrizia Stella -  Redazione Quieuropa, Patrizia Stella, Bullismo, minacce ai docenti, cronaca, gender, preghiere   Bullismo e Gender: relazioni e conseguenze Ingegneria sociale: la teoria gender responsabile dell'imbarbarimento della personalità dei giovani   di Patrizia Stella                        Gender: pervertire la personalità dei giovani       [...]

28 aprile 2018

Cavie

Cavie

Martedì, 22 Agosto/ 2017  di Francesca Cappanna  Redazione Quieuropa,  Francesca Cappanna, Cavie,  Progresso,  Gender, Progressismo, ON, John Money, esperimento gender     Cavie! Dal retaggio neo-marxista della Scuola di Francoforte all'esperimento di John Money, innalzato a modello sociale: uomini cavie di massa della programmazione gender   di Francesca Cappanna             [...]

22 agosto 2017

Cirinnà al Gay Pride, Fontana in pellegrinaggio con la famiglia

Cirinnà al Gay Pride, Fontana in pellegrinaggio con la famiglia

Martedì, 3 luglio / 2018 - di Patrizia Stella –  Redazione Quieuropa,  Maria Regina della Famiglia, Patrizia Stella, Lorenzo Fontana         Cirinnà al Gay Pride, Fontana in pellegrinaggio al santuario della Regina della Famiglia È ora di uscire allo scoperto e non fare mistero della nostra fede cattolica: difesa della famiglia, priorità assoluta   di Patrizia Stella [...]

Gay Pride: Rosario della Madonna di Pompei oscilla e Vesuvio trema

Gay Pride: Rosario della Madonna di Pompei oscilla e Vesuvio trema

Sabato, 30 giugno / 2018 -  di Redazione "Nel cuore di Gesù" –  Redazione Quieuropa,  Pompei, Segni nel Cielo, Rosario della Madonna, Vesuvio, Gay Pride   Gay Pride: il Rosario tra le mani della Madonna di Pompei oscilla di nuovo e il Vesuvio trema Pompei / Strani segni dal Cielo nella vigilia del satanico Gay [...]

30 giugno 2018

Aborto, omosessualismo, immigrazione: una sinistra dissoluzione

Aborto, omosessualismo, immigrazione: una sinistra dissoluzione

Martedì, 12 giugno / 2018  - di Roberto Pecchioli -  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli,  sinistra dissoluzione, omosessualismo, Aborto  Aborto, omosessualismo, immigrazione: una sinistra dissoluzione Fotografia di una civilizzazione al capolinea: l'incarnazione ideale della post-modernità   di Roberto Pecchioli                        Una civilizzazione al capolinea         [...]

Lo slogan dell’impero: le famiglie gay non fanno male a nessuno

Lo slogan dell’impero: le famiglie gay non fanno male a nessuno

Mercoledì, 6 giugno / 2018  - di Roberto Pecchioli - con integrazioni e note a cura della redazione  Redazione Quieuropa, Roberto Pecchioli,  Famiglie gay, aborto, Lorenzo Fontana, matrimonio  Lo slogan dell'impero: le famiglie gay non fanno male a nessuno Lo stesso copione si applicò per l'aborto. Dietro le quinte, i soliti ingegneri sociali, servi del sistema: liberisti, [...]

6 giugno 2018

Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa: lettera del ministro Fontana a Il Tempo

Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa: lettera del ministro Fontana a Il Tempo

Martedì, 5 giugno / 2018  – Lettera di Lorenzo Fontana, Ministro della Famiglia a "Il Tempo" –  Redazione Quieuropa, Lorenzo Fontana, Lettera a  Il Tempo, difesa della famiglia,  Rivolta  élite  Famiglia – La rivolta delle élite non ci spaventa: lettera del ministro Fontana a Il Tempo Fontana: La furia di certa ideologia relativistica travalica i [...]

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Prima Parte

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Prima Parte

Giovedì, Gennaio 4th, 2016 – di Federico Michielan  -  Redazione Quieuropa, Redazione Qui Europa, Federico Michielan, Dittatura del relativismo, ddl Cirinnà, Family Day 2016, Matrimonio gay, organi mainstream, associazioni gay, Voting Rights Act, diritto di voto, matrimonium, mater e munus, compito,  generare i figli, sostenere economicamente la famiglia, Il fine del matrimonio, liberorum procreandorum causa, procreazione, Modestino, coniunctio maris et feminae et consortium omnis vitae, divini [...]

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Seconda Parte

Riflessioni fuori dal coro sui cosiddetti “diritti civili” – Seconda Parte

Venerdì, Febbraio 5th, 2016 - di Federico Michielan  -  Redazione Qui Europa, Federico Michielan, Dittatura del relativismo, ddl Cirinnà, matrimonio, non è un diritto, omosessuali, principali obiezioni,  omofobi, seconda obiezione, il matrimonio è una cosa che ha senso solo tra un uomo e una donna, maternità surrogata, adozione semplice, adottare, discriminazione basata non sulla natura dell’istituto, sesso dei coniugi, Luciano Mola, Avvenire, regolamento anagrafico del 30 maggio 1989, legge n.91 del 1 [...]

I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società

I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società

Sabato, Febbraio 6th, 2016 - di Floriana Castro  – Redazione Qui Europa, Floriana Castro, Poteri forti, Massoneria, Antimassoneria, Nuovo Ordine Mondiale, Luca di Tolve, non esiste alcun gene gay   I poteri forti dietro l’omosessualizzazione della società Giudeo-Massoneria e omosessualizzazione pilotata: il modello gay proposto scientificamente alle società dei goym       di Floriana Castro  Poteri forti, Giudeo-Massoneria e omosessualizzazione della [...]

Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi

Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi

Lunedì, Febbraio 15th, 2016 - di Patrizia Stella - Redazione Quieuropa,  Gesù Cristo, Patrizia Stella, Mons. Antonio Livi , prof. Alessandro Beghini, dittatura del relativismo, Ddl Cirinnà, Dittatura imposta a tutti i costi, Famiglia, Family Day, lobby gay, 58 tipologie di unioni, porte del Paradiso  Cirinnà – La dittatura, imposta a tutti i costi Malgrado milioni di cittadini in piazza, migliaia di [...]

15 febbr

 

 

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa