Bergoglio e il blasfemo, eretico Lutero: un monaco apostata schiavo del demonio

Martedì, 1 Novembre/ 2016   

di Julio Loredo -

A cura dell'Associazione Tradizione Famiglia Proprietà

Premessa di Patrizia Stella 

 Redazione Quieuropa, Julo Loredo, Associazione Tradizione Famiglia, Proprietà, Patrizia Stella, Bergoglio, Lutero, dichiarazione congiunta, viaggio in Svezia, ecumenismo, Viaggio in Svezia, cinquecentenario della Riforma Protestante, Malmo Arena  

Bergoglio e il blasfemo, eretico Lutero: un

monaco apostata schiavo del demonio

Gran sconcerto la commemorazione della "Riforma"

Video in allegato sul lato occulto frl protestantesimo 

 

                 «Io non ammetto che la mia dottrina possa

             essere giudicata da alcuno, neanche dagli Angeli.

 Chi non riceve la mia dottrina non può giungere alla salvezza».

                         (Martin Lutero, Weim., X, P. II, 107, 8-11)

 

di Julio Loredo

A cura dell'Associazione Tradizione Famiglia Proprietà

Premessa di Patrizia Stella 

Bergoglio commemora l’eretico Lutero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Premessa                                                                     

Roma – Premessa di Patrizia Stella - Il gesto di papa Bergoglio di recarsi di persona in Svezia a commemorare, cioè onorare in pratica, la figura di Lutero, è a dir poco sconvolgente, tanto che molti concordano nell'affermare che potrebbe scatenare l'inferno. Per capirne meglio la gravità, vale la pena leggere qui sotto questo articolo su chi fu veramente Lutero e di come abbia provocato  uno scisma lacerante dalla Chiesa cattolica non a motivo del malcostume dei vari Prelati di Roma, come si vuol far credere, visto che la sua vita personale fu all'insegna del peggior libertinaggio, ma perchè animato da  vero odio satanico contro la Chiesa, il Papa e i Sacramenti, in particolare la Messa da lui così definita "Io dichiaro che tutti i postriboli, gli omicidi, i furti, gli assassini, e gli adulteri sono meno malvagi di quell'abominazione che è la messa papista". Invito a offrire Sante Messe di riparazione per questo terribile gesto di Bergoglio, sia o non sia il vero Papa. Che la colpa di questo tradimento non ricada su di noi.

Patrizia Stella 

 

Bergoglio commemora l’eretico Lutero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Bergoglio in Svezia                                                    

Lund, Malmo, Erfurtdi Julo Loredo -Il viaggio di Papa Francesco in Svezia, per celebrare insieme ai luterani i cinquecento anni della cosiddetta Riforma protestante, ha sollevato non poche perplessità nel mondo cattolico. Si parla perfino di "rivalutare" il monaco apostata. Oltre a cozzare col dogma cattolico, la “rivalutazione” di Lutero si scontra – e in modo violento – con la stessa verità storica. Sembrerebbe quasi che coloro che “mitizzano” la figura di Lutero non abbiano mai letto le sue opere, piene di bestemmie contro Nostro Signore Gesù Cristo e contro il Papato. Ecco una breve analisi della vita e delle dottrine di Lutero, tratta dalle sue opere originali.

  Martin Lutero: verità  e perplessità                      

Già lo scorso 13 ottobre – anniversario dell’apparizione della Madonna a Fatima – Papa Francesco, come noto, aveva accolto in Vaticano un pellegrinaggio composto da luterani. Una statua del monaco apostata Martin Lutero presiedeva la sessione tenutasi nell’aula Paolo VI. Così Bergoglio aveva dichiarato nella sua allocuzione

            “Rendiamo grazie a Dio perché oggi, luterani e cattolici, 

       stiamo camminando sulla via che va dal conflitto alla comunione”

Il pellegrinaggio era stato organizzato in vista del viaggio in Svezia, come riconosciuto dallo stesso Bergoglio:

                                 “Alla fine di questo mese, 

             a Dio piacendo, mi recherò a Lund, in Svezia, 

e insieme alla Federazione Luterana Mondiale faremo memoria, 

       dopo cinque secoli, dell’inizio della riforma di Lutero 

            e ringrazieremo il Signore per cinquant’anni di 

                    dialogo ufficiale tra luterani e cattolici”

 

I gesti amichevoli nei confronti dei luterani si stanno moltiplicando già da qualche tempo. Durante la visita alla chiesa evangelica luterana di Roma, il 15 novembre 2015, Papa Francesco aveva auspicato la 

         “rivalutazione delle intenzioni della Riforma 

                    e della figura di Martin Lutero”. 

Durante il volo di ritorno dall’Armenia, lo scorso 26 giugno, egli aggiungeva (parole ripetute anche ieri 31 Ottobre): 

“Io credo che le intenzioni di Martin Lutero non fossero sbagliate. (…) 

                    Lui ha fatto una ‘medicina’ per la Chiesa, 

       poi questa medicina si è consolidata in uno stato di cose, 

   in una disciplina, in un modo di credere, in un modo di fare, 

                                        in modo liturgico. 

               Ma non era lui solo: c’era Zwingli, c’era Calvino”. 

 

Tali dichiarazioni e gesti non possono non suscitare una crescente perplessità in molti fedeli. Costoro faticano a comprendere come una figura che ha provocato tante sofferenze alla Chiesa possa essere in qualche modo “rivalutata”. La perplessità non è di oggi. Già in occasione di simili gesti compiuti in passato da altri Pontefici molte voci si erano alzate. Ecco quanto scriveva, per esempio, Plinio Corrêa de Oliveira nel 1984: Non comprendo come uomini della Chiesa contemporanea, compresi alcuni tra i più colti, dotti o illustri, mitizzino la figura di Lutero, l’eresiarca, nello sforzo di favorire un’approssimazione ecumenica, direttamente al protestantesimo e indirettamente a tutte le religioni, scuole filosofiche, ecc. Non scorgono il pericolo che è in agguato in fondo a questo sentiero, cioè la formazione, su scala mondiale, di un sinistro supermercato di religioni, filosofie e sistemi di tutti gli ordini, in cui la verità e l'errore si presenteranno frazionati, mescolati e messi alla rinfusa? Sola assente dal mondo sarà – qualora fosse possibile arrivare fino a questo punto – la verità integra: cioè la Fede cattolica, apostolica, romana, senza macchia né tanfo. Su Lutero – a cui spetterebbe, sotto un certo aspetto, il ruolo di punto di partenza in questa strada verso la baraonda universale – pubblico oggi ancora alcuni passi che ben mostrano l'odore che la sua figura di ribelle spargerebbe in questo supermercato, o meglio in questo obitorio delle religioni, delle filosofie e dello stesso pensiero umano” (1).

1. Plinio Corrêa de Oliveira, Lutero si considera divino!, “Folha de S. Paulo” 10 gennaio 1984, tradotto e pubblicato da “Lepanto”, Roma, Anno III – n. 22, gennaio 1984, pp. 3-4. Si veda anche Id., Lutero: no e poi no!, “Folha de S. Paulo", 27 dicembre 1983.

 La verità storica                                                       

Il fatto è che, oltre a cozzare col dogma cattolico, la “rivalutazione” di Lutero si scontra – e in modo violento – con la stessa verità storica. Sembrerebbe quasi che coloro che “mitizzano” la figura di Lutero non abbiano mai letto le sue opere, piene di bestemmie contro Nostro Signore Gesù Cristo e contro il Papato. “L’immagine tradizionale di Lutero, per molti aspetti, è incoerente con la realtà storica”, scrive lo storico protestante Dietrich Emme, specialista nella vita giovanile del riformatore (2)Nel 1510 Martino Lutero, allora monaco agostiniano, si recò a Roma per portare una lettera di protesta in merito a una diatriba interna al suo Ordine. La volgata protestante vorrebbe che, di fronte al desolante spettacolo di decadenza (“una cloaca”, dirà lui con riferimento sia all’Urbe sia alla Chiesa), il monaco di Wittemberg fosse rimasto scioccato. Il che avrebbe innescato in lui prima il rigetto, poi il dubbio e infine la ribellione. Dunque, una reazione forse esagerata ma tutto sommato giustificata. Un’attenta lettura delle fonti originali ci fa vedere, invece, uno spirito irrequieto, dissoluto e già incline alla ribellione. Forse è il caso di gettare uno sguardo su alcuni di questi documenti, che altro non sono che le stesse opere (Werke) di Martin Lutero, nelle due edizioni ufficiali: quella di Wittemberg (1551) e quella di Weimar (1883). Conviene anche rilevare che gli autori sotto citati – Emme, Brentano, De Wette e Burckhardt – sono tutti protestanti.

 La "vocazione" religiosa di Lutero                       

L’ingresso di Martino Lutero nell’Ordine agostiniano non fu dovuto tanto a una vocazione religiosa quanto al fatto che era latitante e voleva sfuggire alle autorità. Mentre era studente di Giurisprudenza all’Università di Erfurt, Lutero si batté a duello con un compagno, Hieronimus Buntz, uccidendolo. Per sfuggire alla giustizia, egli entrò allora nel monastero degli Eremiti di S. Agostino. Lo stesso Lutero ammise il vero motivo del suo ingresso in monastero:

      “Mi sono fatto monaco perché non mi potessero incarcerare.

           Se non lo avessi fatto, sarei stato facilmente arrestato. 

                                    Ma così fu impossibile,

           poiché tutto l’Ordine Agostiniano mi proteggeva” (3)

Purtroppo, nel monastero non imparò a diventare buono. Egli stesso confessava in un sermone del 1529:

   “Io sono stato un monaco che voleva essere sinceramente pio.

     Al contrario, però, sono sprofondato ancor di più nel vizio.

             Sono stato un grande furfante ed un omicida” (4).

La sua vita spirituale era in rovinoso declino. Nel 1516, Lutero scrisse: “Raramente ho il tempo di pregare il Breviario e di celebrare la Messa. Sono troppo sollecitato dalle tentazioni della carne, del mondo e del diavolo” (5). Ancora nel 1516 egli dichiarava: “Confesso che la mia vita è sempre più prossima all’inferno.

                Giorno dopo giorno divento più abietto” (6).

2. Dietrich Emme, Über die Bedeutung der biographischen Lutherforschung, in Remigius Bäumer, Alma von Stockhausen (Hrsg.), Luther und die Folgen für die Geistesgeschichte – Festschrift für Theobald Beer(Gustav-Siewerth-Akademie, 1996), pp. 31-40. Cfr. anche Dietrich Emme, Martin Luther, Seine Jugend und Studienzeit 1483-1505. Eine dokumentarische Darstellung (Verlag Dietrich Emme, Regensburg, 1986). E anche la versione aggiornata: Dietrich Emme, Gesammelte Beiträge zur Biographie des jungen Martin Luther, hrsg. von Richard Niedermeier (Gustav-Siewerth-Akademie, 2016). 3. Dietrich Emme, Weshalb wurde Martin Luther ein Mönch?, in “MDR-Monatsschrift für Deutsches Recht”, 32. Jg., 5/1978, pp 378-380. Cfr. anche Dietrich Emme, Warum ging Luther ins Kloster?, in “Theologisches. Beilage der Offerten-Zeitung für die katholische Geistlichkeit Deutschlands”, 1/1985, Nr. 177, pp. 6188-6192. 4. Id., ibid. Emme cita il documento originale: Tischreden, Wa W, 29, 50, 18. 5. Cit. in Wilhelm Martin Leberecht de Wette, Luther, M., Briefe, Sendschreiben und Bedenken vollständig Gesammelt, Berlino, 1825-1828, I, p. 41. 6. Cit. in Id., ibid., I, p. 323

 Segni di possessione                                                

Nel convento, Lutero era soggetto a frequenti crisi di nervi, ad allucinazioni deliranti, in preda anche a segni di possessione. Nel guardare il Crocefisso egli spesso era assalito da convulsioni e cadeva a terra (7). Quando celebrava la Messa, era preso dal terrore: 

  “Arrivato all’Offertorio ero così spaventato che volevo fuggire. 

                   Mormoravo ‘Ho paura! Ho paura!’”(8).

Agitato, nervoso, continuamente in crisi, tentato dal diavolo (che, secondo lui, gli appariva in forma di un enorme cane nero col quale condivideva perfino il letto) roso dai rimorsi, Lutero cominciò a formarsi l’idea che fosse predestinato alla dannazione eterna, e questo gli faceva odiare Dio: 

  “Quando penso al mio destino dimentico la carità verso Cristo. 

                     Per me, Dio non è che uno scellerato. 

    L’idea della predestinazione cancella in me il Laudate,

            è un blasfemate che mi viene allo spirito” (9).

Lutero, insomma, si immaginava già nell’inferno: 

           “Io soffrivo le torture dell’inferno, ne ero divorato. 

   Mi assaliva perfino la tentazione di bestemmiare contro Dio, 

                                  quel Dio rozzo, iniquo. 

        Io avrei mille volte preferito che non ci fosse Dio!” (10).

7. Franz Funck Brentano, Luther, Parigi, Grasset, 7 ed., 1934, pp. 29-39. 8. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, 1883, I, 487. Tischrede del 5 maggio 1532. 9. Brentano, op. cit., p. 53. 10. Id., ibid., p. 32.

Bergoglio commemora l’eretico Lutero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  L'apostasia. La Dottrina della giustificazione    

Lutero faceva poco o nulla per lottare contro i suoi difetti. I suoi confratelli agostiniani lo descrivono come 

             “nervoso, di umore molto sgradevole, arrogante, ribelle, 

                        sempre pronto a discutere e ad insultare”. 

                                        Egli stesso dirà di sé: 

          “Io mi lasciavo prendere dalla collera e dall’invidia” (11).

 Eccitato da cattive letture, orgoglioso al punto di non accettare nessuna autorità, Lutero cominciò a contestare diversi punti della dottrina cattolica fino a rigettarne parecchi. Lutero difendeva le sue rivoluzionarie idee in modo arrogante, ritenendosi “l’uomo della Provvidenza, chiamato per illuminare la Chiesa con un grande bagliore”. “Chi non crede con la mia fede è destinato all’inferno — scriveva — La mia dottrina e la dottrina di Dio sono la stessa cosa. 

                  Il mio giudizio è il giudizio di Dio” (12)

In un’altra lettera ecco cosa dice di se stesso: 

              “Non vi sembra un uomo stravagante questo Lutero? 

                          Quanto a me, penso che egli sia Dio. 

          Altrimenti, come avrebbero i suoi scritti e il suo nome 

   la potenza di trasformare mendicanti in signori, asini in dottori, 

                         falsari in santi, fango in perle?” (13) 

Sulle sue dottrine egli asseriva ancora: 

              “Sono certo che i miei dogmi vengono dal cielo. 

 Io vincerò, il Papato crollerà nonostante le porte dell’inferno!” (14)

11. Id., ibid., p. 32. 12. D. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, 1883, X, 2, Abt. 107. 13. Martin Luther, Werke, ed. Wittemberg, 1551, t. IV, p. 378. 14. D. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, X, 2, Abt. 184.

 L'avvenimento della torre                                    

Fu in queste lamentevoli condizioni spirituali che, verso la fine del 1518, successe ciò che Lutero stesso chiamò «das Turmerlebnis», cioè l’avvenimento della Torre, vero punto di partenza del protestantesimo. In cosa consiste questo «Turmerlebnis»? Lutero era seduto sulla cloaca nella torre che serviva da bagno nel monastero, quando improvvisamente ebbe un’“illuminazione” che lo fece “pensare in un altro modo”: Le parole giustizia e giustizia di Dio — scrive Lutero — si ripercuotevano nel fondo della mia coscienza come un fulmine che distrugge tutto. Io ero paralizzato e pensavo: Si Dio è giusto, egli punisce. Siccome continuavo a pensare a ciò, sono improvvisamente venute al mio spirito le parole di Habacuc: Il giusto vive della fede. E ancora: 

  La giustificazione di Dio si manifesta senza l’azione della legge. 

                                 A partire da questo punto, 

             io ho cominciato a pensare in altro modo” (15).

 

Questo “altro modo” era la dottrina della giustificazione per la sola fedeindipendente dalle opere, la pietra angolare del protestantesimo. Secondo Lutero, i meriti sovrabbondanti di Nostro Signore Gesù Cristo assicurano agli uomini la salvezza eterna. All’uomo, quindi, basta credere per salvarsi

                “Il Vangelo non ci dice cosa dobbiamo fare, 

                          esso non esige niente da noi. (…) 

    [Il Vangelo dice semplicemente] credi e sarai salvato” (16).

 

Tale dottrina è tanto sconclusionata che lo stesso Lutero, con duri sforzi cercava di accreditarla: 

              “Non vi è nessuna religione in tutta la terra 

         che insegni questa dottrina della giustificazione; 

            io stesso, anche se la insegno pubblicamente, 

          con gran difficoltà la credo nei particolari” (17).

 

Di conseguenza, su questa terra possiamo anche condurre una vita di peccato senza rimorsi di coscienza né timore della giustizia di Dio, poiché basta avere fede per essere già salvati: 

               “Anche se ho fatto del male, non importa. 

Cristo ha sofferto per me. A questo si riduce il cristianesimo. 

           Dobbiamo sentire che non abbiamo peccato, 

                     anche quando abbiamo peccato. 

                I nostri peccati aderiscono a Cristo, 

                 che è il salvatore del peccato” (18).

15. Brentano, op. cit., pp. 65-73. 16. D. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, XXV, 329. 17. D. Martin Luther, Werke, ed. di Weimar, XXV, p. 330. 18. Id., ibid., XXV, 331.

 Dobbiamo peccare!                                              

Lutero anzi sosteneva che, per rafforzare la nostra fede, dobbiamo peccareCosì rimarrà chiaro che è Cristo che ci salva e non noi. Quest’idea Lutero la sintetizzava nella sua nota formula: 

                       " esto peccator et pecca fortiter"

In una lettera all’amico Melantone del 1° agosto 1521, Lutero affermava: 

                     “Sii peccatore e pecca fortemente 

 ma con ancora più fermezza credi e rallegrati in Cristo.

   (…) Durante la vita presente dobbiamo peccare” (19)

 

Scrivendo a un altro seguace, Lutero diceva ugualmente: 

                          “Devi bere con più abbondanza, 

      giocare, divertirti e anche fare qualche peccato. (…) 

                       In caso il diavolo ti dica: Non bere! 

Tu devi rispondere: in nome di Gesù Cristo, berrò di più! (…) 

Tutto il decalogo deve svanire dagli occhi e dall’anima” (20).

 

A un altro amico, egli scrisse ancora: “Dio ti obbliga solo a credere. In tutte le altre cose ti lascia libero e signore di fare quello che vuoi, senza pericolo alcuno di coscienza. Egli non se ne cura, quando anche lasciassi tua moglie, abbandonassi il tuo padrone e non fossi fedele ad alcun vincolo” (21)Ovviamente, le conseguenze dell’applicazione di queste dottrine non potevano essere altro che il dilagare del peccato e del vizio. Lutero stesso lo ammette. Per quanto riguardava i suoi seguaci protestanti, egli scrisse: 

                  “Sono sette volte peggiori di una volta. 

             Dopo la predicazione della nostra dottrina, 

        gli uomini si sono dati al furto, alla menzogna, 

           all’impostura, alla crapula, all’ubriachezza 

                               e a ogni genere di vizi. 

             Abbiamo espulso il demonio — il papato — 

               e ne sono venuti sette peggiori” (22).

19. Cit. in De Wette, op. cit., II, p. 37. 20. Cit. in Id., ibid., pp. 199-200. 21. D. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, XII, p. 131. 22. D. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, XXVIII, p. 763.

 

Bergoglio commemora l’eretico Lutero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Un uomo pieno di vizi  e perversioni                    

Il primo a piombare nel vizio è stato proprio lui. Il 13 giugno 1521, scrisse a Melantone: “Io mi trovo qui insensato e indurito, sprofondato nell’ozio, pregando poco e senza più gemere per la Chiesa di Dio, perché nelle mie carni indomite ardo di grandi fiamme. Insomma, 

               io che dovrei avere il fervore dello spirito, 

    ho il fervore della carne, della libidine, della pigrizia, 

                         dell’ozio e della sonnolenza” (23)

In un altro scritto, Lutero è altrettanto chiaro: “Sono un uomo esposto e coinvolto nella vita di società, nella crapula, nelle passioni carnali, nella negligenza ed in altre molestie(24)Lutero rapì dal convento una monaca cistercense, Caterina Bora, e la prese per amante. Nel 1525, “per chiudere le cattive lingue”, secondo quanto dichiarava, la sposò, nonostante tutti e due avessero fatto voto di castità. Lutero aveva una chiara nozione della riprovevole azione che aveva compiuto. Egli scrisse al riguardo: 

“Con il mio matrimonio sono diventato così spregevole 

che gli angeli rideranno di me e i demoni piangeranno” (25).

 

Caterina, però, non fu l’unica donna nella sua vita. Egli aveva la brutta abitudine di avere rapporti carnali con monache apostate, che egli stesso adescava dai conventi. Su di lui scriveva il suo seguace Melantone: 

            “Lutero è un uomo estremamente perverso. 

          Le suore che egli ha tirato fuori dal convento 

                   lo hanno sedotto con grande astuzia 

                        ed hanno finito col prenderlo. 

           Egli ha con loro frequenti rapporti carnali” (26).

 

Lutero non faceva segreto della sua immoralità. In una lettera all’amico Spalatino leggiamo infatti: 

             “Io sono palesemente un uomo depravato. 

                     Ho tanto a che fare con le donne, 

 che da un po’ di tempo sono diventato un donnaiolo. (…) 

              Ho avuto tre mogli allo stesso tempo, 

  e le ho amate così ardentemente che ne ho perse due, 

              andate a vivere con altri uomini” (27).

 

Lutero aveva anche il vizio dell’ubriachezza e della gola: 

Nel bere birra non c’è nessuno che si possa paragonare a me”. In una lettera a Caterina, diceva: “Sto mangiando come un boemo e bevendo come un tedesco. Lodato sia Dio!” (28). Verso la fine della vita, l’ubriachezza lo dominava totalmente: 

    “Spendo le mie giornate nell’ozio e nell’ubriachezza” (29)

23. Cit. in De Wette, op. cit., II, p. 22. 24. Cit. in Id., ibid., I, 232. 25. Cit. in Id., ibid., III, 2,3. 26. Cit. in Id., ibid., III, 3. 27. Cit. in Id., ibid., III, 9. 28. In Carl August Burkhardt, Dr. Martin Luther, Briefwechsel, Leipzig, 1886, p. 357. 29. Cit. in De Wette, op. cit., II, 6.

   Bestemmiatore                                                      

Ma forse in nessun altro campo si è manifestato tanto il cattivo spirito di Lutero quanto nella sua tendenza a bestemmiare, specie contro la Chiesa e il Papato. Seguono alcuni esempi, tratti dalle sue lettere e sermoni.

                     “Certamente Dio è grande e potente, 

             buono e misericordioso, ma è anche stupido. 

                  Deus est stultissimus. È un tiranno” (30)

        "Cristo ha commesso adulterio una prima volta 

      con la donna della fontana di cui ci parla Giovanni. 

                      Non si mormorava intorno a lui: 

                         Che ha fatto dunque con essa? 

Poi ha avuto rapporti sessuali con Maria Maddalena, 

                        quindi con la donna adultera. 

                                  Così Cristo, tanto pio, 

     ha dovuto anche lui fornicare prima di morire” (31).

30. Martin Luther, Tischreden, No. 963, Werke, ed. Weimar, I, 478. 31. Martin Luther, Tischreden, No. 1472, Werke, ed. Weimar, II, 107.

  Contro Dio e contro la Messa                                  

Lutero fa di Dio il vero responsabile del tradimento di Giuda e della rivolta di Adamo. “Lutero — commenta lo storico protestante Funck Brentano — arriva a dichiarare che Giuda, tradendo Cristo, agì per imperiosa decisione dell’Onnipotente. La sua volontà [di Giuda] era diretta da Dio; Dio lo muoveva con la sua onnipotenza. Lo stesso Adamo, nel paradiso terrestre fu costretto ad agire come agì. Egli fu messo da Dio in una situazione tale che gli era impossibile non cadere” (32).

                “Tutte le case chiuse, tutti gli omicidi, 

                         le morti, i furti e gli adulteri 

           sono meno riprovevoli dell’abominazione 

                              della Messa papista” (33)

32. Brentano, op. cit., p. 246. 33. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, XV, 773-774.

 Contro la Chiesa e il papato                                      

Non meraviglia che, mosso da tali idee, Lutero scrivesse a Melantone a proposito delle sanguinose persecuzioni di Enrico VIII contro i cattolici inglesi: “È permesso abbandonarsi alla collera, quando si sa che specie di traditori, ladri e assassini sono i papi, i loro cardinali, i loro legati. Piacesse a Dio che vari re di Inghilterra si impegnassero a farli scomparire(34)"Perché non acchiappiamo papa, cardinali e tutta la cricca della Sodoma romana e ci laviamo le mani con il loro sangue?” (35)"La corte di Roma è governata per un vero Anticristo, di cui ci parla S. Paolo. (…) Credo di poter dimostrare che, nei giorni nostri, il Papa è peggiore dei turchi”(36) “Così come Mosè ha distrutto il vitello d’oro, così dobbiamo fare noi con il papato, fino a ridurlo in ceneri. (…) Vorrei abolire tutti i conventi, vorrei farli sparire, raderli al suolo (…) affinché di essi non rimanga sulla terra neanche la memoria” (37). Nella risposta alla bolla di scomunica, Lutero scrisse con arroganza: “Io e tutti i servi di Gesù Cristo riteniamo ormai il trono pontificio occupato da Satana, come la sede dell’Anticristo, noi ci rifiutiamo di ubbidire” (38). 

34. Cit. in Brentanno, op. cit., p. 254. 35. Id., ibid., p. 104. 36. Id., ibid., p. 63. 37. Martin Luther, Werke, ed. Weimar, VIII, 624. 38. Cit. in Brentano, op. cit., p. 100.

Lutero è morto in mezzo a orribili bestemmie contro il Papato, contro la Chiesa e contro i santi. Sentendo arrivare la fine, ha dettato una “preghiera” che finiva così:

          “Muoio odiando il Papa. (…) Vivo, io ero la tua peste, 

                            morto sarò la tua morte, o Papa!”

                                                  Martin Lutero

Julio Loredo

Direttore responsabile Associazione Tradizione Famiglia Proprietà,

Viale Liegi 44, 00198 Roma

partecipa al dibattito – infounicz.europa@gmail.com

______________________________________________________________________________________________________________

 Video correlati                                                           

Idolatria del denaro e protestantesimo – YouTube

 

______________________________________________________________________________________________________________

 Articoli consigliati                                                    

Motivazioni e moventi veri di Lutero… errori ed eresie

Motivazioni e moventi veri di Lutero… errori ed eresie

Venerdì, 23 Settembre/ 2016    di Corrado Gnerre  Redazione Quieuropa, Corrado Gnerre, Confederazione Civiltà Cristiana, Martin Lutero, Riforma Protestante, volontarismo, fideismo, transustanziazione, 95 tesi, eresia protestante   Motivazioni e moventi veri di Lutero… errori ed eresie Perché nacque la Riforma Protestante? Quali furono i suoi reali motivi? Quali i miti da sfatare? Eresie ed errori del [...]

Protestantesimo & Co – La falsa gnosi, da Lutero a Hegel

Protestantesimo & Co – La falsa gnosi, da Lutero a Hegel

Mercoledì, Giugno 24th, 2015 – di Piero Vassallo -  Redazione Quieuropa, Falsa gnosi, Piero Vassallo, protestantesimo, luteranesimo, gnosi, Karl Rosenkranz, Alma von Stockhausen, Alexandre Kojève, Jacques Lacan, Pierre Klossowski, Jean Paul Sartre, Georges Bataille e André Breton, Alexandre Kojève, Lutero, filosofia della morte  Religione – Riflessioni su gnosi, luteranesimo, protestantesimo e modernismo Protestantesimo & Co – La falsa gnosi, da Lutero a [...]

Mondanizzazione e giudaizzazione massonica nella Chiesa, da Lutero ad oggi – 1

Mondanizzazione e giudaizzazione massonica nella Chiesa, da Lutero ad oggi – 1

Sabato,  9 Aprile/ 2016  - di Floriana Castro / Antimassoneria  - Redazione Qui Europa, Redazione Antimassoneria, Floriana Castro, Messia, Lutero, Protestantesimo, giudaizzazione della Chiesa  Mondanizzazione e giudaizzazione massonica  nella Chiesa, da Lutero ad oggi – 1 Breve storia dell’assedio (temporaneo) alla civiltà cristiana  da parte della giudeo-massoneria    di Floriana Castro / Antimassoneria  L'ondata massonico-protestante contro la Chiesa di Cristo [...]

Deriva Gender, Massoneria e Protestantesimo: a Cagliari la prima unione gay battista

Deriva Gender, Massoneria e Protestantesimo: a Cagliari la prima unione gay battista

 Martedì,  Luglio 8th/ 2014  - di Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Massoneria, protestantesimo, deriva gender, chiesa battista di Cagliari, matrimonio Ggay, origini del piano gender, alice Bailey,  clamorose dichiarazioni della chiesa protestante tedesca, Protocolli dei Savi di Sion", "l'Agenda degli illuminati, Duca di Kent, Edward Windsor, Gran Maestro della Gran Loggia  Unita di Inghilterra, Enrico VIII, Edoardo VI, Riforma anglicana, [...]

Henry Delassus: “L’Americanismo e la Congiura Anticristiana”

Henry Delassus: “L’Americanismo e la Congiura Anticristiana”

 Sabato, 25 Giugno/ 2016     - di Don Curzio Nitoglia - Redazione quieuropa, Mons. Henry Delassus, Don Curzio Nitoglia, Le Forze Occulte della Sovversione, Giudaismo, Massoneria, Liberalismo, millenarismo gioachimita, Israele, America, esoterismo, massoneria, ecumenismo e mondialismo, Adolfo Crémieux, Magistero della Chiesa, condanna dello spirito americanista, Bergoglio, Pio VI, libertà assoluta della persona umana, libertà di pensiero, Gregorio XVI, Pio IX, separatismo tra stato e Chiesa, Leone XIII, liberalismo largo, tolleranza dogmatica, cosmopolitismo, mondialismo, globalizzazione,  infiltrandosi in ogni nazione, [...]

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 1

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 1

Martedì,  Aprile 14th/ 2015 – di Sergio Basile - Redazione Quieuropa,  Nuovo Ordine Mondiale, British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo,  Giudeo-Massoneria, minando la cultura cristiana, unità "spirituale" delle chiese a livello mondiale, ecumenica, Fratellanza Mondiale, messaggio eucaristico e salvifico del Cristo, regno di Dio sulla terra, Richard Brothers, John Wilson, Lady Diana, Royal Family, Principe di Galles,  Rabbi Jacob Snowman, comunità giudeo-britannica, re britannici, Stato di Israele. La madre della [...]

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 2

Conoscere il Nuovo Ordine Mondiale – British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo – 2

Giovedì,  Aprile 30th/ 2015 – di Sergio Basile - Redazione Quieuropa,  Nuovo Ordine Mondiale, British Israel, Ecumenismo e Protestantesimo,  Giudeo-Massoneria, minando la cultura cristiana, unità "spirituale" delle chiese a livello mondiale, ecumenica, Fratellanza Mondiale, messaggio eucaristico e salvifico del Cristo, regno di Dio sulla terra, visione razzista ed élitaria del popolo di Dio, William Smith, Epiphanius, la Provvidenza ha scelto come guida il popolo nordico, falsa e strumentale filantropia, falce [...]

Il Modernismo è intrinsecamente perverso e non è lecita nessuna cooperazione con esso

Il Modernismo è intrinsecamente perverso e non è lecita nessuna cooperazione con esso

Giovedì, 27 Ottobre/ 2016    – di Don Curzio Nitoglia –  Redazione Quieuropa, Don Curzio Nitoglia, Modernismo, San Pio X, Comunismo, Bergoglio   Il Modernismo è intrinsecamente perverso e non è lecita nessuna cooperazione con esso Quali sono i rischi che minacciano i cattolici?                   "Siate forti! No si deve cedere dove [...]

Senza Cristo nessuna Pace, altro che incontri interreligiosi!

Senza Cristo nessuna Pace, altro che incontri interreligiosi!

Giovedì, 22 Settembre/ 2016    di Patrizia Stella  Redazione Quieuropa, Patrizia Stella, Congresso Eucaristico, Genova, Bergoglio, Genova, Eucaristia sommo bene   Senza Cristo nessuna Pace, altro che incontri interreligiosi!  Gesù Cristo è l'unico e sommo bene! Eppure c'è chi salta il Congresso Eucaristico… Bergoglio.   di Patrizia Stella                   [...]

E’ lecito Parlare di “Chiesa Conciliare” Sostanzialmente Diversa dalla Chiesa Cattolica?

E’ lecito Parlare di “Chiesa Conciliare” Sostanzialmente Diversa dalla Chiesa Cattolica?

Venerdì, 19 Agosto/ 2016    – di Don Curzio Nitogliad -i    Redazione Quieuropa, Don Curzio Nitoglia, Cardinal Bacci, Cardinal Ottaviani, Conciclio Vaticano II, Chiesa Cattolica, Novus Ordo Missae, Chiesa Conciliare, Cardinal Benelli, Cardinal Koch, arianesimo, eresie anti-trinitarie, Don Francesco Putti, Albert Lang  E' lecito Parlare di “Chiesa Conciliare”  Sostanzialmente Diversa  dalla Chiesa Cattolica?   Verità e principi [...]

Dalla Risurrezione in poi… a proposito di ecumenismo ed ebraismo

Dalla Risurrezione in poi… a proposito di ecumenismo ed ebraismo

Lunedì dell'Angelo,  Aprile 6th/ 2015 – di Sergio Basile  - Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Ecumenismo ed ebraismo, Benedetto XV, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI, Papa Francesco, Andrea Giacobazzi, Resurrezione, Settimana Santa, Vittoria di Dio e Salvezza dell'uomo, Pio XII, San Pio X, Betlemme, muro della vergogna, vergognosa situazione della Palestina, documenti dei papi contro il sionismo, Theodor [...]

Anglo-Israelismo e Protestantesimo: le filantropiche dichiarazioni del Duca di Edimburgo

Anglo-Israelismo e Protestantesimo: le filantropiche dichiarazioni del Duca di Edimburgo

Lunedì, 25 Luglio/ 2016     - di Sergio Basile - Redazione quieuropa, Regno Unito, Sergio Basile, Angloisraelismo, Duca di Edimburgo, Regina Elisabetta, Londra, Protestantesimo, Commonwealth, British Israel, Nuovo Ordine Mondiale, Test Act   Anglo-Israelismo e Protestantesimo: le filantropiche dichiarazioni del Duca di Edimburgo Lo spirito eugenetico del Nuovo Ordine Mondiale nelle vive parole del consorte della Regina Elisabetta   [...]

Tremendi Castighi sull’Italia e sul Mondo: coincidenza delle profezie sugli ultimi tempi

Tremendi Castighi sull’Italia e sul Mondo: coincidenza delle profezie sugli ultimi tempi

Martedì, 2 Agosto/ 2016     - di Don Curzio Nitoglia - Redazione quieuropa, guerra di religione, Don Curzio Nitoglia, tremendi castighi sull'Italia e sul mondo, Fatima, Civitavecchia, Tre Fontane, apostasia nella Chiesa, Roma,  Punizione del cielo, ultimi rimedi contro il male, Rosario, devozione al Cuore Immacolato di Maria, profezie sugli ultimi tempi  Tremendi Castighi sull’Italia e sul Mondo: coincidenza delle [...]

La duplice strategia dei nemici di Cristo per la dissoluzione: ecumenismo e scisma nella Chiesa

La duplice strategia dei nemici di Cristo per la dissoluzione: ecumenismo e scisma nella Chiesa

  Venerdì, 5 Agosto/ 2016     - di  Sergio Basile  -  Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Michael Snyder, Mondialismo, Massoneria, guerra di religione, Bergoglio, apostasia nella  Chiesa, Roma, ecumenismo, unica religione mondiale, unico tempio di preghiera, The House of One, Berlino, San Giovanni Bosco,  Il Cattolico istruito nella sua religione   La duplice strategia dei nemici di Cristo per   la dissoluzione: ecumenismo [...]

L’origine ebraica del protestantesimo in Bernard Lazare

L’origine ebraica del protestantesimo in Bernard Lazare

  Domenica, Marzo  1st / 2015       – di Andrea Giacobazzi - Iniziativa di Libero confronto, "Pensa e Scrivi" di "Qui Europa" Redazione Quieuropa, Andrea Giacobazzi, Cattolicesimo Romano, Bernard Lazare, Protestantesimo ed ebraismo, Giudaismo ed eresie cristiane, semitismo ed antisemitismo, Lutero e Maometto, Ebionismo, cristiani giudaizzanti,  il Messia non fu riconosciuto da tutti i giudei, eterodossie farisaiche, Pasagiani, l’eresia di Orléans, setta [...]

Papa Francesco simpatizza con i protestanti. Dalla scomunica alla legittimazione?

Papa Francesco simpatizza con i protestanti. Dalla scomunica alla legittimazione?

Mercoledì,  Luglio 30th/ 2014 - di Don Floriano Pellegrini - Iniziativa di Libero Confronto, Pensa e Scrivi di Quieuropa Redazione Quieuropa, Don Floriano Pellegrini, Papa Francesco, Caserta, protestanti, scomunica, legittimazione, chiesa modernista, ecumenismo, Giovanni Traettino, Buenos Aires, Papa Bergoglio, Unità nella diversità  Papa Francesco simpatizza con i protestanti. Dalla scomunica alla legittimazione? Ecumenismo, Globalizzazione e "unità nella diversità" (motto dell'UE): [...]

Chiesa, Famiglia e Protestantesimo – Deriva UK: Figli su Misura per Omosessuali

Chiesa, Famiglia e Protestantesimo – Deriva UK: Figli su Misura per Omosessuali

Martedì,  Agosto 5th/ 2014 - Sergio Basile - Redazione Quieuropa, Sergio Basile, Inghilterra, Londra, omosessuali, Gender, UK, Dudley Wright, John Ankerberg, America, sinodo di ottobre sulla famiglia, columnist del National Catholic Reporter, mondo protestante, massoneria, chiesa evangelica, chiesa anglicana, matrimonio, adozione, Instrumentum Laboris, Assemblea Generale della Chiesa di Scozia, Michael Nazir-Ali, Conferenza Metodista d’Inghilterra del 1985, questo nuovo documento di lavoro non accusa i teologi dissidenti, [...]

La strada protestante – Donne Vescovo per la Chiesa Anglicana UK

La strada protestante – Donne Vescovo per la Chiesa Anglicana UK

Mercoledì,  Luglio 16th/ 2014  - Redazione Qui Europa - Redazione Quieuropa, vescovi donna, chiesa anglicana, York, Londra, tradizione della chiesa cattolica, Giovanni Paolo II, arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, Regina elisabetta II, sinodo generale dei vescovi anglicani, la tradizione delle sacre scritture  La strada protestante – Donne Vescovo per la Chiesa Anglicana UK. Cosa dice la Scrittura?  [...]

Il Nuovo Ordine, la moda e l’errore dell’ecumenismo

Il Nuovo Ordine, la moda e l’errore dell’ecumenismo

Mercoledì,  Settembre 10th/ 2014  – di Don Floriano Pellegrini - Redazione Quieuropa,  Belluno, Roma, Don Floriano Pellegrini, Ecumenismo, Belgio, moda dell'ecumenismo, errori dell'ecumenismo, Anversa, Nuovo Ordine mondiale, a braccetto con i sommi sacerdoti, cattolicesimo modaiolo, veri testimoni, fraternità cristiana e fratellanza mondialista, Gesù non ha fatto ecumenismo, morte in croce per la verità  Il Nuovo Ordine, [...]

Le dichiarazioni shock della Chiesa Anglicana tedesca

Le dichiarazioni shock della Chiesa Anglicana tedesca

Lunedì, Luglio 8th/ 2013 – di Maria Laura Barbuto -  Europa, Unione Europea, Germania, Berlino , Matrimonio, Etica, Società, Morale, Cristianesimo, Religione, Famiglia tradizionale, Genitori, Figli, Matrimoni gay, Unioni civili, Libertà, Diritti umani, Chiesa Evangelica, Protestanti, Vita, Die Welt   La pazzia protestante: "Allarghiamo il concetto di famiglia e matrimonio!" Le dichiarazioni shock della Chiesa Anglicana e la [...]

L’Apocalisse secondo i Padri della Chiesa e l’annientamento dell’anticristo

L’Apocalisse secondo i Padri della Chiesa e l’annientamento dell’anticristo

Sabato, 18 Giugno/ 2016     - di Don Curzio Nitoglia - Redazione quieuropa, Don Curzio Nitoglia, Parussia, Apocalisse, Gesù Cristo, Venuta finale, anticristo, giudaismo, Parabola di Luca, S. Ireneo, Leone XIII, Concilio Vaticano I, Concilio di Trento, seguaci dell'anticristo, eletti, papa Innocenzo III, Vangelo di S. Luca  L'Apocalisse secondo i Padri della Chiesa e l'annientamento dell'anticristo Il Piccolo Numero degli Eletti, [...]

L’ignoranza sul Mondialismo – Il Fenomeno Bergoglio come sintomo del declino del Mondo Moderno

L’ignoranza sul Mondialismo – Il Fenomeno Bergoglio come sintomo del declino del Mondo Moderno

Sabato, 30 Luglio/ 2016     - di Don Curzio Nitoglia e Sergio Basile - Redazione quieuropa, guerra di religione, Polonia, GMG, Don Curzio Nitoglia, Sergio Basile, Mario Palmaro e Alessandro Gnocchi, Chesterton, Papa Bergoglio, Rivoluzione culturale, Richard Wagner, Francesco I, John Lennon, gesto del dio cornuto, musica pop, musica rock, Scuola di Francoforte,Yellow Submarine, Adorno, Marcuse, Sant'Ambrogio, Albert Pike, moneta debito, [...]

Non è lo stesso Dio!

Non è lo stesso Dio!

Domenica, 31 Luglio/ 2016     - di Patrizia Stella - Redazione Qui Europa, Patrizia Stella, Gesù Cristo, Maometto, Allah, CEI, Galantino, Santissima Trinità, Santa Messa, Rosario, Celebrazione eucaristica, messa comune, Bergoglio   Tutti a Messa! Ma non è lo stesso Dio! Cosa c'entra Gesù con Maometto? La Cei plaude alla strana iniziativa di qualche Iman, di  invitare i musulmani a partecipare, in segno di pace [...]

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS
ICO APPDavide Veraldi logo

Login

Share This Post

DeliciousDiggGoogleStumbleuponRedditTechnoratiYahooBloggerMyspaceRSS

Archivio Qui Europa